Concerti La Spezia Sabato 4 agosto 2007

Giovanni Allevi: «la mia musica libera»

Giovedì 6 settembre Giovanni Allevi sarà al Molo di Monterosso con il suo Joy Tour 2007. L'ingresso è gratuito.

Ma dopo la BMW e la Cinquecento non rischi di diventare un autore di musica da spot?
«Beh, non ci ho mai pensato. In effetti potrebbe essere. Io comunque non guido e non possiedo un’auto. La mia musica è libera e va dove è richiesta».
La risposta di disarma e diverte. La sua Back to life è colonna sonora del nuovo spot FIAT e Panic è la musica che accompagna la promozione del Servizio Civile Nazionale. BMW aveva scelto invece il brano Come sei veramente, tratto dall’album No Concept era tratta Come sei veramente, per lanciare la Serie 3 Touring).

Joy è l’ultimo e osannato album di Allevi, che in meno di dieci mesi ha venduto oltre 70.000 copie: «ho registrato Joy senza averlo mai suonato prima, se non nella mia mente: il pianoforte deve restare per me un’isola incontaminata da esplorare. L’emozione ha il sopravvento sulla tecnica, l’intensità dell’attimo supera l’esperienza. Ci ho messo cinque giorni, chiuso in studio di registrazione per dieci ore al giorno ma circondato dal talento, lucido e appassionato, dei miei collaboratori e dalle loro premurose attenzioni. Ho seguito il mio suono, che è diverso per ciascun brano.
Ho liberato con attenzione le risonanze, la parte più istintiva ed imponderabile, affinché queste mi avvolgessero all’altezza del cuore. Davanti alla Musica non ho scelta: mi assale, destata da ciò che mi circonda nella quotidianità ed io, con impegno maniacale, le do la forma che lei stessa mi chiede. Finché non lo faccio, continua a girare nella mia testa anche per anni, procurandomi problemi di attenzione e di percezione. Joy è la mia libertà di espressione musicale».

Lui, il nuovo fenomeno della musica, si è esibito a New York il 21 maggio scorso con un doppio sold out al Blue Note, e in Cina con due concerti a Shanghai. E dopo un tutto esaurito a Roma, giovedì 6 settembre Giovanni Allevi sarà al Molo di Monterosso con il suo Joy Tour 2007 (ingresso gratuito).
Il 14 settembre sarà a Sarajevo e il 22 settembre a Belgrado. Questa sua aria alla “Schultz” lo rende carico di umanità: Giovanni conversa con il pubblico e lo ipnotizza presentando con spontanea allegria e con un tocco di fantasia ogni sua canzone, in particolare quelle dell’ultimo album. «Panic è nata guardando le persone dal vetro dell’ambulanza. E’ proprio strano che, in un momento di così grande paura, sia venuta a trovarmi una melodia tanto dolce. In realtà serve solo a ricordare che ogni tanto è necessario fermarsi e lasciarsi cullare dall’esistenza».

«Una volta ho avuto l’onore di guidare un aereo, piccolo piccolo, in balìa del vento, sopra ai limpidi cieli di New York. Nella mia testa questa musica ha coperto la fatica del piccolo motore ad elica. Così è nata Viaggio in aereo: due mani, dieci dita, ma una sola nota alla volta, una dietro l’altra». Ed ecco invece come è nata Il bacio: «ho invidiato Il bacio di Gustave Klimt. Anche io volevo disegnare in note il mio bacio».
Il suo pubblico, molto variegato, è composto anche da giovanissimi (incredibile, ma vero) e al termine di ogni concerto non manca mai la standing ovation. Lui non si tira indietro neppure a concerto finito. Sono diventati famosi e ormai fanno parte del personaggio (ma anche della bella persona), il suo autografo con il pupazzo disegnato. Centinaia di persone lo aspettano alla fine del concerto per parlare con lui e Allevi trova sempre il modo di rispondere e avviare un breve dialogo. Questa sorta di processione pagana va avanti per ore.

«Al San Carlo di Napoli – ci racconta una persona dello staff – gli inservienti, dopo oltre due ore che Allevi parlava con i fan, ci hanno sbattuti fuori e lui ha continuato nella piazzetta davanti al teatro ad autografare e a disegnare pupazzi».
Giovanni Allevi è lettore accanito del brasiliano Coelho - «leggo però appena una pagina al giorno, perché mi soffermo per delle ore a meditare su ogni singola frase», racconta - e un appassionato di fumetti: «mi avvincono le storie di Dylan Dog».
Prima dei suoi spettacoli ha un rituale tutto suo: due giorni prima del concerto va in piscina e, nuotando lentamente sott’acqua, ripassa nella mente ogni nota, ogni movimento delle dita. Prima del concerto, poi, mangia sempre una fetta di torta Sacher. Poi accarezza la tastiera del pianoforte e gli sussurra di fare il bravo.

Potrebbe interessarti anche: , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Rovazzi: il nuovo video Faccio quello che voglio ambientato anche a Genova , Niente Festival Cresta 2018 ai Giardini Baltimora: «Nessuno ci ha detto nulla» , Villa Bombrini Estate V!va 2018: programma, concerti ed eventi , EstateSpettacolo 2018 al Porto Antico: programma, concerti ed eventi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Hereditary Le radici del male Di Ari Aster Horror U.S.A., 2018 Quando l’anziana Ellen muore, i suoi familiari cominciano lentamente a scoprire una serie di segreti oscuri e terrificanti sulla loro famiglia che li obbligherà ad affrontare il tragico destino che sembrano aver ereditato. Guarda la scheda del film