Concerti Imperia Martedì 6 febbraio 2018

Festival di Sanremo 2018, la squadra di Baglioni ai nastri di partenza. E le prove dei Big

© Alessandra Chiappori

Genova - Sfilano gli artisti sul red carpet allestito, come ormai da tradizione, fuori dal Teatro Ariston di Sanremo su una via Matteotti illuminata a giorno, e sfilano insieme le canzoni che popoleranno la 68esima edizione del Festival di Sanremo in partenza questa sera su Rai Uno.

Il “dittatore artistico”, così si è simpaticamente autodefinito Claudio Baglioni, crede molto nel lavoro della sua squadra e, fedele ai 50 anni di musica che lo vedono protagonista, ha curato con meticolosità ogni aspetto delle prove che si sono ripetute fino a ieri in teatro, seduto nelle prime file per non perdersi nemmeno un’esibizione e per mettere a punto il copione.

Tra la platea dell’Ariston, quest’anno ridotta di moltissime poltrone “mangiate” dalla scenografia imponente, si sono dati il cambio durante le prove aperte artisti, discografici, giornalisti, ma anche facce note, come quelle del direttore d’orchestra Massimo Morini, dei Buio Pesto, e ancora Rocco Tanica, nelle vesti di addetto alla rassegna stampa del Dopofestival e non sul palco insieme alla band di cui è storico tastierista, gli Elio e le storie tese, quest’anno in gara nonostante – o forse proprio per celebrare - il recente addio alle scene annunciato nel 2017.

Niente più eliminazioni e tempo massimo di durata delle canzoni ampliato sono le principali novità che faranno di questo Sanremo un festival di artisti per gli artisti, in quello che il direttore di Rai Uno Angelo Teodoli ha definito un piccolo strappo alla regola e un prodotto meno televisivo e più artistico. Del resto, la canzone italiana sarà la stella polare di un Baglioni ritrovatosi all’insolito comando di una nave che, in quanto gara di canzoni, ben si sposa con la sua carriera di artista da sempre immerso nel mondo della musica. «La canzone italiana ha la forza evocativa di un profumo – ha spiegato il direttore artistico della 68esima edizione – parole e musica, poi, sono due materiali diversi da assemblare, specialmente nella nostra lingua. È una cosa seria, ma è anche un gioco».

Ed è anche una mostra, uno show, interamente declinato in chiave musicale per rappresentare il panorama attuale e tutte le sue sfumature di colore, come invitava a immaginare il promo del Festival, dove i conduttori dipingevano una parete bianca. Un pronostico che, a giudicare dai primi ascolti delle canzoni in prova, potrebbe davvero coincidere con quello che gli italiani ascolteranno nella gara tra i venti big e le otto nuove proposte e saranno chiamati a votare. Il cast è vario, si passa dal brano che fa ballare e sorridere di Lo stato sociale, Una vita in vacanza, al classico duetto Fogli-Facchinetti, insieme anche al pianoforte, e ancora alla grinta inossidabile di Noemi e a quella, altrettanto potente, di Nina Zilli. Mario Biondi porta all’Ariston voce, taglio e atmosfera da club jazz, in un inedito testo in italiano, mentre a solleticare l’attenzione dei critici musicali è invece la canzone di Ron, Almeno pensami, eredità di Lucio Dalla. Sanremo 2018 saluta anche il ritorno delle Vibrazioni, presenti con un brano grintoso che trova il consenso della stampa. Si succedono le storie, tra una canzone e l’altra, dove l’amore è raccontato in tante sfumature, tra emozioni, nostalgie, energie, un viaggio nella leggenda, con Max Gazzè e la sua La leggenda di Cristalda e Pizzomunno, e un vivo ritorno alla realtà degli anni Duemila come suggerisce il titolo Adesso, di Diodato e Roy Paci.

I mezzi tecnici della Rai sono, come sempre imponenti: 290 tecnici lavorano in un vero e proprio centro di produzione, con sei diverse location spesso in simultanea, esterne e il truck di Radio Due, per un Festival ad alta innovazione che, con telecamere all'avanguardia e migliaia di metri di cavi elettrici, audio e fibra ottica,  punta a un'esperienza visiva vicina alla perfezione.

Il suono che le prove hanno restituito è quello di una perfetta macchina tecnica (per la prima volta Sanremo 2018 suonerà in audio 5.1), ma soprattutto quello di una grande orchestra che accoglie gli artisti in gara in un vero abbraccio, favorito dalla spettacolare e avveniristica scenografia che, lo ha ribadito il direttore artistico, ha la volontà di riportare al centro ancora una volta la musica, e per questo ricorda la forma di un auditorium, “casa” ideale per i professori d’orchestra, quest’anno vestiti in bianco in sintonia con l’imponente allestimento.

La festa è dunque pronta a partire, ogni dettaglio è al suo posto e, con una buona dose di timore, anche la squadra Baglioni-Hunziker-Favino non vede l’ora di calcare il palco e dare il via alle danze. Ad aprire la prima diretta di questa sera sarà uno dei tanti personaggi che nel corso degli anni sono passati dal palco in veste di cantanti in gara, Fiorello, chiamato a fare da “agitatore di pubblico” in apertura. Non ci sarà Laura Pausini, che rimanda l'ospitata a causa di una forte laringite.

Si resterà in Italia anche con gli ospiti cinematografici: dal set del suo nuovo A casa tutto bene, il regista Gabriele Muccino porterà con sé il cast completo, con nomi come Stefano Accorsi, Sabrina Impacciatore, Massimo Ghini, Claudia Gerini, Gianmarco Tognazzi e lo stesso Pierfrancesco Favino, già sul palco.

Nessuna indicazione sulla durata della serata televisiva che, è facilmente immaginabile, traghetterà il pubblico fino a tarda notte per poi lasciare posto al Dopofestival con la sua scoppiettante formazione. In testa Edoardo Leo, e poi Sabrina Impacciatore, Carolina Di Domenico e Rocco Tanica per un format che commenterà quanto accaduto all’Ariston in un’atmosfera familiare, proponendo inoltre una sua miniclassifica ironica e tutta speciale alla miglior canzone che, promette il team, sarà premiata con un Baglioni d’oro

Potrebbe interessarti anche: , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Rovazzi: il nuovo video Faccio quello che voglio ambientato anche a Genova , Niente Festival Cresta 2018 ai Giardini Baltimora: «Nessuno ci ha detto nulla» , Villa Bombrini Estate V!va 2018: programma, concerti ed eventi , EstateSpettacolo 2018 al Porto Antico: programma, concerti ed eventi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Crazy & Rich Di Jon M. Chu Commedia, Romantico U.S.A., 2018 La newyorkese Rachel Chu accompagna il suo fidanzato di lunga data Nick Young al matrimonio del suo migliore amico a Singapore. Emozionata perché visiterà l’Asia per la prima volta, ma nervosa perché conoscerà la famiglia... Guarda la scheda del film