Concerti Imperia Sabato 8 marzo 2003

Sanremo: tempo di guardare indietro (4)

Genova - Da Leggi l'articolo

È finito lo show, come tutte le produzioni importanti sarà necessario per i responsabili fare un consuntivo preciso, mai come quest’anno sarà necessario farlo approfondito. I commenti sono i più disparati possibili, in realtà, ricalcano le cose dette nei giorni scorsi.
Il Festival è in crisi e le ragioni sono diverse. Provare a porvi rimedio un obbligo da parte dell’azienda che se ne occupa da sempre e che da sempre con quest’entità ha uno scambio vitale, un baratto unico, indispensabile per la sopravvivenza felice di entrambi. Siccome gli stimoli sono stati innumerevoli, ho creduto di riassumere, lo ammetto in un gioco poco originale, tutti i possibili commenti sui convenuti alla rassegna canora.
Perciò partendo dalla lettera A commenterò, ironicamente spero, il Circo del Festival che oggi avrà il suo ultimo atto istituzionalizzato a “Domenica In”.

A come Autieri, Alexia, Alina: brave, la prima un po’ filona, la seconda giusta vincitrice nella categoria Big, l’ultima promessa acerba già tecnicamente bravissima.

B come Britti, Body Guard: Alex è veramente un ottimo chitarrista, memorabile la Jam session notturna con Cammariere, peccato sia stato uno spettacolo per pochi. Irascibili, monumentali, onnipotenti, distorti totem della moderna comunicazione.

C come Caruso Pippo: cannolo siciliano gemello di Baudo, professionale direttore d’orchestra.

D come Dolcenera, Download, Discografici: Felicissimi vincitori tutti e tre, gli ultimi dovrebbero fare un profondo esame di coscienza, avessero anche loro più coraggio si potrebbe tornare ai tempi d’oro delle canzonette.

E come Enrico Ruggeri ed Andrea Mirò: Premiati per il testo impegnato, giusto! Una delle poche coppie non melense.

F come Frassica Nino: Non ci crederete forse, ma è un ottimo attore, lo preferisco nei panni del carabiniere amico di Don Matteo, li la sua comicità è misurata nel modo giusto.

G come Gerini Claudia, Giurie: Simpatica, brava, bella, le si apre una nuova carriera. Stella non solo televisiva dei prossimi anni. Ci vorrebbe un capitolo a parte, come ogni anno ci sono polemiche sull’argomento. Stranamente più criticabili le giurie di qualità, alcuni membri sembravano proprio non capirci niente.


Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

La donna elettrica Di Benedikt Erlingsson Drammatico 2018 Halla è una donna dallo spirito indipendente che ha superato da un bel po' la quarantina. Dietro la tranquillità della sua routine si nasconde però un'altra identità che pochi conoscono. Conosciuta come "la donna della montagna",... Guarda la scheda del film