Weekend Imperia Giovedì 3 aprile 2014

Festival dei palmizi: Sanremo torna al Medioevo

di

Genova - Sabato 5 aprile, Sanremo ospita il Festival dei palmizi. Dalle 15.00 alle 18.00, in piazza San Siro e dintorni, si svolge la rappresentazione storica di una scena di vita nella Sanremo medievale. Il periodo è quello che precede la Pasqua e coincide con la raccolta delle foglie di palma da destinarsi al rituale cristiano della Domenica delle Palme.

Documenti storici confermano l'estesa coltivazione di palme nel territorio di Sanremo e Bordighera e la rilevante importanza economica che questa attività rappresentava per il comprensorio. Al riguardo sono documenti di straordinario valore gli Statuti di Sanremo del XV secolo, che contenevano specifici capitoli per regolamentare la vendita e la commercializzazione delle fronde. Legato a questa tradizione agraria del comprensorio sanremese e bordigotto è il mito del Privilegio di Capitan Bresca. La tradizione vuole che sia stato un audace marinaio sanremasco a salvare l'obelisco che Papa Sisto V (1586) aveva ordinato di innalzare in Piazza San Pietro, urlando la celebre frase: Aiga ae corde! Come ricompensa per il provvidenziale intervento il marinaio ligure ottenne il privilegio - per se e per tutti i suoi discendenti - di essere il fornitore ufficiale delle foglie di palme per le chiese di Roma in occasione della Domenica delle Palme.

Il tradizionale invio è proseguito con vicende alterne fino agli anni '70 del XIX secolo. Nel 2004 il privilegio è stato nuovamente promosso dal Centro Studi e Ricerche per le Palme e dalla Coop. Sociale Il Cammino in collaborazione con i Comuni di Sanremo e Bordighera. Questa nuova fase del privilegio vede non l'invio a Roma di sole fronde, come un tempo, ma bensì diparmureliintrecciati secondo la tradizione del ponente ligure. Dal 2004 la processione della Domenica delle palme in Vaticano vede sfilare cardinali e vescovi con i preziosi parmureli.

La manifestazione in programma domenica 5 aprile vuole rievocare una scena quotidiana del mercato delle palme del XVI secolo, secondo un percorso formato da diverse tappe che intendono far rivivere i momenti più salienti dell'antica attività.

1) Slegatura della palma e raccolta dei bianchisimeli
Nella vicina piazza Siri Carli una bella palma papalina (con foglie come richiesto dalla tradizione cattolica), viene slegata e i bianchi germogli racchiusi sono recisi con strumenti tradizionali da un parmurà che, inabiti tradizionali, risale lungo il tronco. Ai piedi della palma le donne e i bambini raccolgono le foglie e le selezionano. I fasci dei germogli raccolti sono in parte caricati su un carretto in legno  trainato da un asinello e i restanti sistemati sul capo delle donne  camalle. Il piccolo corteo si avvia verso piazza San Siro.

2) Lavorazione delle foglie di palma
I giovani germogli appena raccolti vengono sistemati in vecchie corbe e successivamente intrecciati sulle panche allineate lungo la murata della cattedrale di San Siro. Il gruppo di lavoro è numeroso e vede la partecipazione di donne, uomini e bambini in abiti tradizionali. Il momento era anche gioioso per la città ed era paragonabile alla più comune festa della vendemmia.

3) I delitti delle palme
Il periodo della raccolta e della vendita delle palme nel periodo medievale era anche caratterizzato da azioni fuorilegge. Severi editti locali punivano in modo esemplare i trasgressori delle norme statutarie. Nel vicino locale del Batistero, si leggeranno brani di alcuni documenti storici di straordinario interesse.

4) Mercato delle palme
Nel centro di piazza San Siro sarà allestito un piccolomercato delle palme, dove acquirenti italiani e stranieri contratteranno l'acquisto delle foglie bianche per portarle verso le più lontane comunità cattoliche d'Europa. Venditori e compratori vestiranno costumi medievali e durante la compra vendita si sentiranno voci in dialetto sanremasco, ma anche in lingua straniera.

5) Trofeo Capitan Bresca
Sempre nella piazza, accanto al Mercato, si svolgerà la gara d'intreccio di parmureli (Trofeo Capitan Bresca). La gara è aperta a tutti, anche ai minori purché accompagnati da un parente. È una piacevole occasione per chi conosce la tecnica dell'intreccio e vuole cimentarsi in questa prova realizzando ilparmurelosecondo la tradizione locale. Sono previsti diversi riconoscimenti in funzione delle dimensioni dei manufatti e come indicato dal regolamento di concorso. L'intreccio si svolgerà direttamente in piazza, sotto gi occhi del pubblico. Nel corso del pomeriggio seguirà la cerimonia di premiazione.

6) La Comune
Sempre nella piazza sarà elevato un piccolo podio per accogliere gli stendardi, i gonfaloni e le bandiere delle varie rappresentanze alla manifestazione. Nello stesso luogo si svolgeranno la cerimonie di apertura e le premiazioni del Trofeo Capitan Bresca. Tra i vari vessilli sarà esposta anche una rappresentazione dei più tradizionali modi d'intreccio dei parmureli ponentini, ottenuta da una riproduzione fotografica che risale alla tradizionale Festa dei Palmizi che si è svolta a Sanremo ancora sul finire degli anni '50.

5) Trasferimento delle foglie bianche verso il Porto antico, alla barca delle palme di Capitan Bresca per il trasporto in Vaticano
Le bianche foglie, accuratamente scelte, saranno raccolte in fasci da 60 simeli,caricate su un carretto e trasferite al porto antico per essere simbolicamente stivate sulla barca delle palme di Capitan Bresca, che da lì sarebbe salpata per Roma. Il trasporto delle palme sarà accompagnato da un corteo formato da nobili, borghesi, religiosi e popolani, con figuranti in costumi storici.

L'evento sarà accompagnato dalle musiche arrangiate per l'occasione dalla Compagnia dei Musici Viandanti diretti da Freddy Colt. Musiche e danze medievali e seicentesche saranno proposte con strumenti a corda e fiato (arpe, mandolini, fagotti e flauti). I maestri della Compagnia, composta da Claudia Murachelli, Vittorio De Franceschi, Renzo De Franceschi, Davide Frassani e Freddy Colt, saranno rigorosamente in costume.

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

L'ape Maia Le olimpiadi di miele Di Alexs Stadermann, Noel Cleary Animazione Australia, Germania, 2018 Guarda la scheda del film