Concerti Imperia Giovedì 6 dicembre 2012

Place to be: 'Rust' è il primo album della band ligure

di

Genova - Si intitola Rust il primo album dei Place To Be, band elettro-acustico nata nell'estremo ponente ligure e formata da Lucio Zacchia (voce), Emanuele Rossi (chitarra), Claudio Keyo Ognibene (beat e scratch) e Mariano Dapor (violoncello).
Di natura sperimentale e dal sapore rock con contaminazioni elettroniche, Rust è un lavoro che racchiude 11 pezzi inediti e una cover, Hard to handle di Otis Redding, completamente rivisitata.

Sick & happy, già presente in rete con un video realizzato da Mizukovideo e presentato a Venezia in occasione dell’inaugurazione del Sony-Ericsson Mobile Festival) è la prima traccia del disco. Segue Alone, dal carattere più strumentale e lirico. I got a noise nasce da un inciso di chitarra e si sviluppa con carattere rag fra soli strumentali e improvvisazioni.
Ideologia perversa
, unica traccia in italiano del disco, alterna strofe rap a cantabili sospesi e destabilizzanti. La quinta traccia, elettronica e tiratissima, si intitola Better. A questa segue, quasi in antitesi, una traccia completamente strumentale dove affiorano chitarra e violoncello in un dialogo intimo e pacato: si intitola Place to Be.

Rust, traccia che da nome all'album, si apre fondendo i suoni acustici del violoncello e l'elettronica più spinta. Press play again è una registrazione, quasi improvvisata, dell'inizio di Like a videogame, nona traccia. Seguono If you really knew me, la cover Hard to handle e Happy & sick, versione bossa nova di Sick & happy nella quale si sono inseriti amici del gruppo fra i quali Claudio Biancheri, Christian Merlo, Ramon Gabardi, Erica Accardi e Valeria Grani. Bonus track, nonché tredicesima traccia, The ballad of King Orpheus, colonna sonora originale su testo di Mauro Boselli a supporto del numero 140 del fumetto Dampyr della Sergio Bonelli editore e realizzato dal disegnatore Alessandro Scibilia.

Normal 0 14 L'album Rust è stato registrato e masterizzato presso lo studio Bomboclub Studio di Ventimiglia. Progetto grafico e foto a cura di Mizukovideo. Sia The ballad of King Orpheus, sia Sick and Happy sono disponibili per il download su iTunes.

I Place to Be sono:

Lucio Zacchia (voce)
Lucio è la voce dei Cave Rats (genere blues) nella prima metà degli anni '90; in seguito fa parte dei Do It, gruppo rock che si esibisce per lo più in Francia. A fine anni '90 fonda con altri quattro elementi gli Original Sin. Ormai lavora da tempo a due progetti principali: Soundpressure e Place To Be.

Emanuele Rossi (chitarra)
Chitarrista ventimigliese cofondatore dei Place To Be e dei Soundpressure. Ha all'attivo tre album; il primo con i Onehundredmillionpeople dal titolo Before getting old del 1999, poi con il gruppo Soundpressure The lights of the city die” del 2009 ed ora con i Place To Be l'album Rust.

Claudio Keyo Ognibene (beat e scratch)
Appassionato di Djing e Music Production fin da giovane età Claudio "Keyo" Ognibene comincia a produrre i beat dal profondo Sud Italia e, mettendoli a disposizione dei rapper siciliani Essekappa e Zinky, fonda i Nakrìa nel 2005, all'attivo 3 album. Trasferitosi nell'estremo ponente ligure per motivi lavorativi nel 2010 conosce ed entra a far parte, prima come ospite poi come componente fisso, dei Place To Be.

Mariano Dapor (violoncello)
Proviene dal mondo della musica classica e si appassiona a generi diversi partendo dal proprio strumento. Si reinventa sia come strumentista che come musicista per cogliere l'essenza di ogni genere musicale. Nel 2009 fonda insieme al contrabbassista Fabrizio Bruzzone i Cellobassmetal sperimentando nuovi linguaggi e contesti sonori. Si appassiona all'elettronica associata agli strumenti acustici. Diventa arrangiatore di gruppi come i Labyrinth o turnista per Timo Tolkki degli Stratovarius. È invitato a collaborare con il produttore Nitin Sawhneysia come violoncellista che come arrangiatore. Con il gruppo Place To Be ha maturato un legame umano e musicale che, pur nel differente background, fonderà passioni e porterà novità sulla scena musicale indipendente.

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

La donna elettrica Di Benedikt Erlingsson Drammatico 2018 Halla è una donna dallo spirito indipendente che ha superato da un bel po' la quarantina. Dietro la tranquillità della sua routine si nasconde però un'altra identità che pochi conoscono. Conosciuta come "la donna della montagna",... Guarda la scheda del film