Concerti Imperia Venerdì 6 luglio 2012

I solisti dell'Orchestra Sinfonica di Sanremo in concerto a Villa Margherita

di

Genova - Sabato 7 luglio alle 21,30 la collaborazione tra la Fondazione Terruzzi e la Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo offre una magnifica occasione per una serata di musica con i solisti dell’Orchestra, accolti nella superba ambientazione di Villa Regina Margherita a Bordighera.

Luca Marzolla - violino e viola - e Mariano Dapor, violoncello, propongono un programma di brani scelti nell’ambito del classicismo e neoclassicismo da camera, in perfetta sintonia con il polo museale costituito dall’edificio progettato dall’architetto milanese Luigi Broggi (1851-1926) in stile Barocchino del ‘700 (che presenta forme sobrie e prelude alla formazione del gusto neoclassico), scelto personalmente dalla Regina Margherita e soprattutto, in continuità con la collezione ivi esposta, di proprietà della Famiglia Terruzzi, che raccoglie un importante nucleo di opere, eccezionali per varietà e qualità, che vanno dalle preziose tavole a fondo oro del Tre e Quattrocento ai dipinti del Sei e Settecento italiano ed europeo, oltre a mobili antichi, ceramiche e porcellane europee e orientali.

Gli autori scelti per il concerto si collocano dunque idealmente nell’orizzonte architettonico e artistico che la villa e il suo strepitoso contenuto di opere d’arte delineano.

Il duo op. 19 di Karl Stamitz (1745-1801) fa parte di una serie di sei duo assai aggraziati che riflettono in pieno lo stile della prestigiosa scuola di Mannheim , uno dei centri musicali più importanti d’Europa, in cui - tra il 1741 e il 1778 – avviene il passaggio stilistico fra la tradizione barocca e il classicismo viennese, oltre a mettere a punto un nuova qualità del lavoro orchestrale basato sulla perfezione del fraseggio, la precisione degli attacchi e l’ampiezza delle sfumature dinamiche.

Molto differente invece il duetto per viola e violoncello di Paul Hindemith (1895-1963) che si colloca fra i lavori che lui stesso chiamò Gebrauchsmusik ossia musica d’uso scritti per tutti gli strumenti, singolarmente o in gruppi, allo scopo di avvicinare alle sue opere ampi strati di pubblico. Hindemith si esprime in un consapevole accademismo che richiama le antiche forme della suite, della sonata e della fuga, accostandosi alla grande corrente della musica barocca e classica tedesca, ma le sue dissonanze pungenti e le melodie spigolose aggiungono un fascino sottile alle forme austere che rimandano a Bach e a Beethoven.

In finale di concerto il classicissimo duo KV 423 in sol maggiore di W. A. Mozart (1756-1791) è occasione per ricordare un magnifico gesto di generosità di Mozart nei confronti dell’amico Michael Haydn, fratello minore di Joseph, che a Salisburgo, nell’estate del 1783, si trova nell’impossibilità di completare una serie di Duo ordinatigli dall’arcivescovo Colloredo, al servizio del quale era succeduto a Mozart stesso. Michael Haydn, ammalato, tenta di scusarsi per il disguido ma il Colloredo, non precisamente un campione di simpatia e tolleranza, non sente ragioni e gli decurta immediatamente il salario. Allora – testimoniano due allievi di Haydn – “ Mozart, a conoscenza dell’accaduto, senza dir nulla all’amico, due giorni dopo gli portò i Duo già trascritti in bella copia”, mancava solo di aggiungere il nome di Michael Haydn prima di consegnarli all’arcivescovo. Dicono gli allievi che Haydn abbia conservato l’originale come una reliquia mentre a noi restano i due duetti, formalmente nello stile dei fratelli Haydn (numero dei tempi, tempo lento centrale, tema con variazioni nel Finale) ma squisitamente mozartiani nella sostanza musicale, ben più di una melodia per violino solo con un semplice accompagnamento.

Per finire un rapido sguardo al curriculum artistico dei due solisti.

Luca Marzolla è diplomato con il massimo dei voti e la lode in violino sotto la guida del maestro Glauco Bertagnin, presso il conservatorio “A. Vivaldi” di Novara. Si è perfezionato alla scuola superiore di Musica “L. Perosi” con Corrado Romano, a Portogruaro con Alissa Vaitsner e Pavel Vernikov, a Riva del Garda con Giuliano Carmignola, a Gardone Riviera con Uto Ughi. Ha frequentato i corsi di formazione orchestrale dell’Emilia Romagna (Budrio 1993, Imola 1995). È stato Prima parte dell’Orchestra Giovanile Italiana (Fiesole 1996-97), Primo violino di spalla dell’Orchestra Giovanile dell’Accademia della Scala (2000-2001) dove si è perfezionato con il maestro Francesco Manara, Primo violino di spalla dell’Orchestra Giovanile Cherubini di Piacenza e dell’Orchestra Giovanile del Veneto. Ha collaborato e collabora con l’orchestra del Comunale di Bologna, la Fenice di Venezia, del Teatro Verdi di Trieste, la Sinfonica della Rai di Torino, La Toscanini e Filarmonica di Parma, la Filarmonica della Scala di Milano, del Teatro Lirico di Cagliari, la Symphonica Toscanini, l’orchestra del teatro Carlo Felice di Genova e la Sinfonica di Sanremo, con le quali ha effettuato tournée negli Stati Uniti, Argentina, Brasile, Giappone, Cina, Marocco e in tutta Europa. Attualmente ricopre il ruolo di Primo dei Secondi Violini presso l’Orchestra Sinfonica di Sanremo.

Mariano Dapor (Rovereto 1977) inizia lo studio del violoncello presso la Scuola Civica “Riccardo Zandonai” di Rovereto. Ottiene, fin da giovanissimo, vari premi e riconoscimenti in concorsi nazionali e internazionali tra cui il primo premio alla 19° rassegna nazionale violoncellisti studenti Città di Vittorio Veneto e una borsa di studio speciale per la migliore interpretazione delle Suites di J.S. Bach. Ha concluso gli ultimi due anni di studi presso il conservatorio “Giuseppe Verdi “ di Milano, diplomandosi nella classe del maestro Rocco Filippini e si perfezionato con docenti di fama quali Mario Brunello, Enrico Dindo, Anner Bylsma. Ha studiato composizione con Renato Dionisi e didattica musicale con Anna Marton. Nel 1999 è stato membro effettivo dell’EUYO (Orchestra Giovanile Europea) e primo violoncello dell’Orchestra giovanile dell’Accademia della Filarmonica della Scala a Milano, collaborando con importanti direttori, tra i quali Wolgang Savallisch, Riccardo Muti, Jurij Termikanov, Gianluigi Gelmetti, Isaac Karabtchevsky, Diego Fasolis. Dal dicembre 2000, in seguito a concorso, è primo violoncello stabile della Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo. Ha collaborato inoltre in gruppi da camera con Salvatore Accardo ed è stato violoncello solista sotto la direzione di Piero Bellugi. Insegna violoncello presso il Liceo Musicale dell’Istituto Mater Misericordiæ di Sanremo.

Al costo unico di 10 Eu sarà possibile assistere al concerto, ospitato nella splendida loggia della villa e visitare, nel corso della giornata, il Museo e la mostra temporanea “Sguardi sul Novecento” (orario 15:30 – 23)

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: il programma di ottobre e novembre tra concerti e incontri. Info e biglietti , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Festival Organistico Internazionale: la ventesima edizione tra Liguria e Valle d'Aosta

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

The nun La vocazione del male Di Corin Hardy Thriller 2018 In un'antica abbazia della Romania una giovane suora di clausura si toglie la vita. Un prete dal passato tormentato e un giovane novizio sulla soglia del sacerdozio vengono inviati dal Vaticano per far luce sull'evento. Ignari del pericolo che correranno,... Guarda la scheda del film