Concerti Imperia Giovedì 17 maggio 2012

We are for beat compie un anno: la festa ai Dreamers con dj Mocce. L'intervista

Genova - Venerdì 18 maggio l'associazione culturale We are for beat festeggia un anno dalla sua fondazione: per celebrare questo primo traguardo nell'animazione delle notti del ponente, ai Dreamers della Foce di Imperia arriva la deep house genovese della factory Motel1989. Ai piatti uno degli alfieri del genere, dj Mocce, alias Andrea Mocellin, produttore e disc jockey della scena della Lanterna.

A partire dalle 22.30 di venerdì il locale di borgo Foce ospita in consolle anche dj Gliso, trait d'union tra We Are For Beat e Motel 1989. La serata sarà accompagnata dalle visual di Erika Baruffaldi, e dalla mostra fotografica della polacca Diana Lapin, membro della Zpaf (Associazione Artisti e Fotografi Polacchi).
La serata, come d'abitudine per i Dreamers, è a ingresso gratuito e consumazione facoltativa.

Per l'occasione, ci siamo fatti raccontare da Andrea Mocce qualcosa della sua carriera dietro la consolle. Andrea, quando hai iniziato?
«Beh partiamo bene, una domanda che mi fa sentire abbastanza vecchiotto: era il '97 e dopo aver sentito qualche mio set registrato su cassetta Fabio De Luca mi chiese di suonare ad un party "Clubhouse" al Cezanne di Genova, dalla stagione dopo diventai il resident del party, che era itinerante. Ne è passato di tempo!»

Come ti sei avvicinato alla deep-house?
«La deep-house è entrata prepotentemente dentro di me dopo alcuni anni, intorno al 2004 durante le stagioni al Nuhar Club di Genova, andava molto la techno, addirittura la minimal, il mio suono è sempre stato più house e profondo, per tre anni suonando durante l'inizio serata riuscivo a proporre un pò quello che volevo nonostante le critiche, già allora credevo che fosse il suono giusto da proporre in serata, qualche anno dopo con l'esplosione del deep mi sono preso qualche rivincita».

Raccontaci del progetto Motel 1989, della serata, della factory.
«Motel1989 è un contenitore, quindi sempre in evoluzione, la filosofia rispecchia sempre ciò che siamo e come lavoriamo, professionalità e qualità si abbinano alla passione.Musica ed arte si incontreranno sempre ed aggiungeremo la tecnologia. La prossima stagione speriamo sia quella della cosiddetta consacrazione».

La scena elettronica a Genova e in Liguria: che cosa puoi raccontarci di una regione dove tutto appare sommesso, ma che riserva sempre piccole perle?
«Hai detto bene, qui tutto è sommerso o ancora peggio represso: chi riesce ad emergere ha le palle quadrate, ma non penso che in Italia in generale la situazione sia tanto meglio. Purtroppo bisogna andare all'estero per trovare aperture mentali ed aiuti per esprimersi con la musica e l'arte. Qui si fa prima a smettere che ad esser capiti. Vero anche però che molti "genovesi" aspettano che cada la mela dal pero: attualmente per quanto riguarda le situazioni di clubbing a Genova (non conosco così bene le altre città da poterne parlare), noto con piacere che i dj stanno un pò prendendo in mano le situazioni allontanandosi dallo schiavismo degli altri art director. Questo può far solo che bene e portare in primo piano la musica e la passione per quello che si fa piuttosto che come obbiettivo contare il cassetto a fine serata».

Quest'anno non si svolgerà Balla coi Cinghiali. Un evento sicuramente distante dalla vostra proposta, ma comunque importante per la nostra regione. Che ne pensi?
«Non sono mai stato al Balla coi Chinghiali, si allontana molto artisticamente da quello che facciamo, ma penso che un evento in grado di creare così tanta affluenza merita di esistere e di essere sostenuto anche dalle istituzioni».

Quali eventi e festival dell'estate 2012 ligure ti senti di consigliare?
«Sembra non ci sia molta scelta: il 2 Giugno l'ElectroPark a Palazzo Ducale, il 4 Agosto We Are For Beat col Cian Zerbo Electronic Festival».

Potrebbe interessarti anche: , Faber Nostrum, il disco-tributo a Fabrizio De Andrè: gli artisti e quando esce , Corsi di tango argentino con la Scuola Ciitango444: si balla tra emozioni e movimento , La Voce e il tempo: il programma dei concerti di marzo 2019 , C'è da fare: canzone per Genova di Paolo Kessisoglu con 25 artisti, da Giorgia a Morandi , A Genova la nave di Vasco Rossi personalizzata per il tour: destinazione Cagliari

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Domani Di Cyril Dion, Mélanie Laurent Documentario Francia, 2015 In seguito alla pubblicazione di uno studio che annuncia la possibile scomparsa di una parte dell’umanità da qui al 2100, Cyril Dion e Mélanie Laurent partono con una troupe di quattro persone per svolgere un’inchiesta in dieci... Guarda la scheda del film