Concerti Imperia Lunedì 30 gennaio 2012

Imperia. Alex Antonov, il rapper da Tavole. L'intervista

© Roberta Giribaldi

Genova - A giudicare dal numero sempre crescente di gruppi che ogni giorno fanno e promuovono hip-hop nella nostra provincia, pare ci sia una sorta di orgoglio della scena underground imperiese. Orgoglio testimoniato, per esempio, dal successo ottenuto da quello che è forse il capostipite, il rapper Inoki, e dal romanzo di Marco Vallarino, Il Muro, uscito pochi mesi fa, ma che ha già ricevuto importanti riconoscimenti, anche e soprattutto da parte di chi rap, murales e concerti li vive tutti i giorni.

Proprio per questi motivi è nata l'etichetta Casa degli Specchi, per dare voce a un fenomeno entrato ormai nel quotidiano di molti ragazzi. Ne fanno parte quattro rapper: Alex Antonov, Erma, Janeosa e Roggy Luciano. «È nata circa un anno fa – ci racconta Antonov – adesso abbiamo deciso di renderla un po' più ufficiale. È uno studio di registrazione e ha l'obiettivo di proporre la nostra musica».

È poco più di un ragazzo, Antonov, ha 25 anni, ma era molto più giovane quando è cominciata la sua avventura a colpi di rime. «Era il 2002, avevo appena sedici anni e andavo ancora a scuola. In seguito sono arrivati i progetti un po' più importanti. Nel 2007 avevo già raggiunto un buon livello come solista».
Alex vive a Imperia, ma le sue radici sono radicate in un paesino dell'entroterra, Tavole. Racconta che lo sfondo ideale per parlare della sua musica è proprio la campagna perché è da lì che proviene: «Non abito più a Tavole, per motivi di lavoro, ma è il mio punto di riferimento. È lì che nascono le metafore che uso per i pezzi. A volte prendo quelle che sono le caratteristiche o gli stereotipi del paesino ligure, come a esempio la chiusura degli abitanti, e li utilizzo con ironia».

I numerosi concerti e le collaborazioni con artisti della scena hip hop provenienti da Genova, Savona o Torino, fanno del collettivo un punto di riferimento anche per il panorama che va al di là della provincia. Ma come detto sopra, un occhio di riguardo va alle tradizioni e alle influenze ricevute durante la formazione. A proposito di Inoki, Antonov manifesta subito grande rispetto nei suoi confronti, per poi aggiungere: «Non ha influito molto sul mio cammino, perché a Imperia c'è stato poco e il grosso della carriera l'ha fatto a Bologna. In un certo senso sono contento - continua il giovane rapper - perché questo ha contribuito a far sì che il mio lavoro sia originale al 100 %. Detto questo, ribadisco che lo considero uno dei più grandi e sono contento che sia imperiese».

Il futuro vede Alex e soci alle prese con molti live, tra cui quello di sabato 18 febbraio alla Talpa e l'Orologio di Imperia, ma anche alcuni lavori in studio, come il mix tape, un disco non ufficiale con tracce di vari artisti remixate, o il cd remix di Frei, l'album precedente. «Alla fine dell'anno - conclude Antonov - vorrei cominciare a lavorare al nuovo disco».

Di seguito il calendario dei prossimi live:

11 febbraio: Torino con Maury B e Psyco Killa

17 febbraio: Firenze con Overkill

18 febbraio: Imperia, alla Talpa e L'orologio, con Zero Plastica

25 febbraio: Savona con Overkill

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Il complicato mondo di Nathalie Di David Foenkinos, Stéphane Foenkinos Drammatico 2017 Nathalie Pêcheux è una professoressa di lettere divorziata, cinquantenne in ottima forma e madre premurosa finché non scivola verso una gelosia malata. Se la sua prima vittima è la figlia di diciotto anni, Mathilde, incantevole... Guarda la scheda del film