Concerti Imperia The Dreamers Lunedì 19 dicembre 2011

Capodanno 2012 ai Dreamers di Imperia con i Broken Eye. L'intervista

Genova - Un Capodanno dove è il gestore a offrire la festa ai suoi clienti, con due dj e un duo breakbeat in arrivo da Londra. Ci ha pensato Vania Lupi, del The Dreamers di Imperia Porto Maurizio, uno dei locali che anima le notti della foce e la movida ponentina, curando in collaborazione con Magic Moonday e Riviera Gang la musica dal vivo nelle serate Rock & Roll Robots al Pop di Diano San Pietro.

I Sognatori aprono il 2012 con una serata tutta musicale: si parte coi due dj del locale, Pinollo e Radio Mandrake, per passare poi dopo la mezzanotte ai Broken Eye, due inglese che con la sua breakbeat sta scalando le chart del Regno Unito, in una serata organizzata in collaborazione con Andumatek e Blacklite Records.
Giovanissimi, sostenuti da un altro dj britannico in forte ascesa come Far Too Loud (visto alla Talpa e l'Orologio qualche tempo fa) abbiamo scambiato qualche battuta con Elliott Mills (21) and Joshua Nelson (22), per farci raccontare il loro percorso che in un paio d'anni li ha fatti conoscere anche oltre Manica. Partendo da Brighton, la stessa culla per dj e produttori che ha lanciato Far Too Loud.

Vi conoscete da molto?
«Siamo amici dal liceo. Entrambi siamo cresciuti nel South-East di London, ma ora abitiamo a Londra (Josh) e Brighton (Elliott)».

Frequentate l'università?
«Abbiamo appena finito quest'anno. Elliott studiava Music Production e Josh Geografia».

Avete amici a Brighton che suonano?
«Un bel pò! Luqas della Broken Robot’s vive lì, e un sacco di altri dj e produttori di qualità».

Da dove arriva il nome Broken Eye?
«All'inizio è stata una fatica trovare un nome. Poi un giorno stavamo guardando un flyer di una festa psytrance e abbiamo visto il nome Broken Toy and Eye. Il resto potete immagginarlo».

Come avete iniziato a suonare musica elettronica?
Josh «Mio fratello mi ha portato a ballare quand'ero davvero piccolo. ho preso dei piatti, e imparato a mixare vinili. Lo adoravo. Poi è arrivata la produzione qualche anno dopo».
Elliott «Per me è venuta prima la produzione, ho sempre voluto avere una band quand'ero più giovane, ma non ho mai trovato l'opportunità. Quando ho scoperto la tecnologia ho realizzato che non avevo bisogno di una band per creare la mia musica. È stato solo quando il progetto Broken Eye è iniziato che ho iniziato a diventare un dj».

Che musica avreste voluto comporre all'inizio?
Josh «Roba come IDM/ Chill Out/ Down-Tempo! I miei primi suoni erano abbastanza scuri, e con molte melodie e atmosfereUna brutta versione di Aphex Twin di base»
Elliott «Scrivevo produzioni povere e con bpm alti, pezzi veloci, stile arcade, electro, senza preoccuparmi di nessun genere. Poi entrambi abbiamo scoperto Far Too Loud, e naturalmente è uscita la nostra musica».

Con che strumenti suonate?
«In studio usiamo logic e una gamma di diversi software per gli strumenti, fra cui Fabfilter, Twin2, Razor, e Synplant. In giro usiamo cdj, e stiamo sviluppando un live sul computer che presenteremo per l'estate 2012».

Qualcuno vi aiuta e sostiene la vostra musica?
«Le nostre famiglie e amici, e tutte le persone che incontriamo. Così come ognuno alla Broken Robot. Siamo fortunati ad essere circondati da un gruppo di artisti e persone così».

Come siete venuti in contatto con il vostro label manager Neurodriver?

«Andavamo ai party che organizzava. Dopo aver sentito i nostri sforzi, ci ha dato la possibilità di remixare Snake Charmer, una sua traccia. È venuta molto bene e presto eravamo sotto la Broken Robot Records».

Hedflux suonerà al Boom 2012, la biennale dei festival trance, in Portogallo.
«È un'occasione per tutta la scena psybreak. È un grande risultato e se lo merita. Il futuro sembra splendere per il nostro ambiente musicale sempre in crescita».

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Se son rose Di Leonardo Pieraccioni Commedia Italia, 2018 Cosa succederebbe se qualcuno mandasse di nascosto alle tue ex dal tuo cellulare: "Sono cambiato. Riproviamoci!"..? È quello che accade a Leonardo Giustini giornalista che si occupa di tecnologia e innovazione per il web. Sua figlia, stanca di vedere... Guarda la scheda del film