Concerti Imperia Mercoledì 9 novembre 2011

Premio Tenco 2011, 'robe di Amilcare'

Genova - È tenace, testardo, caparbio il Premio Tenco.

In un momento in cui in Italia contano solo lo spread e i BTP e dove la falce della crisi economica miete le manifestazioni culturali, quelli del club Tenco insistono con la Rassegna della canzone d'autore, che torna in scena al Teatro Ariston di Sanremo da giovedì 10 a sabato 12 novembre.
Un'edizione straordinaria, quella 2011: prima di tutto per gli scarsissimi mezzi con cui è stata realizzata, che hanno portato ad una drastica riduzione del cast e degli appuntamenti collaterali che da sempre caratterizzano il Tenco.

Ma non si poteva mollare proprio quest'anno, nel 2011, the show must go on, insomma. Basti il fatto che la trentaseiesima edizione del Premio Tenco cade nel centenario della nascita del leggendario fondatore del Club Tenco, Amilcare Rambaldi. Per ricordarlo, la rassegna si chiama Robe di Amilcare, come la canzone che gli dedicò Paolo Conte.

Mancano molte cose a cui c'eravamo abituati, s'è tagliato un po' dove si poteva, a cominciare dagli eventi collaterali che fino a poco fa erano un appuntamento fisso, un contatto privilegiato tra artisti e pubblico che solo al Tenco era possibile. Gli incontri pomeridiani si sono ridotti al solo venerdì 11, con un videoricordo di Amilcare Rambaldi e la presentazione delle produzioni di quest'anno del Club Tenco: alle 15.30 il doppio cd Ciao ragazzo (Ala Bianca / I Dischi del Club Tenco), e, alle 16.30, Luigi Tenco. Sulle labbra di un altro (Club Tenco e Lilium Produzioni).

Allestite due mostre, visitabili da giovedì 10 (dalle ore 11 alle 21) nella Sala Incontri del Teatro Ariston: Photo-Show n.3, laboratorio fotografico a cura di Fabrizio Fenucci, e Qui sto parlando di Amilcare, dedicata ai cento anni di Amilcare Rambaldi.

Tra le poche note positive di quest'anno, il fatto che l'edizione 2011 sarà ripresa da Rai5, il canale digitale gratuito riservato all’intrattenimento culturale: per i liguri, su cui si è appena abbattuto il ciclone digitale terrestre (e anche purtroppo, quello meteo), sarà una bella notizia: almeno non si dovranno aspettare le 23.30 di una serata anonima per sentire qualche bella canzone. Su Popolare Network, invece, speciali radio in onda la settimana successiva.

Le tre serate saranno presentate come al solito da Antonio Silva con il cantautore e attore Peppe Voltarelli in veste di tappabuchi. In programma ogni sera una piccola finestra su Georges Brassens, il grande autore Premio Tenco 1976. Un artista per sera lo omaggerà con una sua canzone in versione italiana: Cristiano Angelini giovedì 10, Alberto Patrucco venerdì 11, Piccola Bottega Baltazar sabato 12.
Il cast, con il taglio del 60% dei fondi, ha rischiato di essere davvero povero. Forse anche per questo motivo è stato deciso di premiare Ligabue, per i puristi un po' lontano dall'idea del Tenco, ma che può garantire il grande pubblico. Il Liga, ha però ha promesso che farà una serata da Tenco, appositamente dedicata. Vedremo. Se a mantenere in vita il Tenco servono anche certe notti, allora ben vengano.

Targhe Tenco anche a Vinicio Capossela per il miglior album dell'anno Marinai, profeti e balene, Patrizia Laquidara e Hotel Rif per il miglior album in dialetto Il canto dell'anguana. Premiati anche due liguri: lo spezzino Cristiano Angelini, miglior album d'esordio per L'ombra della mosca e la genovese Roberta Alloisio, migliore interprete per Janua. Il Premio all'operatore culturale andrà a Mauro Pagani, personaggio chiave della musica italiana degli ultimi quattro decenni, a partire dalla militanza nella Premiata Forneria Marconi. Targa cantautore straniero al ceco Jahomir Nohavica.

Ma spazio anche ad artisti emergenti che quasi o mai hanno mai partecipato a una rassegna, come Fabularasa, Iotatòla, Marco Parente, Cesare Basile, Iosonouncane, Mariposa, la chicana Carrie Rodriguez, Paolo Benvegnù, Giorgia del Mese, Nobraino e Piccola Bottega Baltazar.
Amilcare Rambaldi disse un giorno: «Nessuno li vuole? Li voglio io». Ed è ancora così. Grazie al contributo Siae, si riuscirà anche a pubblicare un disco con gli artisti più giovani in cartellone. I giovani avranno comunque come padrino un grande della canzone italiana: Edoardo Bennato.

Buon Tenco a tutti.

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Nessuno come noi Di Volfango De Biasi Commedia Italia, 2018 Betty è un’insegnante di liceo bella, anticonformista e single per scelta. Umberto è un noto docente universitario, affascinante, strafottente alle prese con un matrimonio noioso e privo di passione. I due si incontrano per la prima volta quando Umberto... Guarda la scheda del film