Concerti Imperia Sabato 19 febbraio 2011

Lungarella e Spaggiari, fuori dal Festival i milgiori di SanremOff

Genova - Ci sono diversi Festival della canzone italiana paralleli a quello ufficiale. Uno è quello delle presentazioni di libri, dischi, quadri, bigné e frappé che si svolge durante la settimana: SanremOff.

Siccome il vostro antiquato scriba ha l'esperienza dei suoi anni, sa scegliere i posti da frequentare, i buffet presso cui piluccare qualche piacevolezza enogastronomica e qualche long playing di valore. Uno è senza dubbio Selene con la e, di Selene Lungarella. Giovane cantante di natali svizzeri, ma affatto italiana, Lungarella canta bene un pop leggero e non corrivo, aiutata nei suoi inizi di carriera da un produttore di lungo corso e affidabilità certa come Riccardo Benini.
Bel prodotto, davvero, e la chicca di un inedito di Alberto Fortis, che si chiama Dall'alto e, non che orecchiabile oltre misura, rivela una capacità di scrittura che Fortis non ha perso, in trent'anni e più di attività.

Poi c'è un altro Festival, e si svolge per istrada, in mezzo alla folle folla di anziani indigeni e anziani turisti. Per costoro e, genialmente, davanti alle edicole, sta suonando Francesco Spaggiari, che propone a Sanremo il suo fortunatissimo Ri(e)dicola tour e Hotel Balima, che è il suo 33 giri d'esordio.
Spaggiari è un tipo singolare: prima d'incidere il microsolco, ha fatto il fotografo di scena, ha studiato filosofia e giurisprudenza e, ora come ora, fa il bancario. Il disco è, nelle parole di lui, la storia di un cantante che, abbandonato anche dal suo cane, comincia a scrivere canzoni.

Spaggiari è un cantautore, ma suona bene la chitarra e, grazialcielo, ha riferimenti per lo più non italiani: da Iain a Dave Matthews al fùlgido, dimenticatissimo Michael Chapman; passando per Ani Di Franco e, a giudizio dello scriba, anche certa Michelle Shocked, per non parlare di molto buon folk inglese e americano (Gram Parsons? Anche, anche).
Quando si sente dell'Italia in lui, è magari Stefano Rosso; e son cose che fan piacere. La canzone forse più riuscita è Violet b.o.y. o.n. a. w.a.r., titolo ispirato a un dipinto di Mark Rothko; e pure queste cose fanno del bene, che dite? A parte tutto questo, l'uomo è un buongustaio, è naturalmente elegante nel porgere la voce e una souplesse non dovuta soltanto alla giovinezza, dannato lui.

In complesso, siccome l'articolo è già piuttosto lungo e voi siete sempre di fretta, si assegnano qui il premio Scriba 2011 categoria Giovanotte a Selene Lungarella, mentre l'omologo premio Scriba 2011, categoria Giovinetti va senza dubbio a Francesco Spaggiari. Ci si trova stasera, se lo vorrete, per la fine della gran cayenna.

Potrebbe interessarti anche: , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Rovazzi: il nuovo video Faccio quello che voglio ambientato anche a Genova , Niente Festival Cresta 2018 ai Giardini Baltimora: «Nessuno ci ha detto nulla» , Villa Bombrini Estate V!va 2018: programma, concerti ed eventi , EstateSpettacolo 2018 al Porto Antico: programma, concerti ed eventi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Il tuo ex non muore mai Di Susanna Fogel Commedia U.S.A., 2018 Due amiche del cuore si ritroveranno improvvisamente e involontariamente coinvolte in un roccambolesco complotto internazionale. La causa di tutto? Un ex... come al solito! L’ex fidanzato di Audrey, spia in incognito, ritorna dal passato in cerca... Guarda la scheda del film