Attualità Imperia Martedì 7 settembre 2010

Libereso Guglielmi, l'uomo che mangia le piante

Nell'ambito degli eventi in programma per le Vele d'Epoca, la Sala Auditorium del Museo Navale di Imperia (calata Anselmi), giovedì 9 settembre 2010, alle ore 18.30, ospita la presentazione ufficiale del documentario L'uomo che mangia le piante - Libereso Guglielmi, a cura della Confesercenti, con il contributo della Camera di Commercio di Imperia.

Si tratta di un DVD promozionale sul territorio, utilizzando come testimonial e ambasciatore delle bellezze della Riviera dei Fiori Libereso Guglielmi, nato a Bordighera nel 1925, allievo e collaboratore del professor Mario Calvino, illustre botanico e padre dello scrittore Italo.
Il documentario è stato realizzato da Linda Greco (regista), Paola Faravelli (curatrice dei testi), Roberto Prina (fotografo e voce narrante), Diego Genta (musicista e autore della colonna sonora). Tutti originari o innamorati della Liguria.

Genova - Non era possibile incontrare un uomo come Libereso Guglielmi e rimanere indifferenti, c'era qualcosa nel suo modo di raccontare che coinvolgeva l'uditore.
Libereso ha lo sguardo spesso abbandonato nel ricordo, e spazia senza sosta, e gesticola mentre ti parla, così quella storia si ricollega a quell'altra, che in apparenza non aveva nulla in comune, ed è vero che a volte ti perdi, e forse lui con te, ma intanto ti riempi di informazioni, curiosità, dettagli storici geografici politici. Abbiamo conosciuto un tuttologo delle piante e dell'umana natura.

Così l'idea nacque spontanea, impossibile resistere, la Liguria attraverso il suo punto di vista. Chi meglio di lui poteva svelare le caratteristiche di un territorio pieno di contraddizioni. La terra dove dalla cima di una montagna vedi il mare. Dove la gente mantiene una radicata diffidenza nei confronti di chi è di fuori, anche se con quelli di fuori ci vive.

Passaggi insoliti, scorci di infinito e aspre salite, tra una vegetazione che ti chiude perché è spesso incontrollata, selvaggia e libera, come Libereso, che ogni tanto si china e raccoglie quello che per il mondo è un filo d'erba verde, mentre per lui, che lo chiama per nome, è una pianta antica con cui un tempo facevano il pane. In questo lavoro abbiamo raccontato, con l'orgoglio di chi ci abita, la storia di un territorio, attraverso immagini e parole inedite, a cui porre in antitesi altre immagini, questa volta silenziose, di un fotografo di Milano, Roberto Prina Antonucci, che vive la Liguria attraverso la sua esperienza di viaggiatore.

Un'altra contrapposizione quindi, tra la trascinante colorata personalità di Libereso, che travolge tutto e tutti al suo passaggio, e la malinconica poesia di ritratti in bianco e nero di Roberto, che ti entra dentro senza che tu te ne accorga, con la forza insita nelle belle cose.

Lotta, conflitto, scontro e confronto, la Liguria è così, una terra difficile da capire, a volte difficile da vivere, ma che inaspettatamente trova armonia ed equilibrio proprio nella disuguaglianza. Quotidianità semplice e piacere delle piccole cose buone, questo possiamo regalare allo spettatore di passaggio, questo vorremmo che si sapesse di noi.

Chi meglio di questo personaggio può evocare i profumi del Ponente Ligure, in un viaggio di ricordi e conoscenze scientifiche che incantano, attraverso immagini di alta qualità a cura della regista Linda Greco.

Libereso Guglielmi è una persona speciale già nell'aspetto, è stato definito in molte maniere, tutte belle, tutte evocative. Ma ascoltandolo, anche solo per pochi minuti, si intuisce immediatamente che un uomo come lui non può essere incastrato in un nome.
È per tutti il giardiniere di Calvino, Mario, il padre di Italo, fu il suo primo maestro. Profondo conoscitore di piante, e botanico al servizio, fra gli altri, della famiglia Parker Bowles in Inghilterra, Libereso ti parla senza mai stancarsi, del verde, dei fiori e del territorio, ma i suoi racconti sembrano narrare di un mondo sconosciuto. Ed è così che ti incanta, con la sua capacità di rappresentare il quotidiano come se fosse straordinario.

Ci è piaciuto narrare la nostra Liguria attraverso la semplicità dei gesti e delle parole di quest'uomo straordinario. Regalando, per una volta, un posto d'onore al verde delle colline e alla ricchezza culturale del nostro entroterra.

* autrice dei testi del DVD L'uomo che mangia le piante - Libereso Guglielmi

Potrebbe interessarti anche: , Freddo a Genova, esteso l'orario d'accensione del riscaldamento: le info , Genova, ordinanza anti-alcol anche a Voltri: vie e disposizioni , Genova tra le 19 città da vedere nel 2019 per Skyscanner: la classifica , Provinciale di Portofino distrutta dalla mareggiata: partono i lavori , Genova, la riprogettazione di Prè passa dai cittadini con il Quaderno degli appunti

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Van Gogh Sulla soglia dell'eternità Di Julian Schnabel Drammatico 2018 È di sole che ha bisogno la salute e l'arte di Vincent van Gogh, insofferente a Parigi e ai suoi grigi. Confortato dall'affetto e sostenuto dai fondi del fratello Theo, Vincent si trasferisce ad Arles, nel sud della Francia e a contatto con la... Guarda la scheda del film