Weekend Imperia Venerdì 29 maggio 2009

Ventimiglia

Dolceacqua: il primo tratto dell'Alta Via dei Monti

© www.altaviacmargentea.net

Genova - Dalla stazione di Ventimiglia si raggiunge l’arteria principale della città: la via Cavour che, procedendo in direzione levante, cambia presto il nome in corso Genova. Giunti a un semaforo pedonale si noterà, sulla sinistra rispetto alla direzione di marcia, un tunnel che sottopassa la ferrovia: un pannello annuncia l’inizio dell’Alta Via.
Il primo tratto, asfaltato, offre una bella panoramica sulla Ventimiglia vecchia (la cosiddetta città alta) con l’occhio che spazia fino alla Costa Azzurra.

Poi il sentiero: immerso nella macchia mediterranea, ma anche costellato da agavi, fichi d’india e bellissime fioriture. Fino a Colle Sgarba (230m / 45'), dove si avvistano tracce di strutture murarie romane sovrapposte ai resti di un primitivo castellaro. Ancora un tratto asfaltato, ed ecco la medievale cappella votiva di San Giacomo (269m / 1h).
Un sentiero aggira quindi a ponente il Monte delle Fontane (475 m / 1h 50'). È un tratto intenso, ma non si arriva certo col fiatone. Si procede lungo lo spartiacque fra le valli Roya e Nervia: da uno slargo si può gettare un’occhiata sulla sottostante Camporosso, poi il sentiero procede affacciato sulla val Roya e affiancato dalla macchia mediterranea. L’occhio esperto potrà individuare in questa zona la Ballota frutescens, una rarissima e antica specie floricola presente solo in questa zona.

Nei pressi del piccolo abitato di Ciaixe (355m / 2h 15') si trova il santuario della Madonna della Neve, originario del ‘400. Il successivo tratto di sentiero conduce al Monte Baraccone (515m / 2h 45') e offre, poco oltre, il momento forse più spettacolare di tutta l’escursione. I candidi e suggestivi calanchi delle Terre Bianche: un paesaggio di guglie quasi fiabesche modellate dall’erosione.
Più in basso è possibile osservare, sempre sul versante della val Roya, l’antico nucleo di Brunetti.
Da qui in poi il sentiero si fa pianeggiante: si procede fra i vigneti, affacciati sulla val Nervia. Poi ecco laggiù Dolceacqua, meta dell’itinerario.

La prima tappa dell’Alta Via termina alla Colla (479m / 3h 30'). Per scendere a Dolceacqua occorre procedere per un tratto lungo la strada provinciale (a un bivio si procede in direzione Rocchetta Nervina) e seguire le indicazioni per San Bernardo o Dolceacqua.
In questo tratto non è facilissimo orientarsi in quanto alcuni pannelli direzionali sarebbero stati rimossi dai vandali. Funge da "faro" la sottostante Dolceacqua e l'incrociare di una stradina asfaltata.
Nell'ultima parte del percorso una mulattiera conduce alla Chiesa di San Bernardo, del XV secolo, con affreschi del Maccari.

Infine, Dolceacqua. Con i suoi vicoli coperti e l’inconfondibile profumo del Rossese proveniente dalle cantine. Si sbuca, dopo un'ora e mezza di cammino dalla Colla, proprio sulla piazza principale, sulla quale si affacciano negozi di alimentari, bar, ristoranti.
Sulla stessa piazza è la fermata della corriera per Ventimiglia (per gli orari consultare il sito www.orariotrasporti.regione.liguria.it).

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

A star is born Di Bradley Cooper Drammatico, Musicale U.S.A., 2018 Il musicista di successo Jackson Maine scopre, e si innamora della squattrinata artista Ally. Lei ha da poco chiuso in un cassetto il suo sogno di diventare una grande cantante... fin quando Jack la convince a tornare sul palcoscenico. Ma mentre la carriera... Guarda la scheda del film