Anton Maria Maragliano 1664‑1739, mostra a Palazzo Reale - Galleria Nazionale di Palazzo Reale - Genova

07/10/2018

Fino a domenica 10 marzo 2019

© isitgenoa.it

Genova - A Palazzo Reale di Genova,  dal 10 novembre 2018 al 10 marzo 2019 negli ambienti del Teatro del Falcone, apre al pubblico una grande mostra dedicata alla celebre figura di Anton Maria Maragliano, rinomato autore di sculture lignee, da Crocifissi aggraziati e palpitanti a eleganti statue mariane, fino a grandiose macchine processionali, a cura di Daniele Sanguineti. Si tratta della prima mostra monografica dedicata all’artista, al quale nel corso del tempo sono stati dedicati lavori da parte diversi illustri studiosi e, negli ultimi vent’anni in maniera specifica e approfondita, da Daniele Sanguineti, che ha apportato un capillare approfondimento archivistico e filologico, incrementando notevolmente il catalogo delle opere attribuite all'artista.

Genova - La sua capacità di rispondere alle esigenze della committenza con immagini bellissime portò Maragliano, dall’inizio del Settecento, a ottenere un vero e proprio monopolio, che costrinse lo scultore a organizzare il suo lavoro con un assetto imprenditoriale articolato. Ben due generazioni di allievi furono accolte nelle stanze di Strada Giulia, dove Maragliano aveva la bottega, dando corso a quel fenomeno di divulgazione del linguaggio del maestro che rappresenta l’aspetto più affascinante, ma anche problematico, dell’approccio allo scultore:  e gli allievi continuarono a lavorare anche oltrepassando la fine del secolo.

Genova - La mostra proporrà un percorso espositivo dalla doppia impostazione: da un lato l’iter cronologico, con i modelli culturali di riferimento, gli esordi, la bottega e l’intervento progressivo degli allievi, dall’altro una serie di sezioni tematiche, articolate in suggestive aggregazioni di opere per iconografia o impatto scenografico. Vista la ricca presenza di opere di Maragliano nel tessuto cittadino, la mostra proseguirà in città dove saranno segnalate sculture e casse processionali ancora oggi custodite nei luoghi d’origine, come la Pietà di San Matteo, i Dolenti della cappella Squarciafico in Santa Maria delle Vigne, le Stigmate di san Francesco del padre Santo e il San Pasquale della Santissima Annunziata, che non potrebbero essere spostate per la loro complessità. I visitatori potranno percorrere un itinerario facilitato attraverso tutti questi siti , anche in collaborazione con l’Ufficio Arte Sacra della Curia Arcivescovile di Genova. La mostra sarà accompagnata da un catalogo scientifico, con saggi e schede delle opere esposte;  e da una giornata di studi, Maragliano: studi e restauri, organizzata con il coinvolgimento dell’Università degli Studi di Genova e della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona.

Orari del museo: da martedì a venerdì 9-19 (chiusura biglietteria ore 18.30); sabato, domenica e festivi 13.30-19 (chiusura biglietteria ore 18.30). Per info e biglietti consultare il sito di Palazzo Reale.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 18/11/2018 alle ore 09:00.

Potrebbe interessarti anche: I Macchiaioli in mostra a Palazzo della Meridiana, fino al 9 dicembre 2018 , Fulvio Roiter: Fotografie 1948-2007, mostra a Palazzo Ducale, fino al 24 febbraio 2019 , Da Monet a Bacon. Capolavori della Johannesburg Art Gallery al Ducale, mostra, fino al 3 marzo 2019 , Paganini Rockstar, come Jimi Hendrix: la mostra al Ducale, fino al 10 marzo 2019

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Pets Vita da animali Di Chris Renaud, Yarrow Cheney Animazione, Commedia, Famiglia U.S.A., 2016 Pensate che quando non ci siete i vostri animali domestici stazionino di fronte alla porta in trepidante attesa del vostro ritorno? Niente di più sbagliato! Infatti, grazie agli inquilini di un condominio di Manhattan, scopriamo che i nostri amici... Guarda la scheda del film