Foroba Yelen, notti di luce nel Mali: mostra al Castello d'Albertis - Genova

Foroba Yelen, notti di luce nel Mali: mostra al Castello d'Albertis - Castello D'Albertis - Museo - Genova

14/12/2017

Giovedì 1 gennaio 1970

CalendarioDate, orari e biglietti

Genova - Con le parole Foroba Yelen, in lingua bambara, viene tradotta l’idea di base del lampione mobile progettato dall’architetto Matteo Ferroni: luce comunitaria, luce condivisa, in una civiltà che vive sotto il chiaro di luna e al bagliore delle torce elettriche. Attraverso la dimensione simbolica del linguaggio, della religione e del tempo è stato introdotto un concetto nuovo ed allo stesso tempo antico: illuminare la vita. Matteo Ferroni ha cercato di trasformare l’ombra dell’albero in luce per offrire un tappeto di luce dove svolgere le attività collettive.

Genova - Infatti, mentre la luna misura il tempo religioso e la torcia elettrica agisce sullo spazio, l’ombra dell’albero agisce sulla persona trasformando l’individuo in membro della comunità. La sfida su cui si è basata l’ideazione del lampione è stata creare unione fra l’oggetto, la cultura e la natura, sottolineando la luce come fenomeno culturale piuttosto che tecnologico.

Genova - I lampioni sono diventati oggetti gestiti collettivamente dal villaggio come risposta alle soluzioni convenzionali di illuminazione fissa pubblica: da una vecchia bicicletta, una teiera in alluminio ed una batteria di moto, è stato creato un lampione portatile che fosse un utensile comunitario al servizio dell’educazione, del lavoro e delle manifestazioni religiose.

La mostra, grazie alle fotografie di vita diurna e notturna del diario di campo di Matteo, grazie ai video e alle installazioni, è stata allestita in collaborazione conl'Accademia Ligustica di Belle Arti e i volontari del Servizio Civile Nazionale del progetto #cultura #giovaniidee, arricchendosi dei racconti di Alassane Sangare di Bougouni e Issiaka Ly di Kamalé, con l’obiettivo di rievocare, restituire e comunicare gli ambienti, i contesti, le attività e le relazioni dei villaggi in cui la lampada viene ora usata.

La lampada é stata premiata dalla Città di Barcellona, pubblicata dal MoMA ed esposta permanentemente alla Biosfera di Montreal.

Molti gli eventi collerali durante il periodo della mostra:

Domenica 17 dicembre
orario 10-13/15-18
"Conversazioni sotto la luce"
Conversazioni gratuite in mostra (incluse nel biglietto del museo) volte a illustrarne e illuminarne i temi a cura dei volontari del Servizio Civile Nazionale.

Sabato 13 gennaio
ore 16
"Foroba Yelen. Trasformare l’albero in luce"
Incontro con Matteo Ferroni
Foroba Yelen è il nome con cui gli abitanti di un villaggio del Mali hanno battezzato il lampioncino mobile creato dall'architetto Matteo Ferroni. Con un racconto che unisce etnografia e design, l’autore ripercorre l’origine del progetto e la dimensione simbolica della luce. Ingresso libero

Domenica 21 gennaio 
orario 10-13/15-18
"Conversazioni sotto la luce"
Conversazioni gratuite in mostra (incluse nel biglietto del museo) volte a illustrarne e illuminarne i temi a cura dei volontari del Servizio Civile Nazionale.
In collaborazione con la Biblioteca Africana Borghero, dalle ore 15.30 evento speciale per le famiglie: “Piccole torce”, visita guidata alla mostra e letture di fiabe africane, a cura di Ludovica Piombino.

Domenica 18 febbraio
orario 10-13/15-18
"Conversazioni sotto la luce"
Conversazioni gratuite in mostra (incluse nel biglietto del museo) volte a illustrarne e illuminarne i temi a cura dei volontari del Servizio Civile Nazionale.

Martedì 27 febbraio
ore 17.30
"Timbuctù, ieri e oggi"
Incontro con Marco Aime, docente di Antropologia culturale, Università degli Studi di Genova
Ingresso libero

Domenica 4 marzo 
orario 10-13/15-18
"Conversazioni sotto la luce"
Conversazioni gratuite in mostra (incluse nel biglietto del museo) volte a illustrarne e illuminarne i temi a cura dei volontari del Servizio Civile Nazionale.

Sabato 10 marzo
ore 16
"Che fai tu luna in ciel?"
Incontro con Luigi Pizzimenti, membro dell’Associazione Ligure Astrofili Polaris
Ingresso libero

Venerdì 23 marzo
ore 17
Trasformare l’albero in luce
Incontro con Matteo Ferroni
. Visita alla mostra con l'architetto Matteo ferroni, curatore della mostra e inventore della lampada mobile. Per l'occasione, sarà possibile usurfruire di un biglietto ridotto speciale per la visita della mostra e al museo di 3 euro. Possibilità di proseguire la serata degustando un aperitio nel giardino romantico del parco a cura di Bonton Bistrot (8 euro), alla luce suggestiva del lampioncino mobile.

Sabato 24 marzo
 ore 16
"Altre Afriche. Racconti di paesi sempre più vicini"
Incontro con Andrea De Georgio
Ingresso libero

Presso l’Accademia Ligustica di Belle Arti
Venerdì 6 aprile
ore 16
"#Raval KM0 Luce comunitaria a Barcellona"
Incontro con Curro Claret, designer di Barcellona
Curro Claret, ha progettato, insieme a Maria Güell, un sistema d’illuminazione originale, installato per le strade di alcuni quartieri di Barcellona in occasione del Natale 2016. Il progetto ha coinvolto dei residenti disoccupati.

Per info e prenotazioni: tel. 010 5574748

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 21/05/2022 alle ore 05:54.

Potrebbe interessarti anche: Monet. Capolavori dal Musée Marmottan Monet di Parigi, la mostra a Palazzo Ducale, fino al 22 maggio 2022 , ExhiBricks 2022 a Genova: mattoncini Lego in mostra, fino al 22 maggio 2022 , Superbarocco: La forma della meraviglia. Capolavori a Genova tra 1600 e 1750, la mostra, fino al 10 luglio 2022 , A Palazzo della Meridiana Barocco Segreto. Arte genovese dalle collezioni private, fino al 10 luglio 2022

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.