Il Barbiere di Siviglia al Carlo Felice - Genova

Il Barbiere di Siviglia al Carlo Felice - Teatro Carlo Felice - Genova

11/10/2013

Fino a martedì 21 gennaio 2020

Ore 20:30, 15:30, 20:00, 15:00

Acquista biglietti

Genova - Al Teatro Carlo Felice di Genova, dal 15 al 21 gennaio 2020 torna Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini. Direttore d’Orchestra, Alvise Casellati; regia, Alfonso Antoniozzi; scene e costumi, Teatro Carlo Felice; dal progetto originario di Emanuele Luzzati (Stagione inaugurale 1991/1992); allestimento Fondazione Teatro Carlo Felice. Personaggi e interpreti principali: Figaro, Alessandro Luongo/Sundet Baigozhin; Rosina, Annalisa Stroppa/Paola Gardina; Il Conte di Almaviva,  René Barbera/Francesco Marsiglia; Don Bartolo, Paolo Bordogna/Misha Kiria; Basilio, Giorgio Giuseppini/Gabriele Sagona; Berta, Simona Di Capua.

Genova - Hegel scriveva nel 1824: “Ho sentito il Barbiere di Rossini per la seconda volta. Bisogna dire che il mio gusto deve essersi molto depravato, perché trovo questo Figaro molto più attraente di quello di Mozart.” Non ci potrebbe essere miglior testimonianza sulla capacità del capolavoro rossiniano di arrivare a tutti: anche ad uno dei filosofi più seri di tutti i tempi. L’irresistibilità dell’intreccio, tratto dalla fortunata commedia di Beaumarchais del 1775, e il fiume inesauribile di invenzioni musicali che attraversa per intero la partitura hanno sempre messo d’accordo tutti, anche gli ascoltatori meno “rossiniani”. Eppure, a ben guardare, non si tratta di un’opera così semplice.

Genova - A proposito della celeberrima cavatina di Figaro, “Largo al factotum”, per esempio, il critico Fedele D’Amico, dopo aver notato ben sei temi diversi e l’assenza di schemi fissi nelle loro entrate, arrivò a sostenere che si tratta di un “pezzo senza precedenti nella storia dell’opera, sia per la violenza ritmica e timbrica (l’orchestra vi sostiene una parte di grande rilievo), sia per la complessità della costruzione.” Il fatto (che forse oggi noi facciamo fatica a riconoscere per via della grande popolarità della partitura, ormai un classico del teatro d’opera) è che il comico di Rossini era un comico del tutto nuovo.

Si basava su intuizioni precedenti dell’opera buffa (su tutte, naturalmente, quelle del Mozart delle Nozze), è vero, ma portate così alle estreme conseguenze, da suonare come inaudite e dirompenti. Il vecchio personaggio settecentesco dell’intrallazzone libertino, Figaro appunto, con Rossini (e il suo librettista, Cesare Sterbini) diventa un uragano che travolge tutto ciò che c’è in scena. Nessun Dottore tardone e gabbato dell’opera buffa anteriore a Rossini era mai stato così tardone e gabbato come il Don Bartolo del Barbiere.

Nessuna aria non drammatica aveva mai raggiunto un’apoteosi drammatica (anche se per finta) quale il “colpo di cannone” dell’aria della “Calunnia” di Don Basilio, lezione magistrale di “crescendo rossiniano”. E nessun finale mozartiano, nessuno dei meravigliosi finali d’atto mozartiani, si era spinto talmente oltre la ragionevolezza da arrivare alla vera e propria follia musicale e linguistica del “Mi par d’essere con la testa in un’orrida fucina” che chiude il primo dei due atti. Al Carlo Felice il Barbiere va in scena con la raffinata regia di Filippo Crivelli, le fantasiose scene di Lele Luzzati e i coloratissimi costumi di Santuzza Calì. 

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 21/10/2019 alle ore 15:25.

Potrebbe interessarti anche: Turandot, fino al 10 maggio 2020 , Aggiungi un posto a tavola, dal 7 novembre al 10 novembre 2019 , Romeo and Juliet (are dead), dal 3 marzo al 5 marzo 2020 , Peter Pan, dal 28 dicembre 2019 al 5 gennaio 2020

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.