Dio Ride Nish Koshe - Genova

Dio Ride Nish Koshe

12/09/2019

Da giovedì 23 gennaio a domenica 26 gennaio 2020

Ore 19:30, 20:30, 16:00

Acquista biglietti

Genova - Venticinque anni dopo lo storico Oylem Goylem, il nuovo spettacolo di Moni Ovadia mette in scena nuove storie fra umorismo, riflessione e musica.

Genova - Ritorna su una specie di zattera il vecchio ebreo errante, con il suo carico di storie, di ricordi, di canzoni, di evocazioni, di sogni. Passati 25 anni dallo storico Oylem Goylem, Moni Ovadia, accompagnato da un manipolo di musicanti, veste i panni del narratore Simkha Rabinovich, che racconta l’eterno esilio del suo popolo. Ecco Dio ride, il cui sottotitolo, “Nish Koshe”, in yiddish significa “così così”. E forse non c’è molto da ridere, in questo mondo che ha gran bisogno di memoria, di giustizia e di pace. «La struttura – ha raccontato Ovadia in un’intervista – è la stessa di Oylem Goylem: cinque musicisti (due gitani) e un narratore che canta e dice piccole storie comiche. Ma lo spettacolo, un cabaret secondo l’accezione tedesca, è cambiato. C’è il rapporto con Dio: paradossale, al confine con l’ateismo. L’ebreo non è obbligato a credere in Dio. Lo spiega bene un racconto di Zavattini: Dio si manifesta a un uomo e gli dice “Vengo da te e solo da te per farti sapere che non esisto”. Ecco cosa intendo».

Genova - La scena è chiusa da un muro che evoca i tanti muri che ancora separano terre e genti, su cui scorrono immagini del passato e del presente. Sospeso tra commedia e tragedia, Ovadia “ride” con le sue canzoni, perché anche Dio può “ridere” di se stesso, contro ogni fanatismo e intolleranza.

Scrive Maria Grazia Gregori dello spettacolo: «Moni ci vuole dire qual è la terra promessa che sogna, il mondo che vorrebbe, di cui parla da anni e che, magari, non tutti condividono. Certo lui è sempre Moni Ovadia con lo stesso spirito, l’ironia divertita, il prendere le persone in contropiede. Felice quando accompagna con il corpo la scatenata ma anche triste musica Klezmer che imbeve questo spettacolo. Certo la sua voce è più roca, gli anni passano, ma lascia sempre un segno».

Potrebbe interessarti anche: Enrico Brignano, 24 gennaio 2020 , Cenerentola - Balletto sul ghiaccio di San Pietroburgo, dal 19 dicembre al 22 dicembre 2019 , Turandot, fino al 10 maggio 2020 , Il Barbiere di Siviglia, fino al 21 gennaio 2020

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.