Nel tempo degli dei, l'Odissea contemporanea con Marco Paolini - Genova

Nel tempo degli dei, l'Odissea contemporanea con Marco Paolini - Teatro della Corte - Genova

12/09/2019

Domenica 3 novembre 2019

Ore 20:30, 19:30, 16:00

TERMINATO

Genova - Travestito da calzolaio, un Ulisse pellegrino e invecchiato inventa storie che diventano realtà e mito. Un grande narratore teatrale si misura con il racconto per eccellenza. Accolto con successo al Piccolo Teatro di Milano, lo spettacolo Nel tempo degli dei è un viaggio nella memoria del presente: da una parte gli Dèi, dall’altra gli uomini. E in mezzo lui, Ulisse: un uomo saggio, che vuole ancora comprendere.

Genova - Una “odissea” contemporanea, impastata di dialetto e semplicità, una riscrittura profonda e sensibile delle avventure di Ulisse, che evoca divinità tutt’altro che ultraterrene. L’Ulisse di Marco Paolini dà voce e corpo a un uomo burbero, schietto: forse non così “furbo”, ma capace di cantare storie d’oggi, del nostro tempo feroce, in cui gli dèi sono ricchi occidentali, viziati e capricciosi, egoisti e impauriti da tutto ciò che è diverso, lontano, straniero. Paolini, in scena assieme a cinque sensibili compagni di viaggio di questa “cantata” popolare e umanissima, con la drammaturgia di Francesco Niccolini e la regia di Gabriele Vacis, affronta per la prima volta il personaggio enorme come Ulisse.

Genova - Ecco Nel tempo degli dèi, in scena al Teatro della Corte di Genova dal 29 ottobre al 3 novembre 2019: «La sfida - racconta l’attore - è dar suono ai poemi della tradizione omerica, che sono alla base del pensiero occidentale e del nostro comune sentire. Si tratta di entrare in un flusso, in una “consonanza” che ci permetta di ricreare l’incantesimo dell’originale» Aggiunge il drammaturgo Niccolini: «Non volevamo raccontare le “solite” storie di Ulisse, per questo siamo andati a scandagliare altre fonti, per capire come “tradire” Omero, restando fedeli alla tradizione». Conclude il regista Vacis: «Gli dèi sono al centro del lavoro, per una circostanza lampante: le grandi migrazioni, le decine di migliaia di persone in fuga dalla miseria e dalle guerre, ci raccontano che siamo noi “gli Dèi”: accogliamo, respingiamo, giochiamo con il destino altrui e, come le divinità omeriche, agiamo in maniera irrazionale e incomprensibile».

Regia Gabriele Vacis; con Marco Paolini; Saba Anglana, Elisabetta Bosio, Vittorio Cerroni, Lorenzo Monguzzi, Elia Tapognani. Scenofonia, luminismi e stile Roberto Tarasco. Musiche originali Lorenzo Monguzzi, Saba Anglana e Fabio Barovero. Luci Michele Mescalchin. Produzione Jolefilm, Piccolo Teatro di Milano - Teatro d’Europa, con la collaborazione di Estate Teatrale Veronese, Teatro Stabile di Bolzano

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 13/11/2019 alle ore 14:16.

Potrebbe interessarti anche: Turandot, fino al 10 maggio 2020 , Il Barbiere di Siviglia, fino al 21 gennaio 2020 , Romeo and Juliet (are dead), dal 3 marzo al 5 marzo 2020 , Peter Pan, dal 28 dicembre 2019 al 5 gennaio 2020

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.