Guerassim Dichliev in Monologo con la valigia

02/04/2019

Da venerdì 10 maggio a sabato 11 maggio 2019

Ore 20:45

Acquista biglietti

Genova - Una pièce poetica e ironica. A metà strada tra il mimo, un monologo di prosa, e la più alta clownerie: uno spettacolo quasi senza parole, ma con tante risate, magnificamente interpretato da un grande attore. A Stradanuova approda Guerassim Dichliev, prima di ritrovarlo al Cirque du Soleil.

Genova - Rassegna Stampa

Genova -  “… Ha inizio una splendida poesia di visioni che rifinisce e congiunge improvvisi farseschi, avvampi da clown, parodie artistiche… un caleidoscopio vaudevillesco e verlaniano di mimiche, di scherzi rifiniti e puntuti la malia fisica di Guerassim Dichliev (calcolata dalla regia millimetrica di Costantino Raimondi)”

Arteatro (Italia) 14 gennaio 2012 di Alessandro Toppi

“… Emigrazione e integrazione sono i temi che sottendono a questo viaggio virtuale. Esilarante il momento del casting, in cui l'attore ripone tutte le sue speranze per l'avvenire proponendo ad un'insindacabile giuria tre prove di pantomima.”

Arteatro (Italia) 22 giugno 2010 di Laura Soprano

“… L' ‘off’ a volontà, un festival o una fiera? Guérassim Dichliev vive a Parigi da oltre vent'anni. Questo ragazzone, che si aggira per la città trascinandosi appresso tre o quattro valige, parla perfettamente francese con un accento dell'est che sembra quasi costruito. Non ci credete? Allora vi mostra i suoi documenti.”

Le Monde (Francia) 19 luglio 2012 di Philippe Carpentier

“… Guerassim Dichliev… Questo colossale sognatore va da una disillusione all'altra aggrappandosi sempre alla sua valigia, restando incredibilmente ottimista.”

La Marseillaise (Francia) 23 luglio 2012 di Camille Kuntz

“… La presenza scenica di Guerassim Dichliev è impressionante. Quest'uomo dall'alto deli suoi 1,86mt - con i tratti balcanici, le braccia da lavoratore, le gambe lunghe ed una dentatura caotica - sembra più un gigante saltato fuori da un racconto medievale che un mimo… è uno dei migliori esempi del genere al mondo.”

El Tiempo (Colombia) 29 aprile 2013 di Nicolas Bustamente

 “…Guérassim, con la profondità del suo sguardo, infonde un'eccezionale potenza drammatica alla narrazione…”

Saint-Cyr sur Morin (Francia) luglio 2014 redazione Saint-Cyr sur Morin

 “… Una pièce quasi senza testo, ma estremamente ricca di senso e di risate, grazie all'arte raffinata del grande mimo, Guérassim Dichliev.”

Avignews (Francia) 15 luglio 2010 redazione Avignews

“… Il corpo riempie lo spazio e racconta. Inevitabile la presenza di un ottimo attore che emana l’arte della scena da tutti i suoi pori… la bambina-coscienza ritorna ed il racconto scenico sembra scorrere a ritroso. Poetico, divertente, doloroso, malinconico, attraverso un connubio tra passato e presente questo piccolo gioiellino dimostra cosa significhi calcare le scene con il proprio corpo, portando con sé un semplice racconto, senza cadere mai nella banalità dei discorsi sulla storia europea contemporanea.”

Dramma.it (Italia) 07 marzo 2016 di Emanuela Ferrauto


“… La scena finale e quella iniziale, come sottolinea Costantino Raimondi, sono identiche, un’ellissi cinematografica che può essere riproposta a teatro. Guerrassim Dichliev incanta il pubblico con la parola del suo corpo, linguaggio intenso e tenero della sua storia, della storia degli artisti che hanno fatto del mondo la loro casa.”

L’Armadillo Furioso (Italia) 08 marzo 2016 di Nicla Abate

 “… La potenza teatrale del mimo, non solo sopravvive in un’epoca di effetti speciali, film tridimensionali, musical, paillettes e lustrini, ma addirittura ha ancora tanto da dire su temi decisamente abusati come quelli del viaggio, della valigia, dello smarrimento dell’anima, dell’alienazione della modernità.”

Persinsala (Italia) 09 marzo 2016 di Sara Lotta


Lo spettacolo

2008 – 2018
Dopo 10 anni il percorso dello spettacolo: 4 continenti, 150.000 km

26 Nazioni, 69 città, 12 lingue:

• Etiopia, Gibuti, Francia, Germania, Repubblica Ceca, Ungheria, Romania, Bulgaria, Kosovo, Ecuador, Bolivia, Argentina, Angola, Zambia, Seychelles, Nigeria, Cipro, Guatemala, Panama, Colombia, Italia, Finlandia, Israele, Macedonia, Stati Uniti d’America.

• Festival: “Le Très grand conseil mondial des clowns” - Niort - 2015 - Francia

Premio Physical Theater per il miglior spettacolo - Skopie - 2009 - Macedonia

Premio per il miglior spettacolo Internazionale - Cordoba - 2015 - Argentina

Premio per il miglior attore a Guerassim Dichliev al Festival United Solo a New York City – Stati Uniti di America – 2017 – Presidente della giuria Michael Moore

Note di regia di Costantino Raimondi


Trilogia del Viaggio: Monologo con valigia, secondo capitolo della Trilogia del Viaggio è figlio di Prove (rewind). È un nuovo viaggio tematico in compagnia di Guerassim Dichliev con il quale lavoro da più di venti anni, anni di partage artistico dove il corpo e la parola si esprimono come esperanto del domani. Questa ricerca prende forma attraverso i temi dell'immigrazione e si incarna attraverso la vita vissuta dall'attore stesso come in Prove (rewind). Nervi, muscoli e tensioni, tra sogno e realtà. È un attore accompagnato da una valigia, piena di ricordi e di progetti. Un aroma da film muto in cui l'ironia sulla sua propria sorte è solo una speranza per il giorno dopo.

Potrebbe interessarti anche: Notre Dame - Il mistero della cattedrale, dal 24 maggio al 26 maggio 2019 , Tosca, dal 2 maggio al 12 maggio 2019 , I Legnanesi - 70 voglia di ridere c'è, dal 10 maggio al 11 maggio 2019 , Gaetano Triggiano - Real Illusion Tour 2019, 9 maggio 2019

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.