Pier Paolo Pasolini, 13 film tornano in sala per il centenario: le proiezioni in programma - Genova

Pier Paolo Pasolini, 13 film tornano in sala per il centenario: le proiezioni in programma

Cinema Genova Cinema Ariston Venerdì 11 marzo 2022

Clicca per guardare la fotogallery

Genova - In occasione del centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini, Circuito ospita i film della rassegna Pasolini 100 restaurati dalla Cineteca di Bologna, che li distribuisce insieme a CSC - Cineteca nazionale. I tredici film di Pasolini si possono vedere al Cinema Ariston di vico San Matteo 14, nel centro storico di Genova, dal 15 marzo al 26 maggio 2022, ogni lunedì e ogni giovedì.

La rassegna "Pasolini 100" prende il via dall'esordio di Accattone nel 1961 (15 e 17 marzo), si prosegue con Mamma Roma e La ricotta (22 e 24 marzo), Il vangelo secondo Matteo (29 e 31 marzo), Comizi d'amore (5 e 7 aprile), Uccellacci e uccellini (12 e 14 aprile), Edipo re (19 aprile), Porcile (21 aprile), Appunti per un'Orestiade africana (26 e 28 aprile), Il Decameron (3 e 5 maggio), I racconti di Canterbury (10 e 12 maggio), Il fiore delle mille e una notte (17 e 19 maggio), per arrivare all'ultimo film del 1975, Salò o le 120 giornate di Sodoma (24 e 26 maggio). Chi si presenta al cinema Ariston con il biglietto della mostra Pier Paolo Pasolini. Non mi lascio commuovere dalle fotografie, allestita a Palazzo Ducale fino al 27 marzo, ha diritto al biglietto ridotto a 6 euro (anziché 8). Analogamente, chi si presenta al botteghino di Palazzo Ducale con un biglietto di Pasolini 100, può visitare la mostra con un biglietto ridotto a 10 euro (anziché 12). Per ulteriori informazioni, contattare il cinema Ariston di Genova al numero 010 2473549, mentre per gli orari delle proiezioni consultare il sito Circuito Cinema Genova.

«La forza di trovare, fin dalla prima inquadratura della sua opera prima, una propria lingua cinematografica, la sperimentazione come metodo di lavoro continuo, la necessità di rimettersi costantemente in discussione». Così racconta il cinema di Pasolini il direttore della Cineteca di Bologna Gian Luca Farinelli. «Accattone - continua - sembra distare quattro decenni da Salò; in mezzo ci sono le borgate romane, la riscrittura del documentario, il Vangelo, Uccellacci, i film sulla borghesia, la reinvenzione della classicità, la Trilogia della vita… la scoperta di Sergio Citti e di Ninetto Davoli, e poi Totò, Anna Magnani e Silvana Mangano, a cui offre ruoli unici e inediti, un nuovo modo di usare la musica, luoghi che il cinema non aveva mai saputo guardare, da Matera alla Cappadocia, da Sana'a ai resti della classicità, un cinema di poesia che è anche, sempre, un cinema politico, civile, che affronta i grandi nodi della modernità. Un cineasta condannato, insultato, imbrattato dal primo all'ultimo film, oggi unanimemente riconosciuto come l'artista che ha capito, con decenni d'anticipo, il genocidio culturale che si stava realizzando davanti al silenzio di tutti».

«Il centenario di una figura così centrale per la cultura italiana non poteva che meritare un impegno condiviso», afferma Marta Donzelli, presidente della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia. «Per questo - prosegue - sono davvero lieta della collaborazione tra CSC - Cineteca Nazionale e Cineteca di Bologna per riportare in sala, insieme, il cinema di Pier Paolo Pasolini. Un'iniziativa che parte dai restauri - ultimo, in ordine di tempo, quello di Mamma Roma realizzato dalla Cineteca Nazionale e presentato poche settimane fa al Festival di Berlino - compiuti in questi anni per sanare le ingiurie del tempo (e in molti casi della censura), riportando le opere allo splendore originale. Oggi quei film tornano sul grande schermo, pronti a essere visti, amati e discussi da una nuova generazione di spettatori».

L’attività di Circuito è sostenuta dai main sponsor Banca Carige, che promuove la cultura e le imprese liguri, in una sfida che unisce tradizione e innovazione, e Fondazione Cappellino-Almo Nature che attraverso la partnership con Circuito Cinema e Circuito Cinema Scuole, attente all'educazione civica e ambientale, vogliono contribuire a diffondere l'importanza delle scelte quotidiane dell'individuo in relazione alla tutela degli habitat e far sapere che un modello economico a impatto positivo sulla biodiversità è possibile (e in Fondazione Capellino - Almo Nature già esiste). 

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.