Genova, botti di Capodanno 2022: vietati i fuochi d'artificio. Ecco l'ordinanza

Genova, botti di Capodanno 2022: vietati i fuochi d'artificio. Ecco l'ordinanza

Attualità Genova Giovedì 30 dicembre 2021

Clicca per guardare la fotogallery
© pixabay.com

Genova - Firmata a Genova l'ordinanza che vieta i fuochi d'artificio in tutto il territorio del Comune di Genova nella notte di Capodanno 2022. I fuochi d'artificio sono vietati dalle ore 19.30 del 30 dicembre 2021 alle ore 24 dell'1 gennaio 2022.

Scatta già dalla giornata di giovedì 30 dicembre il divieto di detenzione e uso di fuochi d'artificio pirotecnico e materiale esplodente in area pubblica e aperta al pubblico, anche non frequentata da persone. Lo stabilisce l’ordinanza proposta dall’assessore alla Sicurezza Giorgio Viale e firmata dal sindaco di Genova Marco Bucci in previsione della notte di Capodanno 2022.

L’inosservanza dell'ordinanza, fatte salve le sanzioni anche penali previste dalla normativa vigente, sarà punita con una sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro. All’atto della contestazione della violazione è anche stabilito il sequestro degli artifici pirotecnici e del materiale esplodente detenuto dal trasgressore. È anche possibile l’applicazione di ulteriori sanzioni per le violazioni di speciali disposizioni legislative o regolamentari.

Non sarebbe certo un buon modo per festeggiare il Capodanno 2022, considerando che i botti fanno male soprattutto agli animali domestici e a quelli randagi che vivono nelle nostre città.

L’ordinanza ribadisce inoltre – come da art. 6 del Decreto Legge 24 dicembre 2021 n. 221 – il divieto di feste ed eventi che implichino assembramenti in spazi aperti.

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

La nostra azienda nel corso del 2022 a fronte della domanda di agevolazione presentata in data 05/08/2020 a valere sull’Azione 3.1.1 "Covid19" del POR FESR 2014-2020 ha ricevuto il sostegno finanziario dell’Unione Europea per la realizzazione di un programma di investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale "Covid19 – Adeguamento processi produttivi delle PMI"