Musei di Genova: online il nuovo sito e una Museum Card 24 ore. «La cultura non si ferma mai»

Musei di Genova: online il nuovo sito e una Museum Card 24 ore. «La cultura non si ferma mai»

Mostre Genova Giovedì 15 aprile 2021

Porta Soprana e Casa di Colombo
© Carlo Alberto Alessi e Genova Studio
Altre foto

Genova - Dal 15 aprile 2021 è online museidigenova.it, la nuova versione, più moderna e intuitiva, del sito dei Musei di Genova. Ed è nel giorno della sua rinascita che viene proposta la nuova Museum Card 24 ore, la quale permette a chiunque di visitare tutti i 28 musei cittadini che aderiscono all'iniziativa grazie a un unico biglietto (acquistabile online dal nuovo sito dei musei e in biglietteria).

È su questo chiunque che si fonda il nuovo progetto di restyling del sito dei Musei di Genova, a cui un team di circa 20 persone ha lavorato con dedizione nel silenzio delle porte chiuse che ha accompagnato questo 2020. L'assessore alle Politiche Culturali del Comune di Genova Barbara Grosso dice: «A Genova, la cultura non si ferma mai. Neppure in un periodo come questo di emergenza sanitaria. Oggi, parlare sul web significa assumersi una grande responsabilità, e non solo in termini di contenuti. È una grande responsabilità perché si ha il potere di parlare con chiunque, e di poter far entrare chiunque in contatto con i capolavori del nostro patrimonio artistico e culturale».

Il nuovo progetto vuole mostrare a tutti, ora in modo più semplice e intuitivo, l'eccezionale patrimonio artistico e culturale che Genova Città dei musei  può offrire. Vuole far scoprire i musei che arricchiscono la nostra città (tra arte, culture del mondo, natura, scienza e navigazione, storia e memoria, musica e spettacolo), che, quando l'emergenza sanitaria lo permetterà, saranno visitabili attraverso un biglietto unico (costo 15 euro) valido per 24 ore. Grazie alla traduzione in inglese, si vuole svelare a tutto il mondo la ricchezza di Genova. Non ci si limita a esibire il vasto repertorio di contenuti, che abbraccia un'epoca che va dalla preistoria ai giorni nostri, ma si portano alla luce anche contenitori ed edifici, alcuni di questi mai visti prima. Il nuovo portale include anche le realtà di gestione e proprietà non comunale. Sono complessivamente 33, tra civici, statali e privati, suddivisi in 5 categorie: musei d'arte, musei di culture del mondo, musei di natura, scienza e navigazione, musei di storia e memoria e archivi, musei di musica e spettacolo, di cui 5 sono siti Patrimonio Unesco, 17 sono location esclusive, 8 hanno panorami mozzafiato, 9 sono immersi nel verde e 8 sono definiti "dimore museo".

Il nuovo sito si apre con una carrellata di immagini ad alto contenuto emozionale, inserite in una galleria a scorrimento veloce pensata per dare un’idea immediata dell'incredibile offerta museale disponibile a Genova tra dipinti, sculture, palazzi storici, monumenti, parchi. «Abbiamo invitato a entrare in questo mare non solo i musei del Comune di Genova - spiega Anna Orlando, advisor per Arte e Patrimonio culturale del Comune di Genova - ma anche i musei statali, quelli privati, sia piccoli che grandi, e le biblioteche. Abbiamo voluto coinvolgere anche realtà emergenti, ancora in fase cantieristica, come il Mei (Museo Nazionale dell’Emigrazione Italiana) alla Commenda di Prè, il Museo della Città nella Loggia della Mercanzia di piazza Banchi e la Casa dei Cantautori presso l'Abbazia di San Giuliano».

Il sito è stato messo a punto da Liguria Digitale che, come spiega la responsabile del progetto Laura Piccinno, ha basato il suo lavoro interamente sulle tre parole d'ordine: accessibilità, traduzione e responsività (ossia navigabilità da dispositivi sia fissi che mobili senza alcuna perdita di informazioni). Ogni contenuto del sito è pensato per essere accessibile da chiunque e da qualsiasi parte del mondo, ha un target davvero ampio e per questo offrirà la possilibilità di procedere per diversi livelli di navigazione, attraverso una visita per gradi. 

Una delle tante novità del sito è la sezione Le 10 Meraviglie, che illustra i dieci pezzi forti di ogni museo con foto, note e descrizioni. Sarà solo uno dei tanti modi che questo progetto prevede per portare alla luce la bellezza unica che Genova spesso nasconde, per diffonderne la consapevolezza e portare avanti «questa mission in cui crediamo fermamente per la massima valorizzazione culturale della città a 360 gradi e in tutto il mondo»,come afferma Anna Orlando per concludere.

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.