Liguria nel weekend zona gialla e arancione: cosa si può fare, spostamenti e divieti - Genova

Liguria nel weekend zona gialla e arancione: cosa si può fare, spostamenti e divieti

Attualità Genova Sabato 16 gennaio 2021

Camogli
© Pixabay

Genova - Weekend atipico quello di sabato 16 e domenica 17 gennaio 2021 in Liguria, per metà zona gialla e per metà zona arancione. È arrivato l'atteso Dpcm che va a integrare il Decreto Legge del 14 gennaio 2021 e contiene tutte le nuove regole anti Covid valide dal 16 gennaio al 5 marzo 2021. In tutta Italia, gli spostamenti continuano a essere vietati tra regioni fino al 15 febbraio, ma è consentito raggiungere le seconde case fuori regione anche se con il solo nucleo familiare convivente ("consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione"). Su quest'ultimo punto, però, si attendono chiarimenti e ufficialità dal Governo con la pubblicazione delle Faq. Ora vediamo quali sono le principali regole a cui attenersi in Liguria in questo weekend. Misure che, nella maggior parte dei casi, dipendono dai colori delle regioni (qui l'elenco valido dal 17 gennaio 2021).

Sabato 16 gennaio la Liguria è in zona gialla per l'ultimo giorno. Consentito, una sola volta al giorno, spostarsi verso un'altra abitazione privata abitata all'interno della propria regione dalle 5 alle 22 a patto di rispettare il limite delle due persone esclusi i figli minori di età inferiore ai 14 anni e le persone conviventi con disabilità. L'autocertificazione è necessaria per gli spostamenti fuori regione o tra le ore 22 e le 5 (motivi di salute, lavoro o necessità). Aperti ristoranti e bar fino alle ore 18 (poi asporto fino alle 22 e servizio a domicilio senza limiti di orario). La novità è che bar ed enoteche, dal 16 gennaio, non possono fare asporto dopo le ore 18

Anche in zona gialla, obbligo di mascherina all’aperto, coprifuoco dalle ore 5 alle 22 e divieto di assembrarsi per feste e celebrazioni. Come scritto nel decreto, restano sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, così come è confermata la chiusura degli impianti sciistici (fino al 15 febbraio). I negozi sono aperti, mentre nel weekend sono chiusi i centri commerciali. C'è la possibilità di muoversi per fare passeggiate all'aperto, escursioni e attività sportive all'interno della Liguria.

Da domenica 17 gennaio 2021, la Liguria torna zona arancione. Bar e ristoranti sono chiusi (così come pub, pasticcerie e gelaterie), ma resta consentito l'asporto fino alle 22 e la consegna a domicilio senza limiti di orario. Per i bar, enoteche e locali che vendono alcolici c'è il divieto di asporto dopo le 18. In Liguria è possibile uscire dal proprio comune solo per lavoro, necessità o salute (e con l'autocertificazione). Si può fare visita a parenti e amici, ma solo due persone (oltre ai minori di 14 anni) e non più di una volta al giorno sempre all'interno del proprio Comune, e ci si può spostare fino a 30 chilometri dal comune se si risiede in un centro con meno di 5mila abitanti, ma non verso i capoluoghi. Resta il divieto di spostamento durante il coprifuoco in vigore dalle 22 alle 5: in questo arco temporale ci si può spostare solo per lavoro, salute e necessità.

Il nuovo Dpcm, dopo chiarimenti, non vieta di raggiungere la seconda casa fuori dal proprio comune o regione (però con i soli familiari conviventi). Su quest'ultimo punto, però, si attende l'ufficialità del Governo con la pubblicazione delle Faq. Aperti i negozi, parrucchieri e centri estetici. È possibile praticare attività sportiva purché all’interno del proprio comune e all'aperto. Restano chiusi i musei, i cinema, i teatri, le palestre e le piscine, così come i centri commerciali. Possibilità di fare attività motoria, camminate e andare in bici all'interno del Comune o vicino a casa, mantenendo le distanze.

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.