«Il teatro vive anche in emergenza. Serve l'aiuto delle istituzioni». L'appello dal Festival dell'Eccellenza al Femminile - Genova

«Il teatro vive anche in emergenza. Serve l'aiuto delle istituzioni». L'appello dal Festival dell'Eccellenza al Femminile

Teatro Genova Martedì 20 ottobre 2020

Teatro
© Pixabay

Genova - Sul palco del Festival dell'Eccellenza Femminile 2020 a Genova è partito un appello collettivo per lo spettacolo dal vivo lanciato da attrici, artiste, giornaliste, performer, drammaturghe e scrittrici, dietro maschere e distanziamenti. In arrivo ci sono nuove proposte articolate dal gruppo di lavoro del Festival.

Oltre 40 artisti, dal Teatro Ivo Chiesa, da Palazzo Ducale, dal Museo dell'Attore di Genova e dall’ex Convento dell'Annunziata a Sestri Levante, stanno dando vita a una kermesse di eventi per confrontarsi dal punto di vista del Fattore D, sulla ricostruzione e "il rinascimento" dell'Arte e del Teatro nello stato di emergenza.  Presenti, in 9 giorni, dietro maschere e distanziamenti, tanti protagonisti della cultura contemporanea che stanno aderendo al festival e alla sua istanza, insieme alle associazioni che lo sostengono: Zehra Dogan, Ilaria Capua, Ezel Alku, Orkide Izci, Sara Bertela, Elisabetta Mazzullo, Gaia Aprea, Silvia Neonato, Consuelo Barilari, Duska Bisconti, Caterina Barone, Eugenio Pallestrini, Carla Olivari, Stefano Bigazzi, Silvana Zanovello, Rosalia Pasqualino Di Marineo, Carmen Lasorella, Adriana Albini, Alessandra Gagliano Candela, Linda Kaiser, Virginia Monteverde, Arianna Cesarone, Bettina Bush, Elettra Stambouli, Maria Grazia Daniele, Stella Acerno, Chico Schoen, Elena Rosa, Elisabetta Mauti, Caterina Barone, Gianni Martini, Antonella De Biasi, Sonia Sandei, Giovanna Badalassi, Cinzia Pennati, Simone Manetti

"Uno sforzo immenso e una immensa solidarietà da artisti e spettatori ha reso possibile spettacoli teatrali con grandi attrici e artiste della scena contemporanea, in luoghi bellissimi e con spettatori contingentati. Il Teatro e le Arti performative pulsano e infiammano più di sempre - dice Consuelo Barilari - Se in questo momento, di cui non conosciamo la durata, non possono esistere i grandi numeri di spettatori, le Istituzioni devono sostenere il Teatro e l'Arte dal vivo per i piccoli numeri, immaginando la moltiplicazione degli eventi sui territori della tecnologia digitale, nella ripetizione, nella moltiplicazione sui social. Gli stati devono investire sul Teatro e l'Arte che nasce in questo periodo, perché la qualità è maggiore, nasce dalla coesione e dalla solidarietà di artisti straordinari in una comunità che si chiama emergenza mondiale e che ora gli stati e i governi devono aiutare".

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.