Digital Fiction Festival 2020 a Genova: omaggio all'Italia e alla città

Digital Fiction Festival 2020 a Genova: omaggio all'Italia e alla città

Cinema Genova Giovedì 30 luglio 2020

Cinema
© Pixabay

Genova - Inizia giovedì 30 luglio e prosegue sino a domenica 2 agosto 2020 il Digital Fiction Festival, quest’anno alla sua seconda edizione. L’evento, organizzato da Genova Liguria Film Commission con il patrocino, tra gli altri, di Comune e Regione, ha l’obiettivo di promuovere il tema delle Serie TV, settore in crescita e in pieno sviluppo e, nel contempo, di lanciare un forte segnale di ripartenza delle attività audiovisive, che in Liguria hanno continuato a operare anche durante il lockdown.

Il settore dell’audiovisivo è in pieno fermento in Liguria, con numerose produzioni già impegnate nelle riprese e molte altre che arrivano a partire da settembre. Questa edizione, dedicata all’Italia, ha come direttore artistico il produttore genovese Walter Iuzzolino, che negli ultimi anni ha prodotti fiction di successo internazionale.

Il Digital Fiction Festival 2020 si svolge a Villa Bombrini e nel Videoporto, sede di Genova Liguria Film Commission, e comprende tavole rotonde, concerti, masterclass, incontri tematici, serate di premiazione di musica e spettacolo con l’Onda d’Oro. In ottemperanza alle normative anticontagio, gli appuntamenti hanno una fruizione ‘mista’: in presenza, per un pubblico contingentato, mentre il pubblico vasto può seguire lo streaming, sui social GLFC e del Digital Fiction Festival. Tra gli appuntamenti della manifestazione, i casting a Villa Bombrini per film che vedrà la luce nel 2021 (di Remor Film) in programma domenica 2 agosto dalle ore 10. I venti candidati, tra i quali la produzione scegli il protagonista, sono visionati da una giuria di esperti coach. Qui si può consultare il programma di Digital Fiction Festival 2020.

«Cultura significa anche valorizzare il nostro territorio che, come ha detto il grande maestro del cinema internazionale Giancarlo Giannini, è un set cinematografico a cielo aperto - spiega l’assessore alle Politiche culturali Barbara Grosso - Un messaggio, per significare che occorre lavorare in questo senso. Come amministrazione comunale ci stiamo impegnando in questa attività, che permette anche di riportare le persone a lavorare fisicamente. Ricordiamo che dietro a un artista ci sono centinaia di lavoratori. Ripartire con la cultura, far stare insieme le persone e farle lavorare insieme è un messaggio positivo, di rinascita e di continuazione».

«È davvero molto importante che questo Digital Fiction Festival si svolga a Genova: è una grandissima opportunità di marketing territoriale, di promozione del territorio che, attraverso le fiction resta costantemente visibile agli spettatori - aggiunge l’assessore allo Sviluppo Economico Turistico e Marketing Territoriale Laura Gaggero - Mi fa molto piacere che, nonostante l’emergenza sanitaria, ci sia questo Festival così importante e che partecipino tante case di produzione. Un’industria che può dare moltissimo al nostro territorio e che può trasformare Genova in una terra di fiction».

Potrebbe interessarti anche: , Esplosioni e rapimenti in Val Bormida: niente paura, è il set di un film , Cinema all'aperto ai Parchi di Nervi: i film in programma, dopo 26 anni nel roseto , Il cinema all'aperto 2020 a Palazzo Ducale: programma dei film e biglietti , Cinema all'aperto ai Parchi di Nervi: proiezioni nel Roseto come una volta , Cinema all'aperto a Palazzo Ducale 2020: programma di agosto con anteprime

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.