Riapre l'Abbazia di San Fruttuoso di Camogli: prenotazioni, giorni e orari e regole - Genova

Riapre l'Abbazia di San Fruttuoso di Camogli: prenotazioni, giorni e orari e regole

Cultura Genova Venerdì 22 maggio 2020

© Marco Ligabue_2017© FAI -Fondo Ambiente Italiano

Genova - Il FAI – Fondo Ambiente Italiano, dopo due mesi di isolamento, riapre i suoi Beni su tutto il territorio nazionale. Da sabato 23 maggio 2020 la millenaria Abbazia di San Fruttuoso a Camogli sarà nuovamente aperta al pubblico, che potrà usufruire di visite libere o guidate esclusivamente su prenotazione.

Dopo il difficile periodo di lockdown appena trascorso, gli ospiti potranno tornare a godere della bellezza della piccola insenatura che custodisce il monastero, situato tra i boschi del monte di Portofino e il mare azzurro della Liguria di Levante e raggiungibile solo in barca o a piedi: un vero e proprio miracolo architettonico perfettamente integrato con il suo contesto naturale.

Proprio l’inaccessibilità del luogo e la presenza di una sorgente d’acqua dolce ne fecero, nell’VIII secolo, un sito ideale per la fondazione di una chiesa. Secondo la tradizione, fu lo stesso martire Fruttuoso a scegliere la baia, indicandola in sogno a Prospero, vescovo di Tarragona in fuga dalla Spagna invasa dagli Arabi e alla ricerca di un luogo dove portare in salvo le reliquie del Santo. Ricostruita nel X secolo come monastero benedettino, dal Duecento l’abbazia intrecciò le sue sorti con quelle della famiglia Doria che ne modificò l’assetto, costruendo ad esempio il loggiato a due ordini di trifore e trasferendo qui il sepolcreto familiare, fino a quando, nel 1983, decise di donare l’intero complesso al FAI.

Per scoprire caratteristiche, segreti e curiosità dell’Abbazia di San Fruttuoso e del territorio in cui si trova verrà inviato via mail ai visitatori, con la ricevuta di acquisto del biglietto, l’accesso ad un sito web dedicato ai contenuti di accompagnamento alla visita. Sarà così possibile consultare già da casa, oppure durante la visita e lungo il percorso (anche tramite QR code in biglietteria), tanti e diversi materiali di introduzione, spiegazione e approfondimento: dalle schede descrittive di luoghi e oggetti a vere e proprie visite guidate con guide d’eccezione, da ascoltare in podcast (bisogna ricordarsi, quindi di portare con sé gli auricolari); da brevi racconti video a suggerimenti di itinerari a piedi o in bici nei dintorni del Bene FAI, per prolungare la visita e magari organizzare un’intera giornata all’aria aperta.

Visite: le nuove regole

Per consentire al pubblico di visitare i Beni nella massima sicurezza, il FAI si è preoccupato di garantire il pieno rispetto dei principi definiti dal Governo, a partire dal mantenimento della distanza sociale. In tutti i Beni la visita sarà contingentata per numero di visitatori e, ove possibile, organizzata a senso unico per evitare eventuali incroci. Le stanze più piccole e quelle che non permettono un percorso circolare saranno visibili solo affacciandosi; le porte saranno tenute aperte onde ridurre le superfici di contatto. Sarà d’obbligo indossare la mascherina per tutta la durata della visita. Saranno inoltre a disposizione dispenser con gel igienizzante sia in biglietteria che nei punti critici lungo il percorso.

Il giorno precedente la visita, i partecipanti riceveranno una mail con le indicazioni sulle modalità di accesso e un link da cui scaricare i materiali di supporto, che non saranno più distribuiti in formato cartaceo. Si ricorda che all’Abbazia di San Fruttuoso operano solo alcuni provider telefonici mobile: è consigliato, dunque, informarsi o acquisire i materiali di supporto prima della visita.

L’accesso alla biglietteria, al bookshop e ai locali di servizio sarà permesso a un visitatore o a un nucleo famigliare alla volta; nei negozi FAI i clienti dovranno indossare, oltre alla mascherina, anche i guanti. Si invita inoltre a effettuare gli acquisti con carte di credito e bancomat, per ridurre lo scambio di carta tra personale e visitatori.

Tutte le postazioni di lavoro e le aree comuni saranno sottoposte a igienizzazione costante e proporzionata all’utilizzo. Sarà garantito un adeguato ricambio di aria nei locali tramite ventilazione naturale o grazie a impianti regolarmente sanificati.

Giorni e orari di apertura

L'apertura dell'Abbazia di San Fruttuoso è prevista, dal 23 maggio, tutti i giorni, dalle 10 alle 16.45 (fino al 31/5) e dalle 10 alle 17.45 (dal 1/6). I giorni di apertura potrebbero subire modifiche in base alle corse dei battelli in partenza da Camogli). Verificare giorni e orari di partenza dei battelli, in caso di condizioni meteo marine avverse e sospensione servizio battelli da Camogli l’Abbazia resterà chiusa alle visite.

Prenotazione delle visite 

Le visite all'Abbazia di San Fruttuoso sono possibili solo su prenotazione, in autonomia o guidate; all’ingresso sarà accettata la presentazione del voucher sul dispositivo elettronico. L’accesso alla biglietteria sarà consentito a una persona (o famiglia) alla volta, rispettando la fila e mantenendo le distanze di sicurezza di almeno 1,5 metri. L’accesso è vietato a chi abbia una temperatura corporea superiore a 37.5°. La prenotazione online è obbligatoria; per effettuarla accedere al sito dei Beni Fai.

Prezzi del biglietto

Ingresso con visita libera: intero 7.50 Euro; ridotto (6-18 anni) e studenti fino a 25 anni: 4 Euro; famiglia (2 adulti + 2 bambini): 19 Euro; per gli iscritti FAI l'ingresso è gratuito.

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.