Coronavirus: genovesi bloccati a Cuba. Toti scrive a Di Maio - Genova

Coronavirus: genovesi bloccati a Cuba. Toti scrive a Di Maio

Attualità Genova Sabato 14 marzo 2020

© Pixabay.com

Genova - Marta Cavallo e Filippo Colotto, due giovani viaggiatori genovesi, erano arrivati a Cuba lo scorso 27 febbraio. Il viaggio stava proseguendo senza difficoltà fino a quando, mercoledì 7 marzo, i due sono stati svegliati nel cuore della notte e «portati in ospedale per accertamenti, perché erano stati trovati casi di Coronavirus a Cuba», come racconta Marta Cavallo in un messaggio sulla sua pagina Facebook.

Continua Cavallo su Facebook: «Ci hanno detto che entro 4 ore saremmo ritornati se gli esami avessero avuto esito negativo. Ci hanno fatto il prelievo alle 9.30 del mattino. Dopo diverse insistenze, alle 14, un medico ci dice che i nostri esami vanno bene. Da allora nessuna notizia».

Da quel giorno, e nonostante i risultati del test siano risultati negativi, Marta e Filippo sono tenuti in una quarantena forzata in un ospedale specializzato in malattie tropicali. Scrive ancora Marta su Facebook: «Non ci danno notizie di alcun genere, è impossibile parlare con medici. Siamo preoccupati, stanchi, devastati, debilitati... Vogliamo tornare a casa!».

Sabato 14 marzo arriva una dichiarazione da parte di Giovanni Toti: c'è stato un colloquio telefonico e scambio di lettere in mattinata tra il presidente della Regione Liguria e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in relazione al caso dei due turisti liguri bloccati in quarantena a Cuba a causa della pandemia da Coronavirus.

Nella sua lettera, il governatore ha scritto tra l'altro al titolare della Farnesina: "In qualità di Autorità nazionale di politica estera Ti chiedo di interessare la nostra Ambasciata a Cuba al fine di verificare lo stato delle cose, non avendo la Regione competenza specifica in materia. Ti pregherei di volermi informare quanto prima delle condizioni dei nostri due connazionali e delle azioni intraprese”, conclude il governatore.

Il ministro Di Maio ha risposto che si occuperà del caso e terrà informato il presidente Toti, in modo da monitorare congiuntamente l’evolversi della situazione.

Martan intanto ha lanciato l’hastag #riportateciacasa, chiedendo a tutti di condividere la loro storia: «Aiutateci a tornare a casa! Mettete fine a questo inferno».

Potrebbe interessarti anche: , Liguria, la nuova ordinanza: apertura centri estivi 0-17 anni, benessere e termali , Autostrade in Liguria: pedaggi gratis, controllo gallerie e lavori. Il piano cantieri , Genova, nuovo parcheggio di interscambio a Rivarolo: tariffe. Gratuità e sconti con Amt , Nuovo Porticciolo di Nervi: fine lavori a maggio 2021. Il video di come sarà , Meteo Genova 2 giugno 2020: le previsioni per una giornata all'aperto

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.