Coronavirus e donazioni di sangue a Genova: «Nessun rischio. Continuate a donare»

Coronavirus e donazioni di sangue a Genova: «Nessun rischio. Continuate a donare»

Attualità Genova Martedì 25 febbraio 2020

Genova - Tra supermercati presi d’assalto e mascherine e igienizzanti mani sold out, l'emergenza Coronavirus sta causando anche un calo nelle donazioni di sangue a Genova. Non è documentato, però, nessun rischio di trasmissione trasfusionale del Coronavirus, e il sangue continua a essere necessario per tutte quelle emergenze e attività che non si sono interrotte per l'epidemia.

Pertanto, la Regione Liguria invita i donatori a presentarsi a donare, con la precauzione di comunicare la comparsa di sintomi quali raffreddore, tosse e febbre superiore o uguale a 37.5°C. Tutto il personale addetto alla raccolta sangue continuerà a svolgere una accurata valutazione anamnestica al fine di intercettare i profili a rischio. A tutti i donatori verrà fornita adeguata informazione al fine di evitare accessi alla donazione in presenza di sintomi.

Viene applicato il criterio di sospensione temporanea di 28 giorni dei soggetti a rischio o che sono transitati e hanno sostato dal 1° febbraio 2020 nei Comuni interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio. I servizi trasfusionali e le associazioni di volontariato, nel rinnovare l’invito alla donazione, sono sempre disponibili per chiarire dubbi o eventuali necessità. Info sul sito di Avis, oppure sul sito di Fidas.

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.