Palazzo Ducale: mostre 2020 ed eventi tra Michelangelo, Disney, Obey e la Storia in Piazza - Genova

Palazzo Ducale: mostre 2020 ed eventi tra Michelangelo, Disney, Obey e la Storia in Piazza

Cultura Genova Palazzo Ducale Martedì 25 febbraio 2020

Cleopatra di Michelangelo
Altre foto

Genova - «Ogni giorno, almeno una o due occasioni di cultura a Palazzo Ducale». Si riassume così la proposta culturale dei prossimi mesi della Fondazione, presentata dalla direttrice di Palazzo Ducale a Genova Serena Bertolucci. Il fil rouge scelto per la programmazione 2020/2021 rimane il Racconto della storia, attraverso il contributo delle arti figurative, le testimonianze dei suoi protagonisti e l'esperienza dei suoi cronisti. Seguendo questo nastro conduttore, Palazzo Ducale presenta un ghiotto calendario di iniziative culturali, dalla mostra dedicata a Michelangelo divino artista al progetto espositivo di Disney America (dall'autunno 2020) senza dimenticare i consueti appuntamenti con La storia in piazza e con il Festival di Limes 2020. Il tutto, inseguendo la scia di un topolino giallo.

Palazzo Ducale dunque come produttore e, al contempo, esportatore culturale. La fondazione diretta da Serena Bertolucci porta avanti il progetto della stagione 2020/2021 nel segno di un duplice coraggio. Da un lato, si assume la responsabilità di imporsi come catalizzatore per l'intrattenimento e il turismo della città; di qui, la ricca offerta che include mostre di spessore, omaggi agli artisti del territorio, ma anche un fitto calendario di incontri, dalla storia (La storia in piazza, dal 2 al 5 aprile 2020) alla geopolitica (Festival di Limes, dal 22 al 24 maggio 2020). Dall'altra, il coraggio di uscire dai superbi confini, esportando le eccellenze prodotte in casa in Italia e all'estero.

Un programma dunque che insegue due direttrici di verso opposto. L'apertura a un pubblico sempre più vasto attraverso una proposta culturale allettante conferma Palazzo Ducale come volano primario per il turismo, affacciandosi ben al di fuori dei confini di Genova. Al contempo, la Fondazione allunga le sue radici nel territorio, anche grazie alla simpatica mascotte scelta da Serena Bertolucci: un topolino giallo, che richiama la caccia ai graffiti dello street artist genovese Stevo disseminati per il Centro storico. Poi le mostre dedicate a Scianna, Sirotti e all'artista e illustratore statunitense Obey (mostra in stile Banksy).

A partire da marzo, un'iniziativa della Fondazione invita cittadini e turisti a inseguire i piccoli topi disseminati nel quartiere della Maddalena, in cambio di biglietti, sconti e promozioni nelle realtà commerciali e associative della zona. Perché, oltre alla felicità, anche la cultura non è reale se non è condivisa. Cos'ha insomma da offrire Palazzo Ducale? Diamo un'occhiata.

Michelangelo divino artista: la mostra al Ducale

Salutata la retrospettiva sugli Anni Venti, l'Appartamento del Doge si fregia, a partire dall'8 ottobre al 24 gennaio 2021, di un altro apparato espositivo di spessore. Cristina AcidiniAlessandro Cecchi, direttore della Fondazione Casa Buonarroti, curano la mostra Michelangelo divino artista. Il racconto di un protagonista assoluto che non ha bisogno di definizioni, e che in questa esposizione si svela attraverso una ricostruzione biografica dei suoi incontri. L'arte del maestro toscano diventa narrazione (ecco dunque il Racconto della storia) di un Rinascimento floridissimo, costellato di personaggi come Francesco I di Valois e i medicei Lorenzo il Magnifico, Caterina, Leone X, Clemente VII.

La mostra Michelangelo divino artista si sviluppa secondo un insolito approccio prettamente grafico, che comprende circa 60 tra disegni autografi e fogli dei suoi carteggi, dalle rime ad altri suoi scritti originali. Ma anche due chicche, concesse proprio da Casa Buonarroti come sigillo di un sodalizio culturale con Palazzo Ducale: presenti in questa mostra la Madonna della Scala, tra i capolavori giovanili dello scultore, e il monumentale Cristo redentore di 250 centimetri di altezza. Esposta anche la Cleopatra disegnata per Tommaso Cavalieri. Sempre in un'ottica di condivisione della cultura, la mostra si dipana anche attraverso alcune sezioni espositive alla Pinacoteca di Savona, con le sue sezioni dedicate a Sisto IV e a Papa Giulio II.

Disney. L'arte di raccontare storie senza tempo: mostra di Natale 2020

C'era una volta Walt Disney, un pioniere nell'arte dell'animazione. Pochi come lui nella storia della grafica, del cinema e della grande distribuzione hanno saputo raccontare storie senza tempo e ricreare immaginari fantastici capaci di accompagnare l'infanzia (e non solo) di intere generazioni. Questa esposizione porta con sé le storie e i personaggi più amati della Disney, ricostruendone i miti, le leggende medievali, le favole e le fiabe che ne hanno ispirato le produzioni. Una rassegna di tutto il processo creativo disneyano, dal 17 ottobre 2020 al 22 febbraio 2021 nel Sottoporticato di Palazzo Ducale.

La mostra, a cura della Walt Disney Animation Research Library, è uno dei fiori all'occhiello della stagione di Palazzo Ducale: «siamo fieri dei nostri sforzi, che ci hanno permesso di portare a Genova questa esposizione itinerante e dalla caratura internazionale proprio nel periodo natalizio, così da integrare l'offerta per famiglie della città durante le festività» spiega Serena Bertolucci.

Dalla pittura alla fotografia alla street art: Sirotti, Scianna e Obey

Non finisce qui con i progetti espositivi di Palazzo Ducale. A tre anni dalla sua scomparsa, la Fondazione dedica una retrospettiva sull'intera produzione del pittore genovese Raimondo Sirotti. La mostra presenta un'opera omnia dell'artista, distribuendone i percorsi espositivi fra la Loggia degli Abati e il Museo di Villa Croce. Fra i quadri anche inediti conservati nell'atelier di Sirotti, sketch e appunti compresi. Le date dell'esposizione? A Palazzo Ducale appuntamento dal 30 aprile al 7 giugno; a Villa Croce l'esposizione inagura l'8 aprile e chiude il 24 giugno.

Denis Curti, Paola Bergna e Alberto Bianda curano poi la mostra Ferdinando Scianna. Viaggio Racconto Memoria. Una personale dedicata all'opera del fotografo siciliano, attingendo con 180 fotografie esposte al prolifico bacino di una carriera cinquantennale. Le foto, tutte in bianco e nero, spaziano dalla moda (Dolce & Gabbana e la modella icona Marpessa) ai reportage di guerra ai ritratti di grandi protagonisti del nostro tempo. Filo conduttore dell'obiettivo di Scianna? La costante ricerca di una forma di caos nella vita. Mostra visitabile dal 10 aprile al 6 settembre nel Sottoporticato di Palazzo Ducale.

Dopo il successo della mostra Banksy a Genova, prosegue il filone dedicato alla street art come canale privilegiato nel Raccontare la storia. Dal 23 aprile al 6 settembre il Sottoporticato presenta una mostra dedicata a ObeyMake Art not War. L'artista è immediatamente ricondotto, nell'immaginario mondiale, alla sua quadricromia Hope raffigurante l'allora candidato alla presidenza degli Stati Uniti Barack Obama. Oltre all'iconico poster, esposte anche grandi opere e piccole serigrafie, seguendo la cultura mainstream di cui la street art si ciba.

Da Limes 2020 a La Storia in Piazza: il salotto di Palazzo Ducale

Non solo mostre. A Palazzo Ducale si parla anche di attualità, politica, storia. Riconfermato l'appuntamento fisso con la kermesse della geopolitica a Genova, il Festival Limes, che anche quest'anno si apre con la partecipazione del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, intervistato dal direttore della rivista Lucio Caracciolo. L'edizione 2020, la settima in programma dal 22 al 24 maggio, apre uno spazio di dibattito sul tema Il potere del mito. Identità, narrazione, rappresentazione: come le potenze si raccontano grandi?

È giunto invece, inarrestabile, all'undicesima edizione La Storia in Piazza, il ciclo di conferenze e incontri a cura di Luciano Canfora con Franco Cardini. È di nuovo il racconto il filo conduttore della manifestazione, che dal 2 al 5 aprile 2020 passa in rassegna, negli spazi di Palazzo Ducale, il processo narrativo della storia, a partire dal primo storico per eccellenza. Erodoto. Fra gli ospiti del programma della Storia in Piazza anche due eccellenze torinesi; il 23 marzo Christian Greco racconta la sua esperienza di direttore del Museo Egizio di Torino a cavallo fra Rivoluzione Digitale e Umanesimo. Protagonista di un incontro il 19 marzo anche Enrica Pagella, direttore dei Musei Reali di Torino nota fra gli altri meriti per il restauro della Cappella della Sindone

Fuori da Genova: i progetti itineranti di Palazzo Ducale

Proprio nell'intento di rendersi ambasciatori nella promozione culturale, la Fondazione di Palazzo Ducale esporta anche fuori dai confini di Genova le sue eccellenze, intessendo quella che Bertolucci descrive come una vera e propria «catena di rimbalzi culturali». Così, alle Gallerie Estensi di Modena è in arrivo la mostra 20/20. Un racconto degli anni venti in Italia attraverso le opere della Wolfsoniana. Da settembre 2020 a gennaio 2021 il capoluogo di provincia emiliano racconta gli anni venti del secolo scorso passandone in rassegna le arti decorative, la pittura, la scultura e la grafica.

La mostra si ispira al progetto espositivo made in Palazzo Ducale sugli Anni Venti, riproponendone alcune opere come il Ritratto di Matteo Marangoni di Baccio Maria Bacci, L'idolo del prisma di Ferruccio FerrazziLa folla di Sexto Canegallo. In esposizione anche alcuni capolavori della collezione Wolfsoniana, ricostruendo stili, tendenze e sensibilità di un periodo quanto mai articolato e complesso. Attraversa i confini anche il progetto espositivo del MITA - Manifattura Italiana Tappeti Artistici Italian Threads, che dal 22 aprile al 28 giugno approda all'Estorick Collection of Modern Italian Art di Londra.

Potrebbe interessarti anche: , Badia di Tiglieto, visite guidate da agosto a ottobre: 900 anni di storia da scoprire , La mia Liguria: l'app per conoscere il territorio. Lo spot con De Devitiis: «Posti unici, da vivere» , Da Loano a Montaldo di Mondovì: il sentiero Roa Marenca, a piedi o in mountain bike , Da Sampierdarena al Forte Diamante: l'itinerario che collega la città ai monti , Le Cinque Terre in e-bike, i tour in bici con aperitivo tra mare e vigneti: Pedala e Gusta

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.