Forme sfuggenti, fotografia e scultura in un connubio di arte e ambiente - Genova

Mostre Genova Martedì 17 dicembre 2019

Forme sfuggenti, fotografia e scultura in un connubio di arte e ambiente

Forme sfuggenti a Monaco, Riomaggiore e Parma (2019)
© Davide Tansini

Contenuto in collaborazione con In arce 

Genova - Recupero e rigenerazione, pareidolia, diversa percezione dello spazio, ricerca di scenari creativi insoliti: sono le parole-chiave del progetto Forme sfuggenti, che dal gennaio 2018 combina fotografia e scultura creando uno speciale connubio di arte e ambiente.

Attiva in Italia, Svizzera, Francia e Monaco, l’iniziativa è dedicata all’opera artistica di Erminio Tansini. Fra la sua produzione pittorica (a olio) e scultorea (in bronzo e in legno) il progetto seleziona quest’ultima, concentrandosi sulle creazioni lignee.

Tansini ha iniziato a produrre queste sculture sin dall’inizio degli Anni Novanta, ma per diverso tempo le ha concepite come un fatto intimo, evitando di presentarle nelle mostre. Il loro debutto espositivo è avvenuto nel 2017, con la partecipazione dell’artista alla 57a Biennale di Venezia.

Tansini lavora con legni particolari: quelli recuperati dal mare e dai fiumi (Val Tidone, Lunigiana, Val Nure e, soprattutto, Riviera Ligure di Levante, Val Trebbia, Val Taro). Sono ceppi, radici, tronchi e rami travolti dalle frane, trascinati dalle correnti, levigati dall’acqua e dalle rocce. Il processo creativo delle sculture inizia lungo i torrenti e sulle spiagge, dove l’autore seleziona pezzi dalle sagome frastagliate e contorte, corrosi dalle intemperie, sbiancati dal sole.

Legno all’apparenza inutilizzabile; tuttavia, uno dei temi fondamentali delle sculture tansiniane (e di Forme sfuggenti) è proprio quello della rigenerazione. Erminio Tansini recupera e risana il materiale ligneo: ne conserva la caratteristica e inimitabile naturalità, donandogli al tempo stesso una sorta di nuova vita artistica. Crea così intrecci, sovrapposizioni e agglomerati di masse, profili e chiaroscuri, giocati sulla pareidolia: nelle sue sculture appaiono e scompaiono sagome riconoscibili, fugaci e sempre mutevoli secondo il punto di vista e la sensibilità dell’osservatore. Da qui prende le mosse Forme sfuggenti. Il progetto allestisce sets fotografici che scenarizzano le sculture di Tansini presso castelli, corsi e specchi d’acqua, paesaggi rupestri, scogliere marine e siti archeologici.

Sono luoghi affini al carattere scarno ed essenziale della scultura tansiniana; inoltre, poco utilizzati per manifestazioni culturali ed espositive di tipo tradizionale. Ricompaiono i temi del recupero e della rigenerazione: la rassegna Forme sfuggenti riacquista questi luoghi allo spazio artistico, trasformando la percezione stessa dell’ambiente e delle opere. Grazie a giochi di prospettive, luci e sovrapposizioni le sculture interagiscono visivamente con la natura e le architetture circostanti: si creano scene oniriche, simboliche, fantastiche e surreali, fissate attraverso l’obiettivo della fotocamera.

Tra i posti utilizzati per le riprese figurano il Castello Brown di Portofino, quello di Brescia, il Palazzo dei Principi Grimaldi a Monaco, il Ponte Gobbo di Bobbio, il Castello Sforzesco di Milano, quello di San Giorgio alla Spezia, Punta Mesco tra Levanto e Monterosso al Mare, la Spiaggia della Grotta del Diavolo a Vernazza e quella di Riomaggiore, il Castello di Canossa, quello di Torrechiara, il Parco Ciani di Lugano, il Ponte Coperto di Pavia, il Castello Doria di Porto Venere, la Plage de Carnolès a Roquebrune-Cap-Martin. Il progetto artistico Forme sfuggenti è diretto da Davide, figlio dell’artista stesso.

Potrebbe interessarti anche: , Palazzo Spinola: Il Viaggio di Abramo del Grechetto torna a splendere , Museo di Storia Naturale: la mostra Mythos tra draghi e unicorni. Biglietti e orari , Banksy a Genova: in mostra l'artista senza volto. Foto, orari e biglietti , Alfred Hitchcock a Palazzo Ducale: mostra sul maestro del brivido. Foto, orari e biglietti , La mostra Amore, Passione e Sentimento. Da Hayez a Cremona e Previati: foto, orari e biglietti

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Allerta Coronavirus Attenzione! Se vi trovate in una delle regioni in cui vige l'ordinanza riguardante l'emergenza Coronavirus, ricordiamo che tutti gli eventi in programma dal 24 febbraio al primo marzo 2020, sono annullati. Per ulteriori informazioni è possibile contattare direttamente gli organizzatori dei singoli eventi.