Angelucci a Genova: cent'anni di storia del negozio d'abbigliamento

Angelucci a Genova: cent'anni di storia del negozio d'abbigliamento

Shopping Genova Venerdì 29 novembre 2019

La vetrina del negozio Angelucci a Genova

Genova - Marzo 1919. Roma. Cesare Angelucci apre il suo negozio di pellami, e forse non immagina quanto lontano la semplice apertura di una serranda avrebbe portato il suo nome. Poi i furti subiti, la guerra, il riparo in Svizzera e di nuovo un trasferimento a Nizza. Ad accogliere gli Angelucci nel dopoguerra è la Liguria, dove la famiglia si distribuisce fra il Ponente e Genova, portando con sé talento imprenditoriale e spirito d'iniziativa.

Inizia così la storia di Angelucci, negozio di abbigliamento che dal 1954 veste genovesi e non. La vetrina è una delle poche superstiti fra gli storici nomi del commercio tessile nel centro della città, e a cento anni dalla prima serranda alzata il negozio decide di raccontarsi alla sua Genova, che alla famiglia Angelucci ha dato una seconda casa.

Dalla prima apertura in piazza Campetto, dove oggi un colosso della telefonia mobile promuove i suoi piani tariffari, fino ai locali in via V dicembre, tutt'ora sede dell'attività Angelucci: come è cambiata l'azienda? A raccontarcelo è l'ultima generazione della famiglia, che ancora oggi sorride ai clienti che attraversano la vetrina.

Federico ha 27 anni, una laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche all'Università di Genova e una passione per la batteria, e oggi lavora fianco a fianco con suo padre Flavio nel negozio di famiglia. Una scelta inizialmente dettata dallo stallo lavorativo che tanti neolaureati conoscono bene e dalla voglia di mettersi in gioco, che finisce però per trasformarsi in una piacevole scoperta, quella di un mestiere iscritto nel Dna della famiglia Angelucci.

«Non lo avrei mai detto, ma lavorare nel negozio di famiglia mi piace sempre più!». Dall'accoglienza ai clienti all'accurata selezione della merce all'allestimento delle vetrine, Federico scopre che dentro quel negozio che da sempre occupa i discorsi e scandisce i tempi della sua famiglia si nascondono mille possibilità di crescita, personale e imprenditoriale.

Una vita a contatto con la clientela, con i rappresentanti dei prodotti, con le aziende manifatturiere, un bagaglio che il mercato di oggi chiamerebbe know how, ma che altro non è se non il lascito di una tradizione di famiglia, come lo sono un cognome o un'eredità. E allora, come già il suo avo a Roma, Federico alza un'altra serranda, quella del web, e lancia il negozio di abbigliamento sul caleidoscopico mondo dei social e dell'e-commerce.

«Oggi le vendite online coprono circa il 30% del fatturato dell'attività», ci spiega Flavio Angelucci con un po' di orgoglio e un po' di timore, confermando la lungimiranza del figlio «anche grazie a collaborazioni con micro influencer che sempre più allargano gli orizzonti geografici del negozio». La storia di Federico è la storia di una generazione messa costantemente alla prova, che si barcamena nell'impresa di coltivare i frutti del proprio passato ma senza cullarsi nelle proprie glorie familiari. 

Oggi Angelucci è più di un semplice negozio di accessori e indumenti di buona fattura, perché porta con sé un urgente monito a una città come Genova, dove la chiusura delle serrande di locali e botteghe storiche è sempre notizia all'ordine del giorno.

«È sacrosanto avere delle aspettative realistiche e tenere gli occhi ben aperti, ma se non ci proviamo abbiamo perso in partenza», ci dice Federico. Di fronte alle fauci del web che spaventa i meno audaci e fagocita gli sprovveduti, Angelucci approfitta della vetrina globale per raccontare al mondo ciò che ha permesso alla sua serranda di rimanere aperta, ancora, cent'anni dopo. La cura per la qualità della merce, la scelta dei prodotti, la conoscenza dei materiali, eredità di un nome antico, hanno fatto di Angelucci una vera e propria garanzia. Il coraggio di portare avanti la propria storia ha fatto il resto.

Potrebbe interessarti anche: , Fiera del Libro a Genova nell'estate 2020, la prima post Covid-19 , La Fiera Primavera 2020 di Genova diventa d'Autunno: nuove date e anticipazioni , Mascherine lavabili a Genova: 7 negozi dove trovarle tra centro, Levante e Ponente , Saldi estivi 2020 in Liguria, posticipati al primo agosto. Le novità , Coop Liguria: il servizio di prenotazione in anticipo per saltare la coda nei punti vendita

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.