Teatro Genova Teatro Carlo Felice Giovedì 6 giugno 2019

Madama Butterfly torna al Carlo Felice, la tragedia giapponese di Puccini

Contenuto in collaborazine con Teatro Carlo Felice

Genova - Madama Butterfly, la tragedia giapponese di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa, con musiche di Giacomo Puccini, torna al Teatro Carlo Felice di Genova, dopo l’ultima rappresentazione del 2014 (nella versione del 1904) e quella del luglio 2018 al Porto Antico, a partire da venerdì 14 giugno - ore 20, con repliche fino al 20 giugno 2019.

Verso la fine dell’Ottocento, in Francia, esplose la moda delle stampe giapponesi. Tutti le collezionavano:
artisti, intellettuali, borghesi, commercianti. Madama Butterfy di Puccini (il più francese degli operisti
italiani), datata 1904, è figlia di quella passione per l’esotismo diffusasi nell’Europa fin de siècle, che
scopriva l’Oriente attraverso l’inizio di quella che oggi chiamiamo globalizzazione. Un’opera che riguarda
tutti noi, dunque, perché ci riporta alle origini del mondo contemporaneo.

E il cui esito tragico dovrebbe far riflettere. Tutto finisce male, infatti, perché l’incontro tra i due protagonisti, appartenenti a società lontane, non li spinge a liberarsi dei rispettivi condizionamenti culturali, per quanto ci provino: il tenete della marina F.B. Pinkerton è l’americano superficiale e sbruffone raccontato in tanti film, al punto tale da illudere la giovanissima geisha Cio-Cio-San e approfittarsene; e lei, alla fine, si scopre così legata al senso dell’onore e allo spirito di sacrifico della sua cultura, da fare harakiri, in uno dei finali più strazianti della storia dell’opera lirica. La musica, frutto di un abile e raffinato lavoro di contaminazione tra stilemi occidentali e orientali, non fa solo da sfondo alla vicenda: la simboleggia in suoni (e colori sonori).

È con questo amatissimo e celeberrimo titolo pucciniano che il Teatro Carlo Felice chiude la Stagione d’Opera 2018/2019. Lo spettacolo vede sul podio, a dirige l’Orchestra e il Coro (preparato dal Francesco Aliberti) del Teatro Carlo Felice, Giuseppe Acquaviva, che è anche il Direttore Artistico della Fondazione lirico-sinfonica genovese. L’allestimento è una produzione del Teatro Astana Opera, nuovo capitolo del fortunato gemellaggio tra il Teatro Carlo Felice e il suo omologo della capitale del Kazakistan.

La regia è firmata da Lorenzo Amato, regista con grande sensibilità musicale, che ha incentrato la messa in scena sulla crisi di identità vissuta da Cio-cio-San/Butterfly e sul forte legame tra la protagonista e la sua cameriera Suzuki. Di grande impatto le scene e i costumi, firmati, rispettivamente, da due nomi che
il mondo ci invidia: Ezio Frigerio e il Premio Oscar Franca Squarciapino. A dar vita ai personaggi, un cast di
cantanti-attori particolarmente affini allo stile vocale pucciniano, che in Butterfly tocca punte di altissima
difficoltà: Maria Teresa Leva (Butterfly), Stefan Pop (Pinkerton), Suzuki (Raffaella Lupinacci), Stefano
Antonucci (Sharpless).

Potrebbe interessarti anche: , La Tosse d'Estate 2019 raddoppia: il programma tra centro storico, Liguria e non solo , Teatro Sociale di Camogli, la stagione 2019/2020: il programma tra spettacoli e concerti , Ridere d'agosto 2019: il programma tra teatro, cabaret e musica , Teatro Nazionale di Genova, la stagione 2019/2020: programma con 65 spettacoli , Politeama Genovese, la stagione 2019/2020: il programma, da Virginia Raffaele ad Ale e Franz

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.