Sposatevi a Genova! Tursi rilancia la città come location internazionale per matrimoni

Sposatevi a Genova! Tursi rilancia la città come location internazionale per matrimoni

Cultura Genova Giovedì 14 febbraio 2019

Genova - Il giorno del fatidico  è sempre indimenticabile, ma lo è ancora di più se ci si promette amore nella città della Lanterna. Sposatevi a Genova è il nuovo progetto promosso da Comune di Genova (assessorato al Commercio e Turismo e assessorato Servizi Civici) e Convention Bureau Ge, nato per lanciare Genova come nuova wedding destination internazionale ed entrare in un nuovo circuito di mete turistiche che vede, a oggi in Italia, primeggiare Toscana, Costiera Amalfitana, Umbria e Venezia e i Laghi. Il nuovo progetto punta sulla promozione attraverso materiali grafici (schede e dépliant cartacei), sito web dedicato, collegato a Comune di Genova e Convention Bureau, e accounts specifici sulle piattaforme e social più adatte.

L’utilizzo dei social più importanti fa leva sulla narrazione: sei favole romantiche propongono le storie che solo Genova può raccontare, attraverso le quali viene creata una sinergia tra la città, le ceremony locations e gli operatori del settore. Il progetto verrà ulteriormente ampliato attraverso campagne digital web e social marketing, conventions e sopralluoghi con i promoter internazionali, produzione di video e altro materiale corporate, accordi con operatori del settore e inserimento di Genova nelle piattaforme internazionali del settore.

Le 6 proposte principali valorizzano la suggestione dei luoghi più amati di Genova: dal tramonto sul mare sull’isola delle chiatte con lo sfondo della Lanterna all’eleganza rinascimentale della Villa del Principe; dalla spiaggia di Boccadasse alla città vista dall’alto sulle terrazze di Villa Zerbino a Castelletto; dall’atmosfera sospesa nel tempo di Palazzo Ducale al fasto delle residenze della Genova dei Rolli. Alle storie sono affiancate informazioni pratiche sull’organizzazione dell’evento, sull’attività che Convention Bureau Genova può mettere a disposizione di chi è coinvolto nell’organizzazione del matrimonio, con approfondimenti su alberghi, catering, infrastrutture, location, servizi tecnici e trasporti. Comune di Genova e Convention Bureau hanno inoltre lavorato in sinergia per lo sviluppo del settore wedding, attraverso l’ottenimento del titolo di Case Comunali per la celebrazione di matrimoni civili di alcune prestigiose location della città.

Il progetto attua le decisioni assunte al Tavolo dell’imposta di soggiorno del Comune di Genova con Camera di Commercio e le Associazioni rappresentative di Categoria e vuole affermare Genova come destinazione privilegiata per matrimoni in Italia e all’estero, sviluppando il segmento di mercato dedicato al Wedding, in crescita, attraverso i proventi dell’imposta di soggiorno. Con il supporto dell’Assessore ai Servizi Civici, Matteo Campora, sono state individuate quattro nuove location quali nuove case comunali per celebrare i matrimoni e punto di riferimento e di attrazione per la città: Villa del Principe, Villa Chiossone, Palazzo della Meridiana e Villa Lo Zerbino.

 «All’Italia - commenta l’assessore al Turismo Paola Bordilli - viene riconosciuto il ruolo di destinazione del romanticismo e dell’amore. Per gli sposi stranieri, poi, le città italiane rappresentano storia e bellezze culturali, ma anche fascino e luogo dei desideri, senza tralasciare le motivazioni legate al fattore cibo. Vogliamo dare a Genova una nuova opportunità nell'ambito delle wedding destination, mirata a promuovere il territorio e a generare mercato per gli operatori del settore. Vogliamo che Genova diventi meta privilegiata per i matrimoni e venga proposta dagli operatori stranieri a chi sta per sposarsi».

Soddisfatta del progetto anche la presidente di Convention Bureau Genova, Carla Sibilla: «Abbiamo lavorato con l’obiettivo di avere delle proposte non solo emozionali, ma anche qualitativamente ben strutturate per poter affrontare i principali operatori nazionali e internazionali del settore Wedding e ottenere i migliori risultati per Genova».

«Questo progetto è stato possibile grazie al lavoro svolto dalla direzione Servizi civici, attenta alle esigenze dei cittadini - dichiara l’assessore ai Servizi civici Matteo Campora - La civica amministrazione è sempre pronta a offrire maggiori opportunità e servizi».

Potrebbe interessarti anche: , 2 Giugno 2020 a Genova: cosa fare? Beni Fai aperti, itinerari, spiagge e visite guidate , Cosa fare in Liguria il 2 giugno? I beni Fai sono aperti a offerta libera, ecco quali , Parco Beigua: escursioni e itinerari con le guide. Il programma , Riapre l'Abbazia di San Fruttuoso di Camogli: prenotazioni, giorni e orari e regole , Itinerario Borzoli-Cassinelle: l'antica abbazia abbandonata alle spalle di Sestri Ponente

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.