Genova, la riprogettazione di Prè passa dai cittadini con il Quaderno degli appunti

Attualità Genova Giovedì 17 gennaio 2019

Genova, la riprogettazione di Prè passa dai cittadini con il Quaderno degli appunti

di
Prè
© Jensens, wikipedia

Genova - Riqualificare, abbellire e illuminare via Prè e dintorni è uno degli obiettivi di questa amministrazione. Avanza la fase operativa del progetto Prè-Visioni, il programma di rigenerazione urbanistica del quadrante del centro storico di Genova nel quartiere di Pré tra via Balbi, via Gramsci, Piazza Principe e via delle Fontane. Dopo il coinvolgimento di stakeholder e associazioni di quartiere, tocca ai residenti: gli assessori all’urbanistica Simonetta Cenci, al turismo e commercio Paola Bordilli e all’ambiente Matteo Campora, insieme a Renata Morbiducci, responsabile scientifico del progetto Prè-Visioni, hanno presentato il Quaderno degli appunti, un’ulteriore iniziativa di socializzazione delle soluzioni urbanistiche pensate per il quartiere di Prè, che permette alla popolazione di dare il proprio contributo con idee e annotazioni al progetto.

Il Quaderno degli appunti, distribuito il 17 gennaio 2019, viene poi ritirato il prossimo 7 febbraio in occasione di un ulteriore incontro pubblico in programma sempre presso il Mu.MA - Museoteatro della Commenda di Prè. Lo stesso Quaderno, con le osservazioni raccolte, viene illustrato al MIPIM, l’appuntamento che riunisce gli operatori più influenti di tutti i settori dell'industria immobiliare internazionale in programma a Cannes, in Francia, dal 12 al 15 marzo.

Tra i progetti possibili per migliorare il quartiere di Prè, in futuro, l’introduzione di nuove luci led e di specchi per riflettere la luce solare nei vicoli più bui, micro-demolizioni su piano strada per aprire il passaggio sulle vie principali, oltre ad arredi e all’utilizzo di spazi di proprietà pubblica, ancora da individuare. Si punta a rigenerare alcune aree, come Piazzetta Vittime di tutte le Mafie.

«La rigenerazione del centro storico di Genova è uno dei punti principali dell’azione dell’amministrazione comunale - dice l’assessore all’urbanistica del Comune di Genova Simonetta Cenci - Prè-Visioni è un progetto complesso: dopo una prima parte di analisi è stato realizzato - grazie alla cooperazione con la Scuola Politecnica - questo “quaderno degli appunti” per condividere il lavoro svolto e raccogliere le osservazioni di chi vive quotidianamente il sestiere di Prè. Ora, grazie al supporto e alla partecipazione del Municipio Centro Est, delle associazioni di quartiere Osservatorio Prè Gramsci, La coscienza di Zena, Vivi Gramsci, Le Matriosche, della Sovrintendenza, lo staff di Palazzo Reale e lo staff del Mu.MA, e di tutti gli stakeholders, siamo pronti a mettere in atto una programmazione di micro interventi per migliorare il quartiere con un disegno di insieme condiviso».

Le analisi di dettaglio hanno permesso di evidenziare i focus su cui dirigere le azioni di riqualificazione. Tra i punti di forza ci sono la centralità dell’area, la vicinanza alla Stazione Ferroviaria di Piazza Principe, al terminal traghetti e alle stazioni metropolitane; altri elementi positivi sono la presenza di mezzi pubblici e di un’ampia zona pedonale, la vicinanza a sedi universitarie, al Porto Antico di Genova e ai suoi poli d’interesse, attuali e futuri, oltre - naturalmente - alla presenza di zone di interesse culturale, storico e architettonico. Punti di debolezza sono la frammentarietà del quartiere, la presenza di vicoli scarsamente illuminati, l’assenza di punti di aggregazione, la percezione di “area pericolosa” e un numero insufficiente di aree verdi pubbliche.

La proposta che ne è scaturita - e che viene ora sottoposta al vaglio della popolazione - è suddividere il Quartiere di Prè in quattro settori d’azione, per quanto concerne le idee progettuali di dettaglio, e di sviluppare un disegno unitario di illuminazione innovativa per tutto il quartiere. I quattro settori sono caratterizzati dalle priorità di residenza e commercio e differenziati da una specifica peculiarità: copresenza di attività universitarie (Settore 1); presenza di importanti realtà culturali (Settore 2); esistenza di numerosi spazi aperti da valorizzare e sfruttare (Settore 3); vicinanza di luoghi di arrivo per i cittadini, ma soprattutto, per i turisti (Settore 4).

Le proposte progettuali nei quattro diversi settori sono da considerarsi applicabili in ogni parte del Quartiere in cui si ritrovano le condizioni e le caratteristiche necessarie. Lo studio prevede, infatti, la creazione di poli di attrazione e condivisione che generino opportunità di incontro, sviluppo e valorizzazione nei settori della residenza, del tempo libero, del turismo e della cultura. L’obiettivo è di trasformare questa intera area, per restituirla alla città valorizzando le realtà già presenti e facilitandone l’insediamento di nuove.

La redazione del progetto del Quartiere di Pré vede la cooperazione tra il Dipartimento di Architettura e Design dell’Università di Genova e l’Assessorato Urbanistica del Comune di Genova.

Potrebbe interessarti anche: , Allerta arancione a Genova: scuole aperte il 24 ottobre , Meteo a Torino e in Piemonte: allerta arancione per maltempo dal 23 ottobre , Maltempo in Liguria: nuova allerta arancione su Genova e la regione. Le info , Genova, nasce il Giardino Lineare di Cornigliano: il nuovo parco urbano , Alluvione in Valle Stura: torrente esondato, frane e strade bloccate

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.