Attualità Genova Venerdì 4 gennaio 2019

Meteo Liguria: 2018 con numeri da record tra piogge e mareggiate

© patano/Wikimedia Commons

Genova - Anno nuovo: tempo di bilanci a Genova... anche sul fronte meteorologico. Che anno è stato quello del 2018 per il meteo genovese? Mentre il 2019 si è aperto all’insegna del tempo stabile e del freddo, il 2018 appena concluso è stato, secondo Arpal, un anno denso di fenomeni importanti e che hanno fatto la storia del meteo. Difficile dimenticare, spiega l’Agenzia meteo della Liguria, gli eventi che si sono verificiati nel corso del passaggio perturbato di fine ottobre 2018.

Il 2018 ha concentrato gli eventi meteo più intensi nel passaggio perturbato di fine ottobre. Il 27 ottobre scorso, infatti, all’inizio della lunga fase perturbata che ha interessato la Liguria, si sono registrate le massime cumulate giornaliere di pioggia, tutte in stazioni della provincia di Genova: Cabanne di Rezzoaglio ha raccolto 306.4 millimetri in 24 ore, Torriglia 302.8, Viganego 284.4.

Durante questa fase di maltempo ci sono stati numeri da record, come noto, anche per quanto riguarda mare e vento. La storica mareggiata del 29 e 30 ottobre è provata anche dai dati della boa di Capo Mele: alle ore 20.30 del 29 ottobre si è registrata un’altezza massima di 10.31 metri, alle ore 23 una significativa di 6.41 metri. Per quanto riguarda il vento, invece, anemometri a fondo scala sempre il 29 ottobre: il dato di 180 km/h registrato a Marina di Loano (l’altra stazione che ha toccato questo valore è stata quella di Fontana Fresca, nel comune di Sori) è il più alto mai raggiunto in stazioni costiere, peraltro con vento da sud; negli anni passati simili valori si erano verificati sulle alture e con ventilazione da nord. Da segnalare, sempre in costa, i 171 km/h raggiunti a La Spezia.

Altri due fenomeni hanno caratterizzato il 2018 meteorologico in Liguria. A cavallo tra febbraio e marzo la regione è stata interessata da un’intensa ondata di freddo con valori minimi di temperatura raggiunti a Poggio Fearza (nel comune di Montegrosso Pian Latte, Imperia, 1845 metri di quota) con -16.5, Piampaludo (Savona) con -16.2 e Montenotte Inferiore (Savona) con -16.

In estate, in particolare tra la fine di luglio e la prima parte del mese di agosto, il caldo è stato grande protagonista con valori particolarmente elevati soprattutto nello spezzino, dove il termometro si è avvicinato ai 40 gradi. Il giorno più caldo è stato il 1 agosto quando a Castelnuovo Magra si sono registrati 39.6 gradi e a Padivarma 39.4. Il 2018 in Liguria si è attestato al primo posto della classifica degli anni più caldi dal 1963: 17.2 la temperatura media misurata a Genova, di pochissimo superiore rispetto a quella registrata nel 2015.

Tornando alla pioggia, infine, la stazione di Urbe Vara Superiore, nel savonese, ha superato il tetto dei 3000 millimetri annui raggiungendo quota 3017.8, caduti in 121 giorni di pioggia. Al secondo posto in questa particolare graduatoria, Monte Pennello, alle spalle del Ponente genovese, dove, dal 1 gennaio al 31 dicembre sono caduti 2591.4 millimetri di pioggia. Seguono Piampaludo (Savona) con 2571.4, Mele (Genova) con 2550.8, Fiorino (Genova) con 2423.2. Il record dell’ultimo decennio rimane quello di Barbagelata, dove nel 2014 la cumulata annua fu di ben 4181,6 millimetri.

Potrebbe interessarti anche: , Coop Liguria: buoni acquisto per i lavoratori colpiti dal crollo del Morandi , Rampa di Cornigliano: apertura il 26 marzo, con ultima chiusura dalla Guido Rossa , Trenitalia Liguria: sui treni Jazz nuovi posti per le biciclette , Pegli, aperto il parcheggio di interscambio gratuito. Presto anche a Quinto e Voltri , Hennebique Genova, dal 30 marzo le manifestazioni d'interesse per la riqualificazione

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Il professore e il pazzo Di P.B. Shemran Drammatico 2019 Dopo anni di stallo, nel 1879, la grande impresa di redazione dell'Oxford English Dictionary, trovò nuova linfa, e vide più tardi la luce della pubblicazione, grazie al lavoro infaticabile del professor James Murray e dei volontari di tutto... Guarda la scheda del film