Teatro Genova Teatro Sociale di Camogli Martedì 11 dicembre 2018

Sergio Maifredi: primo Sovrintendente alla guida del Teatro Sociale di Camogli

L'interno del Teatro Sociale di Camogli, riaperto nel dicembre 2016

Genova - Il Teatro Sociale di Camogli ha definito una svolta decisiva. Dopo due stagioni condotte sotto la direzione artistica di Maria De Barbieri, e dopo il passaggio alla presidenza da Silvio Ferrari a Farida Simonetti, arriva per la prima volta (dalla riapertura nel dicembre 2016) una nomina ufficiale per la figura di sovrintendente dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione Teatro Sociale di Camogli.

Usa le metafore del mare Sergio Maifredi per commentare il nuovo incarico come Sovrintendente del Teatro Sociale nei termini previsti dallo statuto della Fondazione, ufficializzato nel tardo pomeriggio di ieri, 10 dicembre 2018, dal CdA della Fondazione. «Dobbiamo fare carena per affrontare una grande, lunga e sicura navigazione», afferma Maifredi che entra subito nella parte pratico-organizzativa ed economica del discorso: «Lavorerò da subito ad una razionalizzazione delle attività affinché progetto artistico e bilancio possano insieme portarci a raggiungere gli obiettivi che ci stiamo dando». Senza dimenticarne la missione socio-culturale: «Il Teatro deve essere il luogo in cui tutti si possano riconoscere, costruendo un grande polo culturale per il territorio e con il territorio».

La decisione arriva a monte di un colloquio in cui Maifredi ha presentato le linee generali di gestione per il futuro del Sociale orientate ad una «qualificata programmazione attenta alle esigenze del territorio parallelamente al recupero dell’equilibrio di bilancio». Il nuovo sovrintendente è già all'opera per predisporre la stagione 2019-2020 di un teatro che nella sua visione «ha i requisiti per diventare un punto di riferimento per il teatro in Italia. È un gioiello di quell’architettura teatrale italiana che ci rende famosi nel mondo».

Farida Simonetti, presidente della Fondazione, offre il punto di vista interno dell'ente pronto ad iniziare a lavorare con una più completa struttura organizzativa della Fondazione: «La figura di Sergio Maifredi ritengo possa apportare un fondamentale contributo perché il Sociale, concluso il periodo di rodaggio, prenda il mare per una navigazione sicura. Mi aspetto, insieme al Consiglio di Amministrazione, che grazie a questa collaborazione si realizzi il raggiungimento dei due obiettivi per me fondamentali: rendere sempre più il Teatro Sociale un fondamentale punto di riferimento capace di creare arricchimento nella vita culturale della nostra regione e impostare una gestione finanziaria sempre più sana e in equilibrio, ma capace di delineare una identità forte del nostro teatro».


Sergio Maifredi, direttore artistico, regista e produttore, ha ideato festival internazionali, innovative reti e sistemi teatrali in Italia volti alla valorizzazione del territorio attraverso progetti di audience engagement di impresa culturale. Ha diretto, tra gli altri, il Teatro Vittoria di Roma, è stato membro del consiglio di amministrazione della Fondazione Carlo Felice di Genova e del consiglio direttivo nazionale Unesco. Oltre alle numerose regie curate all'interno del Teatro della Tosse, Maifredi è stato regista residente al Teatr Nowy di Poznan (Polonia). Inoltre dal 2007 è direttore artistico di Teatro Pubblico Ligure Srl Impresa Sociale da lui fondata che, tra i tanti progetti, in Liguria, ha rivitalizzato il Teatro Comunale di Sori con progettualità legate alla comunità locale

Potrebbe interessarti anche: , Simon Boccanegra: l'opera di Verdi ambientata a Genova al Teatro Carlo Felice , Cocteau e Shakespeare ne Le ragazze dis-graziate. Jorio tesse. Pesca anima , Teatro della Tosse, la stagione 2019 riparte... dal vivo: programma e spettacoli , Dove porto i bambini? A Genova torna il Sabato a Teatro , Il Lago dei Cigni: il capolavoro di Čajkovskij al Teatro Carlo Felice

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Non ci resta che il crimine Di Massimiliano Bruno Commedia Italia, 2019 Coverciano era infatti il luogo ideale per un film in cui la passione per il calcio e la vittoria ai Mondiali in quell’estate italiana del 1982 - in cui Per uno scherzo del destino, i protagonisti vengono imprevedibilmente catapultati a Coverciano... Guarda la scheda del film