Marco Balzano per Incipit Festival: dal romanzo Resto qui all'eredità di Calvino - Genova

Libri Genova Mercoledì 5 dicembre 2018

Marco Balzano per Incipit Festival: dal romanzo Resto qui all'eredità di Calvino

© Johan Brun, Dagbladet/Wikipedia

Contenuto in collaborazione con Associazione Culturale Incipit

Genova - Prende il via mercoledì 5 dicembre 2018 Incipit Festival, la prima edizione del Festival letterario genovese itinerante che attraversa diversi quartieri della città, dal centro storico al Ponente fino alla Val Polcevera: un segno per tenere unita idealmente una città, divisa all'indomani del crollo di Ponte Morandi a Genova. Gli scrittori propongono un reading partendo dal loro ultimo romanzo. Molti autori genovesi, in occasione del Festival, hanno accettato di scrivere un incipit inedito che vede protagonisti i quartieri cittadini. La prima edizione dell'Incipit Festival ruoterà attorno alla figura di Italo Calvino. L'autore disse di aver continuato a scrivere lo stesso romanzo per tutta la vita. È davvero così? Quali sono le immagini che passano per la testa degli scrittori mentre elaborano il loro incipit? 

La seconda giornata dell'Incipit Festival, giovedì 6 dicembre 2018, alle ore 18.30, vede protagonista all'Appartamento Privato di Santa Maria di Castello, in Salita Santa Maria di Castello 10, lo scrittore e insegnante Marco Balzano, finalista al Premio Strega 2018 con il romanzo Resto Qui, classificato al secondo posto. Insieme al Marco Balzano si parla dell'eredità di Italo Calvino oggi. Insieme allo scrittore e a Laura Guglielmi si conversa sulla Strada di San Giovanni, un racconto di Italo Calvino, una dichiarazione d'amore per il paesaggio ligure, che ora sta subendo violenti mutamenti. Si cerca anche di evidenziare cosa resta degli insegnamenti di Calvino oggi per chi dedica la sua vita alla scrittura.

«Durante l'incontro dell'Incipit Festival si parla di Italo Calvino, uno dei narratori italiani più importanti del secondo Novecento - racconta lo scrittore Marco Balzano - Si attraversa la sua figura e la sua produzione letteraria: una produzione immensa, caratterizzata dal grande impegno politico e culturale, discepolo delle principali tendenze letterarie a lui coeve, dal Neorealismo al Postmoderno. Eppure oggi conosciamo soltanto un unico Italo Calvino, quello raccontato nelle scuole, l'autore di capolavori come la trilogia de I nostri antenati, Marcovaldo e Le Cosmicomiche. In realtà, c'è anche un Italo Calvino dalla forte impronta civile, non neorealista. In fondo Calvino ha sempre tenuto una certa distanza dalle correnti letterarie del secondo Novecento, svolgendo un percorso di ricerca personale e coerente».

Non è un caso che proprio Marco Balzano sia ospite all'Incipit per parlare di Calvino. Difficile capire gli intrecci tra la produzione letteraria dello scrittore finalista del Premio Strega 2018 e quella di Calvino, ma come afferma Marco Balzano: «Nella mia produzione letteraria traggo grande spunto da Calvino: per me è un esempio di stile e di fantasia letteraria. Spesso dei libri non guardo tanto alla trama, quanto al modo in cui una storia viene raccontata. E in questo senso Calvino è stato un maestro: è ammirabile il modo in cui Calvino ha raccontato, nel capolavoro Il Sentiero dei Nidi di Ragno, la seconda guerra mondiale e la resistenza partigiana attraverso il punto di vista di un bambino».

Gran parte dell'incontro sarà incentrato sulla ricerca dell'eredità di Italo Calvino oggi. Marco Balzano dà una sua interpretazione: «La letteratura neorealista del secondo Novecento è stata senza dubbio una corrente letteraria importante ma troppo in fretta archiviata. Questa è la grande eredità che lascia Calvino: le sue opere richiamano un periodo letterario da non dimenticare e da analizzare tutt'oggi».

Insieme con Marco Balzano, si parla anche del suo ultimo romanzo: Resto Qui. L'autore racconterà il dietro le quinte delle proprie opere e del suo ultimo lavoro. Resto qui è ambientato in Sudtirolo e Veneto, una parte d'Italia dove le dighe hanno sommerso e devastato paesi. Nonostante ciò, bisogna pur continuare a vivere. Aiutata da questa consapevolezza, Trina non si arrende e parte alla ricerca della figlia scomparsa.

Potrebbe interessarti anche: , Lo Stato Sociale: Sesso, droga e lavorare, un romanzo collettivo per scendere negli inferi della precarietà , Nadia Terranova: «Il desiderio, stimolo per superare i propri limiti». La candidata allo Strega a Genova per Book Pride 2019 , Book Pride 2019, le Stelle polari: il programma degli incontri a Genova. Con Nada, Cognetti e De Gregorio , Tutti i giorni è così, Centazzo svela i segreti di Cala Marina , Centazzo, Il libretto rosso dei pensieri di Miao: istruzioni per una società gatto-comunista

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.