Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Musica Genova Lunedì 27 agosto 2018

African
© Pixabay

Genova - Anche quest'anno torna il Festival Musicale del Mediterraneo, in programma dal 31 agosto al 15 settembre.

Tra i primi in Italia e in Europa per storicità, continua in questa nuova edizione a promuovere l’incontro tra le arti e tra le etnie, tra il passato e il presente, con uno sguardo deciso verso il futuro. Protagonisti saranno suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo: Marocco, Senegal, Grecia, Ghana, Rwanda, Spagna, Belgio, Francia, Etiopia, Algeria, Tunisia, Austria, Sud africa, Angola e Somalia.

Il tema di questa edizione, la ventisettestima è Eurafrica in un incontro tra musiche, che assume talvolta la valenza metaforica delle relazioni tra esseri umani, generando un nuovo spazio di condivisione all'interno di una storia che ci racconta come i due continenti sono stati luoghi di incontri comuni, di scambi, crocevia di influenze giunte dal Mediterraneo, dal Vicino Oriente, dalla civiltà egiziana e araba, dall’Asia. La musica ci racconta quanto l’Africa sia stata influenzata dall’Occidente e le sue colonie e quanto, a sua volta, l’Africa abbia influenzato l’Occidente.

In programma eventi rari, talvolta unici, a partire dalla prima europea di Arpa Jonda - Flamenco meets Griot, il  concerto inaugurale del primo settembre, con due virtuose andaluse che, attraverso il suono del magico strumento e l’incanto delle loro voci, incontrano la Kora africana e l’arpa dei Griot senegalesi. E poi, le sonorità etiopi di Gabriella Ghermandi con il progetto Atse Tewodros (4/09). Protagonista la voce straordinaria di Naziha Azzouz (5/09), con la prima nazionale del Azzouz & El feminin Taraab, un trio al femminile che unisce voci e ritmi tunisini e algerini con la tradizione popolare europea.

Attesissimo iconcerto speciale realizzato dalla cantante attrice M'Barka Ben Taleb  e il polistrumentista Marzuk Mejiri, che insieme hanno creato Tunisi canta Napoli (6/09), un repertorio misto che unisce le due città. Si prosegue con l'Omaggio all'Africa di Pierpaolo Pasolini (7/09), partendo dal documentario Appunti per un Orestiade africana con lo straordinario pianista Stefano Battaglia, la voce friulana di Elsa Martin, l’attore di Peter Brook Tapa Sudana, le sperimentazioni sonore di Echo Art.

E ancora Mozart incontra gli Zulu dello Zimbabwe con Mozuluart (8/09), un progetto che unisce Vienna al Sudafrica, la musica classica mozartiana con le polifonie delle township, l’incontro tra la pizzica e la capoeira, in Ulìa, diretto da Anna Cinzia Villani, salentina doc (12/09). Si chiude con la cantante e attrice italo-somala Saba Anglana, il 15 settembre.

Il Festival del Mediterraneo si contraddistingue per le esclusive nazionali, per i programmi focalizzati su temi specifici e per le location prestigiose come i Musei di Castello D’Albertis, i giardini di Palazzo Reale e Palazzo del Principe, i cortili dei palazzi storici di Via Garibaldi, Palazzo Ducale, il Porto Antico e le piazze e vie del centro storico, con concerti ed eventi collaterali a carattere espositivo e workshop.

L’Unesco da molti anni riconosce e patrocina l'evento per l'importanza della valorizzazione dei linguaggi e la promozione delle culture dei popoli.

Nei quasi tre decenni di programmazione, decine di migliaia di spettatori hanno potuto assistere ad eventi unici e rari: dagli Aborigeni australiani ai Dervisci turchi, dai Tuare del deserto agli Indios dell'Amazzonica, dai grandi tamburi giapponesi a quelli del Burundi, e poi polifonie Zulu, incontri tra Antonella Ruggiero e l'orchestra multietnica della Banda di Piazza Caricamento, musiche da tutti i continenti, per tutte le tipologie di pubblico, inclusi eventi per i bambini.

Programma:

venerdì 31 agosto

  • piazze e strade del centrostorico World percussion meeting (Marocco, Italia, Senegal)
  • Porto Antico - Banano Tsunami dalle 18.30 live Albert Sardei & Technoir (Italia, Grecia, Ghana, Rwanda) e dj set Eurafrica Guido Sarpero

 sabato 1 settembre                                                                                                                                                           

  • piazze e strade del centro storico dalle 18 World percussion meeting (Marocco, Italia, Senegal)
  • Porto Antico - Banano Tsunami dalle 18.30 live Albert Sardei & Technoir (Italia, Grecia, Ghana, Rwanda)                                                                                                                                                    
  • Palazzo Reale (Via Balbi 10) alle 20.30 Flamenco meets Griot (Spagna, Senegal) - PRIMA NAZIONALE

domenica 2 settembre

  • piazze e strade del centro storico dalle 18 World percussion meeting (Marocco, Italia, Senegal)

 lunedì 3 settembre

  • Palazzo Ducale (piazza Matteotti 5) alle ore 20.30  Fatala - Sylla, Vandenabeele, Sissoko (Senegal, Belgio, Francia)                                                                                                   

martedì 4 settembre

  • Castello D’albertis (Corso Dogali 18) alle ore 20.30 Atse Tewodros (Etiopia, Italia)                                     

mercoledì 5 settembre                                                                                                                                                     

  • Palazzo Rosso (via Garibaldi 18) alle ore 20.30 prima italiana in collaborazione con Musicaround    Azzouz & El Feminin Taraab (Algeria, Francia)

mercoledì 6 settembre

  • Palazzo Tursi (via Garibaldi 9) alle ore 20.30  Mbarka Ben Taleeb & Marzuk Meijiri - Tunisi canta Napoli (Tunisia, Italia)                                                                                                 

giovedì 7 settembre   

  • Palazzo Ducale alle ore 20.30 in collaborazione con Il Celso Omaggio all’Africa di Pasolini                       

venerdì 8 settembre                                                                                                                                                          

  • Palazzo Ducale alle ore 20.30   Mozuluart (Austria, Sudafrica)

 mercoledì 12 settembre

  • Palazzo del Principe (Piazza del Principe 4) alle ore 20.30  Ulia’ pizzica meets capoeira (Italia, Angola, Brasile)                                                                                                                                           

venerdì 14 settembre

  • Palazzo Reale alle 20.30 La banda di piazza Caricamento welcome Africa (cinque continenti)  in collaborazione con Teatro dell’Arca                     

 sabato 15 settembre                       

Palazzo Tursi alle ore 20.30 Saba Anglana (Italia, Somalia)   

Biglietteria in sede concerti aperta a partire da 2 ore prima inizio concerto - Posti non numerati

Ingresso intero 10 euro - ridotto 8 euro- abbonamento Festival 60 euro

Parate centro storico e live Banano Tsunami gratuiti

Potrebbe interessarti anche: , Ponte di Genova: concerto-omaggio sulla Rai. Sarà aperto al pubblico? , Moreno, la poesia in rima per il nuovo ponte di Genova. Testo e video , Jack Savoretti canta Andrà tutto bene, con i proventi al San Martino. Il video

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.