Food Genova Venerdì 9 marzo 2018

Genova, riapre la Cremeria Buonafede: dal nuovo gusto Rolli alla pànera

La famiglia Ghiotto
Altre foto

Genova - Krapfen alla crema, panna fresca ben in vista e pronta ad accompagnare il caffè, dolci artigianali e un gelato legato al territorio. Riapre l'antica Cremeria Buonafede nei caruggi di Genova. Il locale, in via Luccoli 12r, riabbraccia genovesi e turisti, che per alcuni mesi non avevano più potuto gustare pànera e panna realizzate seguendo la stessa preparazione artigianale da quattro generazioni.

La rinnovata Cremeria Buonafede inaugurerà ufficialmente sabato 10 marzo, dalle 16.30 alle 19.30, con il lancio del nuovo Gusto Rolli, ideato e realizzato da Romeo Ghiotto e dai figli Simone e Andrea.«L'abbiamo pensato per la riapertura -  dice Simone Ghiotto - È un semifreddo con panna, mascarpone e un zabaione al Rum. Abbiamo poi creato un Pan di Spagna alla mandorla inumidito con bagna al rum. Perché il nome Rolli? Abbiamo un laboratorio di produzione nel Palazzo Grillo, un dei tanti Rolli».

«Siamo l'ultima Cremeria ancora aperta di sette a Genova - racconta soddisfatto Romeo Ghiotto - Per motivi tecnici abbiamo dovuto prolungare la chiusura, ma ora la gente è contentissima. La nostra pànera? Abbiamo rilevato nel '70 la ricetta dagli zii. La ricetta di questo semifreddo al caffè è catalogata al Ministero delle Politiche Agricole e Agroalimentari come prodotto tipico ligure con produzione a Genova».

Questo storico locale è reduce da un restyling completo, ma al tempo stesso rispettoso della tradizione ultrasecolare di quello che, nel 2014, è stato insignito del titolo di locale storico di tradizione dalla Direzione per i beni culturali e paesaggistici della Liguria. I Ghiotto rappresentano la terza e quarta generazione della famiglia da tutti conosciuta come "Buonafede". Questo è l'appellativo dato alla dinastia lattaia fondata a fine '800 da Giacomo Parodi. Dal matrimonio con Teresa Baghino, Parodi ebbe un figlio maschio e nove figlie femmine, alle quali venne affidata la gestione dei vari punti vendita che via via venivano aperti in città per commercializzare il latte raccolto dal capofamiglia nelle valli dell'entroterra. Aperta nel 1913, questa Cremeria è oggi l'unica superstite originale di questa storia romanticamente anacronistica.

«Piccoli miracoli che a Genova resistono, e che bene rendono l'idea del fermento che ancora oggi, a dispetto di tutte le difficoltà, caratterizza il tessuto commerciale del nostro centro storico - sottolinea Francesca Recine, presidente dell'Unione degli operatori economici di via Luccoli - La stessa scelta fatta da Romeo e Simone di intitolare ai Rolli la loro ultima creazione, evidenzia ulteriormente il legame storico e indissolubile tra la Cremeria Buonafede e la città vecchia. Da presidente di Civ, non posso che essere orgogliosa di questa storica attività e delle tante altre che animano le nostre strade».

«E, a questo proposito, mi fa piacere dare il bentornato anche ad un'altra istituzione di via Luccoli, il negozio di abbigliamento artigianale Lo Spaventapasseri, che in questa stessa settimana ha riaperto i battenti al 30 rosso, in un locale ancora più ampio e bello del precedente. Due belle notizie in pochi giorni, che ci raccontano di una realtà sempre più viva ed accogliente».

Potrebbe interessarti anche: , Settimocielo: tutto un altro aperitivo! Serate a tema, specialità genovesi e tante novità , Genova, apre un'osteria in piazza Lavagna: dai piatti tradizionali al pesce , Liguretto: il Sorbetto al limone e basilico diventa un marchio e gareggia a Gelato Festival 2018 , Coop Liguria: sconto del 20% sui prodotti liguri per due settimane , Genova, riapre la storica Ostaia Cicala nei caruggi: l'antico aperitivo zeneize

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Un amore così grande Di Cristian De Mattheis Commedia Italia, 2018 Vladimir parte dalla Russia, San Pietroburgo, dopo aver perso la mamma alla volta dell’Italia, Verona, alla ricerca del padre che non aveva mai conosciuto. Quest’ultimo ha abbandonato la madre di Vladimir a San Pietroburgo quando lui aveva pochissimi... Guarda la scheda del film