Teatro Genova Baia del Silenzio Venerdì 26 maggio 2017

Festival Andersen 2017 a Sestri Levante: 20 anni di teatro di strada, 50 di fiabe

Sestri Levante. Il video sotto è di Sergio Gibellini
© Simone Barli - facebook.com/AndersenFestival/photos

Genova - Sono 70mila le presenze registrate lo scorso anno. Ora si punta alle 100mila per i 50anni del Premio Letterario Andersen dedicato alle fiabe che segna anche il ventennale del Festival Andersen. Per festeggiare nuove collaborazioni con realtà istituzionali della cultura (il Teatro Carlo Felice, la Fondazione Palazzo Ducale, il Festival della Scienza) che dimostrano un modo virtuoso "per tenere insieme la storia che questa manifestazione ha avuto per tutta la regione", afferma la sindaca di Sestri Levante, Valentina Ghio.  

Motivi per festeggiare il Festival Andersen, che si terrà a Sestri Levante dall'8 all'11 giugno 2017, ne ha moltissimi, non solo perché è cresciuto nel tempo ma anche per i recenti riconoscimenti internazionali ricevuti: il patrocinio del Presidente del Parlamento Europeo e l'ambito Effe Label, ottenuto proprio grazie all'identità del Festival Andersen: «a multidisciplinary street festival  of interesting artistic and cultural values with a good international profile», come recita la motivazione della giuria a firma di Darko Brlek e Jonathan Mills. Intanto martedì 30 maggio una delegazione si recherà a Bruxelles per presentarsi al Parlamento Europeo che ha giudicato la manifestazione positivamente perché «una delle più longeve dedicate ai ragazzi e anche per l'apertura internazionale». 

Le nuove alleanze si esprimono sia con forze artistiche che progettuali. Il Teatro Carlo Felice porta, per la prima volta, il Coro di Voci Bianche, trenta bambini di diverse età condotti in un percorso ormai decennale, protagonisti con Tutto nel coro è sotto la direzione del M° Gino Tanasini e la guida al pianoforte di Enrico Grillotti. Alla tradizionale parata di 1000 bambini della mattinata d'apertura, giovedì 8 giugno, con le scuole, faranno da contro canto venerdì 9 (alle 19) i giovani coristi che daranno il là agli eventi  in cartellone nella Baia del Silenzio dove si avvicenderanno Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura e A Filetta (9 giugno, ore 21.30), Orchestra Popolare La notte della Taranta (10 giugno, ore 21.30), Jack Savoretti (11 giugno, ore 21).

Interviene portando un incontro su geopolitica e migrazione, Palazzo Ducale, in cui  parteciperanno Lucio Caracciolo, fondatore della rivista Limes, e Laura Canali (11 giugno, ore 19, Cortile del Convento dell'Annunziata). Prima volta anche per il Festival della Scienza incluso nel programma con un laboratorio dal titolo Rocket science, dedicato alla costruzione di piccoli razzi con materiali di recupero (dall'8 all'11 giugno al Palazzo Fascie, ore 15-16). Una mostra fotografica, dei laboratori e un incontro con Gabriele Eminente, direttore generale di MSF, per avvicinarsi al lavoro di Medici senza frontiere (atrio Palazzo Comunale - 10-11 giugno).

Più di 80 gli appuntamenti tra grandi incontri, teatro di strada, teatro ragazzi, laboratori, mostre e eventi collaterali. Leonardo Pischedda, direttore del festival, ricorda da dove tutto è partito: «Ci chiesero di partecipare. Decidemmo di mettere un piccolo palco e di chiedere a qualcuno di venire a raccontarci una storia. Poi abbiamo pensato a invadere le strade. Da lì le cose si sono ingrandite moltissimo. Per questa edizione, con la stesso spirito con cui è nata quell'idea, abbiamo scelto di rincondurre tutto proprio al tema della libertà. Parola chiave di questa edizione. I collegamenti al tema ovviamente sono i più diversi ma credo che un coro di bambini parli da sé».

Come nelle edizioni passate, molti artisti portano all'Andersen Festival le loro novità. «La serata di Paolo Fresu è l'anteprima di un disco in uscita a breve che mescola jazz a suoni mediterranei. Federico Rampini presenta una nuova conferenza-performance dedicata al tema della libertà politica, ripercorrendo le fasi che hanno portato al voto in America in Trump Blues (10 giugno, ore 19). Il concerto della Taranta, di per sé un ballo liberatorio rappresenta un'altra nuova intesa con il festival pugliese di Melpigliano. Dell'aspetto più ironico si occuperà Giuseppe Culicchia a partire dal suo libro Essere Nanni Moretti». Il concerto acustico di Jack Savoretti è una coincidenza particolare: «è la prima volta che l'Andersen Festival ospita un'artista di fama internazionale. Nato in Inghilterra, Savoretti viene da una famiglia di origini genovesi, suo nonno è tra i partigiani che hanno liberato Genova». In chiusura dopo la star della musica pop, «un grande swing».

Per il teatro di strada, «abbiamo deciso - prosegue Pischedda - di richiamare alcuni degli artisti protagonisti di successo di edizioni passate, tre vecchie glorie: Peter Weyel (Germania), Fruttillas con crema (Cile) e Julot dalla Francia. Accanto a loro tre novità: Jay Che (Singapore), Rasoterra (Italia-Francia) e Alessandro De Luca (Italia)». Spettacoli di teatro ragazzi con Michele Cafaggi in Fish&Bubbles (9 giugno ore 17), Teatro Pirata di Jesi (10 giugno, ore 17), Teatro Appesoaunfilo con Babar (11 giugno ore 17) e Escargot del Teatro del Piccione (9 giugno ore 18).

Le fiabe? Per i 50anni del Premio Letterario Andersen che premia favole inedite da tutto il mondo, sono state selezionate e impacchettate per una maratona alcune delle più belle fin dalla prima edizione per «ripercorre anche la storia d'Italia, proponendo diversi modi di scrivere e leggere le favole», qui altri nuovi protagonisti gli allievi della Scuola di Recitazione del Teatro Stabile di Genova.

Ci sarà anche un'ospite fuori programma dalla Danimarca, che ha confermato solo in questi giorni, la scrittrice Jessica Alexander che parlerà del metodo educativo per crescere figli felici. E poi lanci di aquiloni, gara di bici, di canoe, una corsa riservata agli under11 e una performance in cui i bambini diventano alberi e nella notte ci accompagnano in un viaggio tra luci e forme, il 9 giugno (ore 21) - da un laboratorio con Antonio Panella e Susanna Groppello.

Potrebbe interessarti anche: , Sogni per una verità non dicibile in Deflorian/Tagliarini. La recensione , Penultimo spettacolo al BLoser: Per una donna. La recensione , Emma Dante al Teatro della Corte: le anime nude di Bestie di Scena , Marina Cvetaeva in Easy to remember di Ricci e Forte al Duse. L'intervista , Comicità, poesia, riflessione politica in Labbra di Irene Lamponi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Scappo a casa Di Enrico Lando Commedia Italia, 2019 Per Michele, quel che conta è apparire: far colpo sulle belle donne (solo per accumulare punti su un’applicazione di incontri), guidare macchine di lusso (non perchè ne sia proprietario ma perchè lavora come meccanico nella concessionaria che le... Guarda la scheda del film