Genova Venerdì 1 luglio 2016

Mario De Biasi: la mostra fotografica a Masone

Gli italiani si voltano
© Mario De Biasi

Per informazioni sulle associazioni di volontariato di Genova contattate il Celivo al numero 010 5956815.

Genova - Sabato 2 luglio, ore 16, presso le sale espositive del museo civico Andrea Tubino di
Masone, l'inaugurazione della diciannovesima Rassegna internazionale di fotografia, organizzata dall'associazione Amici del Museo di Masone. L'edizione di quest'anno sarà dedicata al grande fotografo italiano Mario De Biasi.

Con la rivista Epoca, nel 1953, De Biasi ha iniziato la propria carriera in veste di fotoreporter, durata fino agli anni '80. Durante questo trentennio ha effettuato reportage da diversi paesi. Tra questi si ricordano quello sulla rivolta d'Ungheria del 1956, le immagini della New York negli anni Cinquanta e ritratti come quelli di Marlene Dietrich, Brigitte Bardot e Sophia Loren.

De Biasi ha esposto nella mostra The italian metamorphosis, 1943-1968 e una sua opera è stata utilizzata come manifesto ufficiale della manifestazione; nel 1994 la sua foto Gli italiani si voltano, in cui è ritratta, di spalle, una giovane Moira Orfei, è stata esposta al museo Guggenheim di New York.

De Biasi si è occupato prevalentemente di cinema, architettura e natura; ha tenuto negli anni mostre e workshop. Ha pubblicato diversi libri e ne ha ricevuto premi e riconoscimenti (fra questi, il Premio Saint Vincent per il giornalismo, nel 1982 e, nel 2003, il titolo di Maestro della Fotografia Italiana, massima onorificenza della Federazione Italiana Associazioni Fotografiche che, lo stesso anno, gli ha dedicato una monografia).

Il 7 dicembre 2006, su proposta dell'assessore alla Cultura Vittorio Sgarbi, il Comune di Milano gli conferisce la sua massima onorificenza, l'Ambrogino d'oro, con la seguente motivazione: Bellunese di nascita, ma vissuto quasi sempre a Milano, Mario De Biasi è uno dei decani del fotogiornalismo italiano. Quando inizia la sua ricognizione fotografica nella Milano del Dopoguerra è capace difar comprendere l'evoluzione dei costumi e il dinamismo della metropoli. Con le sue immagini offre una chiave di lettura di una città che in quasi sessant'anni subisce trasformazioni tanto significative da renderla spesso irriconoscibile. Da autentico milanese d'importazione, De Biasi, amando profondamente la nostra città, ha saputo interpretare ogni suo piccolo mutamento, ogni magico istante, tutte le realtà più genuine e le luci di una Milano che non ha età.

«I fotografi piemontesi Andrea Gandino, Andrea Gaione e Lino Scarsi sono gli altri autori che esporranno a questa Rassegna, che organizziamo ormai da anni», spiega Gianni Ottonello, presidente degli Amici del Museo, che continua: «La prima mostyra era dedicata a Berengo Gardin, mentre l'anno scorso abbiamo dedicato la mostra a Chiara Samugheo, che è venuta a inaugurarla».

I volontari che si occupano delle attività del museo di Masone sono una decina: «Abbiamo anche un comitato scientifico, che si occupa delle nostre molte attività culturali. L'anno scorso, con la mostra fotografica di Chiara Samugheo, abbiamo raggiunto i 2500 visitatori».

Potrebbe interessarti anche: , Associazione San Marcellino: dall'accoglienza ai laboratori, per ritrovare il gusto della vita , Premio per esperienze innovative di partnership sociali 2017 al progetto Smart Home , Il mago dei bambini speciali: una fiaba per parlare di disabilità , 150 anni di Azione Cattolica Diocesana: una veglia per festeggiare , Mondo in pace 2017 a Palazzo Ducale: il programma

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Il testimone invisibile Di Stefano Mordini Thriller 2018 Adriano Doria è "l'imprenditore dell'anno" nella nuova Milano da bere. Guida una BMW, porta al polso un Rolex vistoso, ha una moglie e una figlia adorabili e un'amante bella come Miss Italia. Ma ora si trova agli arresti domiciliari, accusato di... Guarda la scheda del film