Teatro Genova Venerdì 29 aprile 2016

Genova Outsider Dancer, il festival a passo di danza

Svetlana Zakharova, ospite di Genova Outsider Dancer - Festival Internazionale di Danza 2016
© carlofelicegenova.it
Altre foto

Genova - Un piccolissimo body blu, poi rosa; scarpette a mezza punta a raccontare momenti che sembrano disegnati a giri di pirouette e due occhi stretti nell'abbraccio della danza. Quella danza che ti insegna il valore della costanza, dell'impegno e riesce ad esprimere pezzi di anima.

Da sabato 7 maggio a domenica 24 luglio 2016 una sinfonia che ha l'eco del mare guida il pubblico tra gli appuntamenti di Genova Outsider Dancer - Festival Internazionale di Danza 2016. Dalla classica alla contemporanea passando per il tango: la rassegna è pronta ad offrire un variegato ritratto del mondo della danza, con un ampio sguardo al futuro e senza dimenticare il passato. «Un'impresa collettiva per la città», afferma Maurizio Roi, sovrintendente del Teatro Carlo Felice. Dal tempio della musica classica fino a un polo di ricerca e sperimentazione come il Teatro Akropolis: sono mille le sfaccettature di questo festival che si svolge in diverse location della Superba.

Eventi che scorrono nel fluire del tempo e dei movimenti. Come i miti che si incontrano in uno degli eventi cardine della manifestazione: Amore, lo spettacolo che Svetlana Zakharova propone domenica 3 luglio al Teatro Carlo Felice. L'étoile del Balletto del Teatro Bol’šoj di Mosca e del Balletto del Teatro alla Scala di Milano porta a Genova un nuovo programma che si snoda attraversando le musiche di Čajkovskij e Mozart. Dalla storia di Francesca da Rimini fino a un tocco di irriverenza, passando per un sogno, come la pioggia prima di cadere: questo è il viaggio che Zakharova porta sulle assi del Carlo Felice.

Ma facciamo un passo indietro e iniziamo, come in una partitura musicale, dalla prima nota. A dare il la al Festival Internazionale di Danza, il Teatro della Tosse che con OrfeoRave (7-11 maggio) arriva alla Fiera del Mare. Lo spettacolo, per la regia di Emanuele Conte e Michela Lucenti (Balletto Civile), «esce dal teatro e va a occupare - usando le parole di Amedeo Romeo, direttore del Teatro della Tosse - un'importante area della città, dall'alto valore simbolico che per l'occasione si trasforma in uno spazio teatrale». Secondo la cifra stilistica propria del teatro di salita Sant'Agostino, OrfeoRave «è uno spettacolo che va oltre le barriere: partendo dal mito di Orfeo, mescola danza, prosa e musica dal vivo con dj set».

Dopo The Big Dance Pledge (20 maggio - Porticato Teatro Carlo Felice), il programma del Festival Internazionale della Danza prosegue a Casa Paganini con Blind Sight (24 maggio), coreografie di Sagi Gross con la GrossDanceCompany. «Una proposta internazionale che vuole unire danza e musica», afferma Roberta Canu, direttrice del Goethe Institut Genua e che sembra parlare, attraverso il linguaggio della danza, la voce di un dialogo che va oltre i movimenti del corpo. «La GrossDanceCompany è una compagnia relativamente giovane - prosegue Canu - e formata da tante nazionalità. Il suo focus è quello di analizzare il rapporto fra l'individuo e il suo contesto socio/culturale attraverso la danza e la musica».

Fluendo nella sensualità del tango argentino (Festival Internazionale del Tango Argentino - 23 giugno, Palazzo Ducale/10 luglio - Teatro Carlo Felice/22 luglio - Boccadasse) si arriva alla danza contemporanea con Fuori formato (28 - 30 giugno), un libro di storie in movimento a cavallo tra Palazzo Bianco e Palazzo Ducale. Il progetto unisce performance di talenti del territorio ligure e video danza e dà l'opportunità agli artisti di far conoscere il proprio lavoro anche a professionisti del settore. Un modo per valorizzare la Liguria e, nel contempo, donarle un respiro di apertura. Fuori formato vede in prima linea, tra i promotori, Teatro Akropolis, Rete Danzacontempoligure e Augenblick.

Le proiezioni di video-danza trasmesse in loop a Palazzo Ducale (che partecipano a un concorso dedicato al settore) sembrano ballare un pas de deux con le immagini di Danza con me. Ospitata dal 11 giugno al 24 luglio presso la Sala Liguria di Palazzo Ducale, la mostra dedicata a Serge Lido offre un viaggio in compagnia dell'«occhio della danza» - come lo definisce Elvira Bonfanti di Palazzo Ducale - attraverso il '900, «secolo di rivoluzione del corpo e, dunque, fondamentale per l'arte del movimento». Nei sali d'argento originali possiamo vedere nel cuore di mostri sacri come Rudolf Nureyev, Mikhail Baryshnikov, Martha Graham, Pina Bausch, ma anche fare un salto nella Parigi della rive gauche tra Jean Cocteau e Jean Genet che, come sottolinea Bonfanti, «hanno saputo intercettare a loro modo il mondo della danza del tempo».

Ma Genova Outsider Dancer è ancora di più: un ballo dove i passi si confondono, si perdono per intrecciarsi nuovamente. Da OrfeoRave fino all'appuntamento conclusivo con il tango argentino, il Festival è una danza che inanella esperienze: da Otello di OpusBallet (7 luglio - Porto Antico) a Carmen K di Compagnia Artemis Danza - Monica Casadei (20 luglio - Porto Antico) passando per lo Stage Internazionale Genova in danza (6-10 luglio, Teatro Carlo Felice) e quello di Ammonia Danza (11 luglio - Teatro Carlo Felice).

Fino a toccare anche gli spazi di Villa Croce: «un'istituzione importante della città», sottolinea Maurizio Roi, che fa cenno alla «volontà di costruire un rapporto con l'arte contemporanea» (Everyone gets lighter - All!, progetto e realizzazione Kinkaleri - 8 luglio).

Insomma un Festival più da danzare che da descrivere, edizione zero che spera di essere qualcosa di più, un progetto da portare avanti nel tempo che «possa accendere le luci su Genova come polo per la danza a livello internazionale», come sottolinea Ariel Dello Strologo, presidente di Porto Antico Spa, teatro di quattro appuntamenti di Genova Outsider Dancer.

Avete mai visto i piedi di un danzatore? da piccola rimanevo incantata a guardare quelli di Rudolf Nureyev: consunti da quella bellezza che solo i tanti passi sanno concedere. Quei passi - a volte riusciti, a volte di inciampo - che disegnano la danza di ognuno di noi.

Potrebbe interessarti anche: , Capodanno Genova 2019 a teatro: spettacoli, orari e biglietti , Tegras verso la 14esima edizione. Un'incontro il 16 dicembre sul palco di Stradanuova , Lo Schiaccianoci, balletto al Carlo Felice: un classico di Natale tra sogni e tradizione , Sergio Maifredi: primo Sovrintendente alla guida del Teatro Sociale di Camogli , Circo, teatro, acrobatica, poesia in bilico in Circumnavigando 2018-19

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Alpha Un'amicizia forte come la vita Di Albert Hughes Azione, Drammatico, Thriller U.S.A., 2018 Dopo una battuta di caccia finita male, un giovane uomo delle caverne lotta contro una serie di ostacoli per ritrovare la strada di casa. Un’emozionante storia di crescita ed iniziazione arricchita dal forte rapporto tra il protagonista e un lupo. Guarda la scheda del film