Genova Venerdì 22 aprile 2016

Avis: donare il sangue è cultura

© shutterstock

Per informazioni sulle associazioni di volontariato di Genova contattate il Celivo al numero 010 5956815.

Genova - «Favorire la conoscenza, la cultura, la cittadinanza attiva, così come il volontariato, la salute e la prevenzione: questo è uno degli scopi di Avis Liguria». Queste le parole di Alessandro Casale, presidente dell'associazione, che continua: «Vorremmo che, da parte di chi dona, aumentasse sempre più la consapevolezza, la coscienza e la responsabilità del proprio gesto».

Ad oggi Avis può vantare sul territorio ligure 35 punti di raccolta sangue fissi e 4 mobili.
Nel 2015 sono state effettuate in tutta la regione circa 1.500 giornate di prelievo e raccolte 31.822 di unità di sangue ed emoderivati per la raccolta di plasma.

La primavera è un momento importante per i volontari, che si preparano al difficile periodo estivo: ogni anno, durante l’estate, le riserve di sangue negli ospedali diminuiscono a causa di un calo fisiologico delle donazioni. Spiega Casale: «Nel 2015 è stata mantenuta l’autosufficienza di sangue in Liguria; il merito è sia della campagna primaverile Avis, del lavoro dei volontari e soprattutto della disponibilità dei donatori».

Sono molti i progetti che i volontari Avis portano avanti, e che sono dedicati soprattutto ai giovani: «Siamo presenti nelle scuole con incontri e un nuovo gioco interattivo che permette spunti di riflessioni divertendosi. Nei campus universitari liguri, poi, organizziamo raccolte di sangue».

E proprio nei più giovani contano i volontari Avis: «C'è sempre bisogno di nuovi donatori, soprattutto in una regione come la Liguria, dove la popolazione sta invecchiando e la necessità di sangue aumenta. Per questo è nato il gruppo Avis Giovani, che organizza eventi dedicati».

Nel corso del 2015 è partito il progetto di servizio civile Un dono per tutti in Liguria, presso le sedi Avis comunali di Arcola, Portovenere e Savona e le Avis provinciali della Spezia e Savona: «Sono in forza dodici ragazzi, che partecipano con entusiasmo ai lavori e alla vita associativa dell'associazione», conclude Alessandro Casale: «L’impiego nel servizio civile è utile a tutti: ai ragazzi, che possono fare esperienza, magari imparare un mestiere, e ai volontari per avvicinare nuovi potenziali avisini, ma anche per confrontarsi e rimettersi in gioco».

Potrebbe interessarti anche: , Associazione San Marcellino: dall'accoglienza ai laboratori, per ritrovare il gusto della vita , Premio per esperienze innovative di partnership sociali 2017 al progetto Smart Home , Il mago dei bambini speciali: una fiaba per parlare di disabilità , 150 anni di Azione Cattolica Diocesana: una veglia per festeggiare , Mondo in pace 2017 a Palazzo Ducale: il programma

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Un altro me Di Claudio Casazza Documentario Italia, 2016 Guarda la scheda del film