Weekend Genova Giovedì 21 aprile 2016

All'autodromo Tazio Nuvolari: pilota per un giorno

Autodromo Tazio Nuvolari
© Andrea Sessarego
Altre foto

Genova - Quando entro in un autodromo,provo le stesse sensazioni del primo giorno di scuola: un mix di felicità e agitazione. Nell'avvicinamento al circuito Tazio Nuvolari di Cervesina, sento le macchine che sfrecciano in pista: sono Bmw, Audi e altri bolidi. Molto lontani dalla mia Peugeot 107, che in autostrada soffre sopra i 100 km/h. L'asfalto è rovente, il cielo terso sopra la pianura pavese.

La velocità non è mai stato il mio forte. Preferisco sedermi in poltrona e guardare Lewis Hamilton, Nico Rosberg e Sebastian Vettel darsele di santa ragione. Nulla di più. All'idea di scendere in pista sulla Bmw i8 (auto ibrida elettrica plug-in), mi tremavano le gambe. Ma volevo provarla. Questo turbamento interno rimbalza sul clima disteso all'autodromo: c'è l'inaugurazione della nuova sede di Drivincentive, il Centro di Guida Sicura dell’Automobile Club di Genova.

Nella mia testa frulla solo una cosa: il giro in pista. Prima, però, voglio godermi le macchine in bella mostra: mi adagio sulle poltrone della Bmv i8, di gran lunga migliori del divano in pelle che ho a casa, ed entro in una Formula Renault 2000 di un blu limpido, un'odierna GP2, come dicono gli istruttori di Drivincentive. Sdraiato a pochi centimetri da terra, non riesco quasi a muovere le braccia, stretto dal suo telaio. Se voglio riprovare, devo perdere qualche chilo.

Poi il buffet, leggero per non appesantirmi troppo. Intorno alle 14 arriva una notizia: faremo alcuni giri, ma da spettatori. Che peccato, penso tra me e me, ma sono comunque curioso: mi metterò nelle mani degli istruttori.

Salgo su una fantastica Bmw. Il pilota guida bene e spinge al massimo, e a me viene un po' di nausea. Staccate al limite, frenatone, traversoni in uscita di curva e 200 km/h sfiorati. Non contento, mi siedo anche sulla Mini Cooper, macchina che mi ha sempre affascinato. Anche qui due giri da paura: per fortuna guidano loro.

Contento e un po' frastornato, provo i muri d'acqua. Questa volta alla guida. Pensate sia semplice schivarli? Fabrizio Pardi, direttore responsabile Centro di Guida Sicura Drivincentive, sembra divertirsi a pigiare il bottone all'ultimo momento. Dimentico la frenata e finisco dritto nella pioggia d'acqua.

Ho trascorso una giornata divertente ed emozionante, lontano dalle fatiche quotidiane. Ma soprattutto ho capito cosa significa guidare in sicurezza. Mi sono ricordato che tenere il volante con una mano è sbagliato, e che bisogna usare correttamente freni e frizione. Poco prima di lasciare l'autodromo, giunge alle mie orecchie la frase che non ti aspetti: la posizione corretta delle mani sul volante non è più 10.10, ma 9.15.

E voi, siete sicuri di guidare bene? Presso la nuova sede operativa, attrezzata con spazi e moduli con resine e muri d'acqua specifici per i corsi, si possono effettuare corsi di Guida Sicura Auto, Moto, Fuoristrada e Veicoli Industriali, oltre che corsi di Guida Sportiva e di Pilotaggio anche con vetture monoposto. Prima la teoria, poi la pratica in pista sulle nuove vetture Ibride Plug In di Bmw, compresa la super car sportiva i8 e le elettriche i3.

«L’obiettivo è quello di aumentare la diffusione della cultura sulla sicurezza stradale - spiega Giovanni Battista Canevello, presidente dell’Automobile Club Genova - oltre a offrire agli appassionati l’opportunità di avvicinarsi allo sport motoristico in tutta sicurezza, che solo un impianto all’avanguardia può offrire. Siamo particolarmente felici della partnership con il circuito Tazio Nuvolari di Giorgio Traversa».

Per tutte le informazioni sui corsi di guida sicura visitare il sito di Drivincentive, oppure telefonare allo 010 5707082 - 5394330 - 5394315.

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Le ereditiere Di Marcelo Martinessi Drammatico Paraguay, Germania, Uruguay, Brasile, Norvegia, Francia, 2018 Chela e Chiquita, entrambe discendenti da famiglie agiate, convivono da oltre trent’anni. Dopo un tracollo finanziario, sono costrette a vendere un po’ alla volta i beni ereditati. Quando Chiquita viene arrestata con un’accusa di frode, Chela è... Guarda la scheda del film