Weekend Genova Domenica 22 novembre 2015

L'anello dei misteri: da Pieve Alta, un panorama mozzafiato

Anello dei misteri
© Cristiano Fiore
Altre foto

Per altre idee e proposte, vi consigliamo di visitare il sito di 101giteinliguria - Gite in Liguria a misura di bambino.

Il percorso potrebbe aver subito delle variazioni, causate da frane o lavori in corso. Mentelocale.it non si assume la responsabilità per i mutamenti degli itinerari e consiglia la massima attenzione.

Genova - Il nostro percorso parte dal paese di Pieve Alta. Vi consigliamo di percorrerlo in una bella domenica di primavera, o inizio autunno. Zaino e gambe in spalla per compiere un'ascesa che vi regalerà, come tutte le nostre gite di Liguria, scorci e panorami a 360° gradi. Il vostro bambino è un buon camminatore? Non neghiamogli questa bellissima opportunità (sconsigliamo questo percorso ai bambini che hanno meno di sei anni).

Perché lo abbiamo chiamato Anello dei Misteri? Sicuramente per incuriosire i bambini, ma soprattutto perché, lungo il percorso verso la chiesa di Santa Croce, si trovano, appunto, i resti di cinque cappelle votive dedicate ognuna a uno dei Cinque Misteri Dolorosi. E forse sì, dolorosa sarà un po' la salita, perché il dislivello è di 350 metri con alcuni tratti molto ripidi, ma nel suo complesso si può fare.

-----------------------------------------------------
-----------------------------------------------------

Si parte da piazza San Michele, a Pieve Alta; dal lato sinistro della piazza parte una scalinata (via XI Febbraio). Giunti in cima si svolta a destra e si arriva sulla carrabile che porta a Pieve Altissima. Poco dopo un tornate a sinistra, inizia il vero e proprio percorso, indicato da un cartello che riporta la scritta Santa Croce.

Si sale lungo la mulattiera, giungendo infine a una casa nei pressi della quale si trova un rubinetto di acqua potabile. La vista inizia a farsi davvero interessante: si prosegue fino a un bivio; la salita a quel punto diventa molto panoramica, inerpicandosi fra i muretti a secco.

Si attraversa un bellissimo boschetto di pini neri, che porta all'erta finale: un bellissimo viale erboso ai cui lati si ergono i pini da pinoli (pinuspinea), con la loro caratteristica chioma a ombrello, larga e piatta. Si arriva quindi al Monte di Santa Croce. La vista è a 360° e spazia dalla Liguria alla Toscana e le Alpi Marittime: Portofino, Capo Berta e, nei giorni più tersi, è possibile addirittura avvistare la Corsica e l'isola Gorgona.

Sul piazzale della chiesa ci sono tavoli da picnic, postazioni barbecue, una meravigliosa veranda con tavolo e una piccola costruzione dotata all'interno di un tavolo e di un'altra postazione dedicata alla carne alla brace, utile nei giorni invernali.

Nella piazza, però, è necessario prestare la massima attenzione al bassissimo parapetto del muraglione: controllate che i bambini non si avvicinino da soli al bordo.

Per la discesa noi consigliamo di scendere dal sentiero posto a destra del sagrato, in direzione Bogliasco. Anche in questo caso occorre prestare un po' di attenzione, perché alcuni tratti sono scoscesi e, a tratti, scivolosi. Dopo la rotonda di Martin (un fabbricato rurale che, in tempi remoti, ospitava l'Osteria Da Martin, ndr), si prosegue in discesa, che è ben tenuta e adeguatamente fornita di scalini, fino all'abitato di San Bernardo, dove si trova una fontana di acqua per rifocillare grandi e bambini.

Si prosegue piegando a sinistra; sulla strada si incontra un piccolo giardino botanico dove, in stagione, si possono ammirare delle bellissime orchidee. Si raggiunge Pieve Alta in poco più di mezz'ora. I bambini posso giocare ancora nel suo bel piazzale.

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Shark Il primo squalo Di Jon Turteltaub Azione U.S.A., 2018 Un sommergibile oceanico – parte di un programma internazionale di osservazione sottomarina – viene attaccato da un’imponente creatura che si riteneva estinta e che ora giace sul fondo della fossa più profonda del Pacifico...... Guarda la scheda del film