Il Cargo chiude? Tutto esaurito per Mario Perrotta - Genova

Teatro Genova Teatro del Ponente Domenica 8 novembre 2015

Il Cargo chiude? Tutto esaurito per Mario Perrotta

Mario Perrotta in 'Milito ignoto. QuindiciDiciotto'

Genova - Il Cargo al Teatro del Ponente è argomento che comincia a diventare sensibile. Le chiacchiere corrono e qualcuno parla di chiusura. Ma, in scena si va lo stesso per fortuna. Anche per il secondo titolo della stagione, Milite Ignoto. QuindiciDiciotto, di e con Mario Perrotta, il Teatro Cargo è stato però costretto a trasferire tutti: attori, tecnici e pubblico al teatrino del '700 di Villa Duchessa di Galliera, sempre a Voltri. E siccome l'apertura della stagione al Teatro del Ponente continua ad essere rimandata a data da definirsi, ieri sera, 6 novembre 2015, Maria Elena Garbero, funzionaria rappresentante di Comune di Genova e Municipio del Ponente, ha introdotto la serata per comunicare al pubblico che i lavori nell'edificio del Teatro del Ponente sono in corso e sono legati a norme di sicurezza ma non hanno niente a che fare con le condizioni strutturali. Tre ditte sono all'opera e sarà cura delle istituzioni fare tutto il possibile perché la consegna arrivi al più presto. Non si parla però di date, neanche in tempistiche di massima. All'interno dell'edificio oltre al Teatro del Ponente - sede di eventi culturali anche di altre associazioni - c'è una biblioteca altrettanto inaccessibile.

La voglia di teatro nel ponente genovese tuttavia continua a farsi sentire forte e chiara. Dopo il pienone e i lunghi applausi per il primo appuntamento della nuova stagione con Antonella Questa in Svergognata, ieri sera (6 novembre) tutto esaurito per il monologo sulla prima guerra mondiale ideato, scritto e interpretato da Mario Perrotta, già acclamato lo scorso anno per il suo Un bès Antonio Ligabue, primo atto di una trilogia intorno al pittore.

Un acrobazia in punta di lingua. Una, cento, mille voci, Perrotta incarna seduto su un cumulo di sacchi a evocare la trincea. Tante identità, ma lui è uno. Tante: tutte quelle che quell'uno sopravvissuto si ricorda: come monumento o scultura parlante. Perrotta incarna tutte quelle che l'idea stessa di milite ignoto rappresenta, ché dopo il botto non sa più il chi fossi, il da dove venissi, il che dicessi. Tra filo spinato, malattie, paura e morsi di fame tante identità regionali, tante parlate per la prima volta nella storia del nostro paese si incontravano e mescolavano, come stranieri nati nello stesso territorio perciò chiamati a difendere un'unica patria.

Piemontese, veneto, lombardo, toscano, romanesco, calabrese, napoletano, siciliano e altri ne ha nella sua feretra di dialetti Mario Perrotta, che aggiusta a seconda della platea. Come frecce queste parlate appuntano frammenti di umanità del '15-'18, modi di guardare al mondo e alle cose, punti di vista di uomini, spesso ancora ragazzi (tra i 18 e i 20 anni), che per patria avevano fino ad allora avuto solo il proprio paese, la propria vallata, la propria piana. Ma quale patria? Quella era roba da gente studiata non da poveri contadini abituati a usare il giornale per pararsi dal sole o pulirsi il sedere.

Perrotta fa vivere ogni dialetto per l'arco di una frase o poco meno, lasciando subito spazio all'altro, ricostruendo un dialogo serrato nel buio fangoso di una guerra mortale che ha sterminato un'intera generazione - 4milioni e mezzo - gli stessi che per la prima volta uscivano dai confini noti e si ritrovavano in territori spaventosamente ignoti per andare contro il nemico - che poi erano altri giovani uomini, altrettanto sacrificati, smarriti e spaventati.

La narrazione è sincopata, fitta di sfasature, cadute, riprese. Rapida anzi rapidissima è come una corsa dentro un tempo aggressivo che coglie i suoi protagonisti continuamente di sorpresa. Il ritmo è quello episodico di una mente colta da squarci di immagini che affollano la memoria filtrati dagli organi spalancati sulla realtà: la bocca, il naso, gli occhi, le orecchie, le mani. Attraverso i cinque sensi Perrotta tesse ricordi e inquadra scenari di solitudine, desolazione, smarrimento, senso di inutilità, in una parola: guerra. C'è il freddo, il puzzo, il sangue, i pidocchi, lo sporco, il fango, i botti, i cadaveri, la cancrena, le grida, gli ordini, i lampi di luce come per la festa del santo patrono, ma non c'è spazio per la pietà: gli uomini sono prede da trincea, sono carne da cannone. E quando c'è chi incredulo sfida la follia della guerra e con una risata salta fuori della trincea, il racconto si interrompe, la danza delle mani e delle braccia di Perrotta si ferma: quel sorriso è colpito a morte, le braccia si aprono, il volto si piega da un lato, il corpo va all'indietro al rallenty, gli occhi si chiudono, il sorriso sparisce. Un silenzio assordante invade la sala, tutto è immobile e la morte va in scena senza bisogno di effetti splatter.

Scegliendo di restare seduto sui sacchi della trincea per tutto il monologo, Perrotta non rinuncia al movimento, ma è con la lingua o meglio le lingue che l'azione va in scena: le parlate restituiscono umori, sapori, toni speciali sfruttando la carica evocativa, idiomatica e culturale dei dialetti. A questo esperimento linguistico Perrotta lavora con incessante attenzione e altrettanta ne chiede al pubblico. L'acrobazia è reciproca oppure si perde il senso e il filo, ma l'interprete è generoso e coinvolgente, gli spettatori si lasciano trascinare.

Una lettura originalissima, critica e poetica della guerra, che ricorda come la chi li chiamava eroi mentiva a uomini semplici usati come carne da macello da sacrificare in un folle disegno. Una drammaturgia potente come uno scoppio, ma densa come il fango, fatta di linguaggio popolare, di dettagli fisici, che ha tutta la potenza evocativa del verso ma è sempre anche intensamente descrittiva.

Lunghi applausi e commozione tra il pubblico.

Potrebbe interessarti anche: , Aggiungi un posto a tavola, il musical al Carlo Felice: grande classico del teatro italiano , Diversità, lingue e linguaggi in Vader tra teatro-danza e teatro-circo , Elio porta in scena Il Grigio di Gaber e Luporini al Teatro Modena , Teatro della Tosse: il programma 2019/2020, spettacoli dal centro al Ponente , Teatri del Paradiso: stagione 2019/20 tra spettacoli e incontri, da Camogli a Bogliasco

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.