Villa Croce: le mostre del 2015, da Warhol a Cuba - Genova

Mostre Genova Museo di Villa Croce Martedì 4 novembre 2014

Villa Croce: le mostre del 2015, da Warhol a Cuba

Eleonora Chiari (Goldschmied & Chiari) - Studio di levitazione

Genova - «Un posto magico»: così Francesco Bonami, critico d'arte di fama internazionale, definisce il Museo di Villa Croce, elevandolo dalla matassa dei tanti luoghi anonimi dedicati all'arte che ci sono in Italia. Bonami, con cui la curatrice di Villa Croce Ilaria Bonacossa ha collaborato per un decennio, è a Genova per presentare il suo nuovo libro Curator, autobiografia di un mestiere misterioso (Marsilio, 2014, 144 pp, 16.50 Eu) in occasione della presentazione delle mostre della stagione 2014/2015: «un programma di livello internazionale» commenta, sottolineando l'eterna importanza dei musei: «sono luoghi unici, e lo saranno per sempre, dove la gente si incontra ma nello stesso tempo può avere un'esperienza individuale».

«Villa Croce è uno dei primi musei civici dedicati all'arte contemporanea in Italia e nel 2015 compie trent'anni» spiega l'assessora alla Cultura del Comune di Genova Carla Sibilla, che esprime tutta la sua soddisfazione per il successo della gestione pubblico-privata dell'ultimo biennio. «La fiducia a Ilaria Bonacossa è totalmente confermata», prosegue: «grazie alla collaborazione tra Comune di Genova, Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura e un gruppo di privati (guidati da Hofima - holding finanziaria Malacalza, con Casa di Cura Montallegro, Eos - Bsi Group e partner come la Fondazione Edoardo Garrone), il museo è diventato più vivo e snello, un vero punto di riferimento per la città, e ha registrato un aumento di visitatori del 22%».

La stagione 2014/2015 parte con la mostra La democrazia è illusione del duo di artiste italiane Goldsmchmied & Chiari (dal 14 novembre al 25 gennaio): «attraverso foto, video, installazioni e collage di materiali eterei come sabbia e fumo Sara Goldsmchmied ed Eleonora Chiari mettono in discussione il rapporto tra illusionismo e Guerra Fredda», spiega Bonacossa.
A questa si sovrappone A dangerous critical present, mostra del duo australiano A Constructed World alias Geoff Lowe e Jacqueline Riva (dal 21 novembre all'8 febbraio), che portano a Villa Croce «le loro anguille di bronzo insieme a una selezione di quasi vent'anni di lavori» per la loro prima retrospettiva in Italia.
Nell'ultimo scampolo di 2014, da segnalare anche il ritorno del progetto Genova maXter Program (dal 22 al 30 novembre), residenza intensiva dedicata a giovani artisti francesi sotto la guida degli artisti tutor A Costructed World e Matteo Rubbi.

Il 2015 si apre con Mapas², un progetto realizzato a Cuba e composto da due azioni artistiche site specific delle fotografe Giuditta Nelli e Anna Positano (dal 6 febbraio all'8 marzo).
Nel corso della primavera, poi, «trasformeremo Villa Croce in una casa» preannuncia la curatrice, «per dimostrare come l'arte possa entrare direttamente nella vita delle persone e rendersi spunto per immaginare il futuro». Il pretesto è la mostra Comparare Warhol a Genova nel '63 (da marzo a giugno), che ospita oltre 60 opere della collezione genovese di Rosetta Barabino, mai presentata al pubblico prima d'ora, e comprendente lavori, tra gli altri, di Andy Warhol e Alighiero Boetti, Carl Andrè e Donald Judd, Robert Morris e Micol Assarel.

Arriva a Genova anche Susan Philipsz con la mostra diffusa Sentire la città (da aprile a giugno). «L'artista scozzese porta le sue sculture sonore in diversi luoghi del centro, quattro Palazzi dei Rolli e altri tre monumenti» anticipa Ilaria Bonacossa: «per l'occasione è previsto un lavoro speciale dedicato alle prove di comunicazione via radio di Guglielmo Marconi tra Genova e Melbourne, visto che nello stesso periodo Philipsz ha in programma una mostra anche nella città australiana».
In contemporanea, a Villa Croce è allestita la mostra Collezionare il futuro. 40 anni della collezione di Sergio Bertola (da aprile a giugno), con opere di artisti come Alighiero Boetti, Tony Cragg, Maurizio Cattelan e Takashi Murakami. Come dimostra la collezione nata a Genova nel 1975, afferma Bonacossa, «collezionare artisti ai loro esordi è una sfida per indovinare il futuro e per intercettare i talenti».

Momento clou del programma 2015, la celebrazione del trentennale di Villa Croce. «Una classica cerimonia sarebbe stata troppo noiosa» commenta Bonacossa: «abbiamo scelto di festeggiare con una mostra in cui 10 giovani artisti italiani si confrontano con una selezione di opere della collezione del Museo». Un dialogo tra passato e futuro, quello proposto da Villa Croce 3.0 (dal 10 luglio al 29 settembre), che vuole «andare oltre la dimensione auto-celebrativa dell'anniversario».

Villa Croce è poi la prima tappa - successivamente sarà a Roma, Madrid e Barcellona - della mostra itinerante Art Situacions 2015-2016 (da settembre a novembre), promossa dall'omonima fondazione spagnola che ogni anno si gemella con un diverso paese europeo: protagonisti dieci artisti, cinque italiani e cinque spagnoli.
Il 2015 si conclude all'insegna dell'internazionalità: il Museo genovese partecipa al programma Are - Arte Ricerca Esposizioni (dicembre), rivolto a sei studenti impegnati in progetti di ricerca dedicati alla produzione di opere d’arte, mostre, eventi, convegni e libri d’arte contemporanea. Sempre a fine anno, Villa Croce va in trasferta a Berlino per Genova Art MaXter - Berlin (dicembre), una «vetrina istituzionale» che trasforma l'Ambasciata d’Italia nella capitale tedesca in una «scuola temporanea per un gruppo di giovani artisti».

Potrebbe interessarti anche: , Gli Anni Venti in mostra al Ducale, l'Italia tra attese e incertezze: foto, orari e biglietti , Miraggi. A Levanto l'esposizione dedicata alla produzione artistica di Erminio Tansini , Genova omaggia Luzzati con una grande mostra al Ducale: foto del Labirinto e orari , Al Porto Antico una mostra contro la plastica: il progetto PlasticFree. Foto, orari e biglietti , Io, Valerio. Il mio tempo. Nel 70° della tragedia di Superga a Vado Ligure la mostra dedicata a Valerio Bacigalupo

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.