Teatro Genova Teatro Politeama Genovese Mercoledì 1 ottobre 2014

Cavalli Marci, la reunion al Politeama dieci anni dopo

I Cavalli Marci
© Alessandro Romi
Altre foto

Attenzione! L’attesa reunion dei Cavalli Marci al Politeama Genovese slitta di tre settimane. A causa dell'alluvione che nella notte tra il 9 e il 10 ottobre ha colpito Genova, le prime due repliche dello spettacolo, venerdì 10 e sabato 11 ottobre erano state rimandate. Ora è ufficiale anche l'annullamento della terza serata, quella di domenica 13.

Gli spettacoli sono stati spostati a giovedì 30, venerdì 31 ottobre e sabato primo novembre.
Inoltre è stata aggiunta una nuova data, domenica 2 novembre, con incasso interamente devoluto in beneficenza per aiutare i cittadini genovesi maggiormente colpiti dalla alluvione.

Genova - Il Teatro Politeama Genovese apre la stagione con la rimpatriata dei Cavalli Marci e il pubblico risponde subito con una corsa ai biglietti. Quella che doveva essere una festa unica e irripetibile (venerdì 10 ottobre) ha già due repliche (sabato 11 ottobre e domenica 12 ottobre), che stanno correndo veloci verso il tutto esaurito.

I Cavalli Marci tornano sul palco, per una grande festa in onore del fondatore Claudio Nocera, a dieci anni dalla sua prematura scomparsa. L’evento aveva portato il collettivo di cabarettisti allo scioglimento: dopo le numerose collaborazioni televisive, il successo di Ciro, che li vedeva assoluti protagonisti, e la ormai storica Ventiquattrore di comicità (esibizione entrata nel Guinness dei Primati), i cabarettisti del collettivo genovese hanno preso le loro strade. Alcuni come Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu sono diventati delle star.

Il pubblico, da parte sua, è rimasto affamato di quella comicità sempre frizzante e originale che contraddistingueva il gruppo.

Cavalli Marci dieci anni dopo: il Politeama ha messo sul banco l’idea di una rimpatriata in onore del fondatore Nocera. I comici hanno subito risposto all’appello, racconta Fabrizio Pippo Lamberti: «Sembrava davvero che non stessimo aspettando altro, appena l’idea ha fatto capolino, tutti erano già pronti e l’unica cosa che volevamo sapere era quando sarebbero cominciate le prove».

Si sa, le reunion possono essere molto rischiose: possono rappresentare una fresca ventata di ricordi, come possono far realizzare che i ricordi è bene che restino tali. Ma la festa che i Cavalli Marci hanno imbastito promette di essere una grande risata dal primo all’ultimo minuto: l’energia e l’intesa che aveva portato il gruppo di ragazzi genovesi alle luci della ribalta non si è per nulla affievolita.

Vederli ballare e cantare insieme fa capire quanto tutti i membri abbiano desiderato di condividere ancora una volta lo stesso palco. Lo confessano gli attori stessi: «Dal primo momento in cui ci siamo ritrovati assieme a provare il vecchio repertorio, abbiamo tutti avuto la sensazione che il tempo non fosse passato. Le prove sono sempre le stesse, i caratteri e la scemenza generale che ci accomuna non sono cambiati».

Aggiunge Michelangelo Pulci: «Siamo solo più stagionati. Negli anni abbiamo fatto le nostre esperienze, oggi siamo attori migliori di allora. C’è una scena in cui io fingo di rompermi la schiena: dieci anni fa fingevo, oggi rischio di rompermela veramente. Siamo attori più veri».

Lo spettacolo sarà il Meglio del Meglio dei Cavalli Marci, ma i dieci comici affermano che è stato molto difficile selezionare gli sketch: tanti sono quelli che si sarebbero voluti inserire, così come tante sono le nuove ispirazioni.
Il clima che si è instaurato tra gli attori li ha subito portati a pensare a nuove scene e nuovi personaggi. Che sia più di una reunion sporadica? Nessuno si sbilancia, ma l’aria che si respira in presenza della compagnia è sicuramente carica di entusiasmo.

Raccontano Luca e Paolo: «Certo, le cose cambiano, ma noi siamo i soliti dieci imbecilli di un tempo. Come sono i Cavalli Marci oggi? Abbiamo organizzato una piccola anteprima dello spettacolo che è pure iniziata in ritardo: il motivo è che uno di noi era al gabinetto e nessuno riusciva a trovarlo. Ecco i Cavalli Marci, dieci anni dopo».

Potrebbe interessarti anche: , Lo Schiaccianoci, balletto al Carlo Felice: un classico di Natale tra sogni e tradizione , Sergio Maifredi: primo Sovrintendente alla guida del Teatro Sociale di Camogli , Circo, teatro, acrobatica, poesia in bilico in Circumnavigando 2018-19 , Davide Enia al Modena con L'abisso tratto dal romanzo vincitore del Mondello , Spettacoli tout public e pubblico protagonista alla Tosse con Resistere e creare

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

L'uomo che rubò Banksy Di Marco Proserpio Documentario 2018 È il 2007. Banksy e la sua squadra si introducono nei territori occupati e firmano a modo loro case e muri di cinta. I palestinesi però non gradiscono. Il murales del soldato israeliano che chiede i documenti all'asino li manda su tutte... Guarda la scheda del film