Outdoor Genova Martedì 22 luglio 2014

Iso Motors: da Genova alla Isetta, e poi la Formula 1

Isetta Bmw
© Jorge Rimblas / Flickr.com

È nato un nuovo spazio sulle pagine di mentelocale.it, che sarà dedicato ai motori, a cura di Claudio Rava.

La Liguria, a differenza di quanto si potrebbe pensare, non è esclusivamente legata al mare e alla nautica. Ha una propria significativa presenza nel panorama motoristico nazionale e internazionale, grazie alla conformazione del proprio territorio, ricco di montagne, di strade asfaltate e sterrate protagoniste anche del mondo dei rally.

A Genova hanno preso vita, giusto per citare due marchi noti nel mondo, Moto Guzzi e Piaggio Vespa. Quest'ultimo, oltre ad essere lo scooter più famoso al mondo, nei primi anni veniva commercializzato con lo stemma recante la dicitura Piaggio/Genova.

La storia e il presente del motoristico ligure sono rappresentati da diverse aziende, piloti e
personaggi che nei decenni hanno saputo ritagliarsi un'importante collocazione nel panorama internazionale. Pensiamo in epoca recente alla Omp Racing, azienda di Ronco Scrivia che da trent'anni veste i più importanti piloti di Formula, oppure il pilota genovese Niccolò Canepa, attualmente impegnato nel campionato mondiale Superbike con la Ducati.

L'evoluzione del mondo dei motori quali mezzi di trasporto o di divertimento si sta evolvendo nei veicoli a trazione elettrica.

Genova - Mentelocale è nato a Genova e poi negli anni si è ampliato con la redazione di Milano. E così come nel giornalismo on line, questo asse che lega la città della lanterna al capoluogo lombardo c'è anche nei motori: per questo desidero brevemente raccontare la storia della casa automobilistica Iso.

La Iso è stata un'azienda automobilistica e motociclistica con sede a Bresso (Mi) attiva nel settore dei veicoli a motore dal 1948 al 1974, e negli anni ha assunto varie denominazioni: da Isothermos a Iso nel 1949, poi Iso Rivolta dal 1962, e per finire Iso Motors dal 1973.

La Iso trae le sue origini dalla Isothermos di Bolzaneto (Ge), una fabbrica di refrigeratori elettrici e caloriferi, acquistata dall'ingegnere milanese Renzo Rivolta nel 1939 e trasferita a Bresso nel 1942, dopo che un bombardamento su Genova ne aveva distrutto gli stabilimenti.

Terminata la Seconda Guerra Mondiale, Rivolta si accorse che una delle maggiori esigenze e priorità della popolazione italiana era quella di potersi spostare tramite un mezzo di locomozione che fosse economico, molto più di un'automobile a buon mercato come la Fiat Topolino di quegli anni. Decise quindi di convertire la produzione di elettrodomestici a quella di motociclette e successivamente automobili.

Nasce così nel 1953 la Isetta, la microcar che è sicuramente il modello più celebre della casa. Nota in tutto il mondo, costruita in oltre 150.000 esemplari, la Isetta è stata prodotta dal 1953 al 1956 dalla Iso e su licenza dalla Bmw tra il 1955 e il 1962. Venne prodotta su licenza anche in Sud America con il marchio Romi e in Francia con il marchio Velam. La Isetta partecipò anche ad alcune edizioni della prestigiosa Mille Miglia, dove ottenne tra l'altro risultati di rilievo.

La Iso produsse vetture di pregio e sportive quali esempio la coupè Iso Rivolta GT 300 (circa 800 esemplari), la Lele prodotta in meno di 300 esemplari e disegnata dal grande Marcello Gandini (tra le numerose auto disegnò la bellissima Lamborghini Miura), la Fidia realizzata in quasi 200 esemplari e disegnata da un altro grande designer, Giorgetto Giugiaro.
Vettura altrettanto celebre della Iso è stata la Grifo, progettata da un'altro genio italiano quale Giotto Bizzarrini (disegnò precedentemente anche la Ferrari 250 GTO, oggi tra le vetture più quotate della casa di Maranello) e prodotta in diverse varianti per un totale di circa 400 esemplari. Il modello Iso A3C dedicato alle corse, partecipò alla 24 Ore di Le Mans del 1964.

La crisi pretrolifera del 1973 e la concorrenza di aziende quali l'Aston Martin e la Maserati in primis, spinsero la famiglia Rivolta a vendere l'azienda al finanziere italoamericano Ivo Pera. Un accordo con il giovane Frank Williams e l'azienda Philip Morris portò sempre in quell'anno alla nascita della Iso-Marlboro (con la vettura Iso Marlboro FX3B-Ford successivamente ribattezzata Williams FW), che determinò la nascita di quello che poi divenne a tutti gli effetti il Team Williams di Formula 1 ancora esistente.

L'inizio dell'avventura nelle competizioni della massima serie e la concorrenza che avanzava, determinarono alla fine del 1974 la fine della produzione di vetture stradali e la pressoché definitiva scomparsa del marchio Iso.

Potrebbe interessarti anche: , Antiche Botteghe Natalizie: il tour per scoprire antichi mestieri e tradizioni , Winter Luna Park a Genova: le novità dal 1° dicembre, con i fuochi d'artificio , Natale 2018 a Genova: tunnel di luci più lungo d'Europa, fuochi d'artificio e mercatini , Genova si candida a Capitale Europea dello Sport 2023 , Ruota panoramica 2018/2019 al Porto Antico di Genova: orari e prezzi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Tre volti Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2018 Quando riceve il video di una giovane che implora il suo aiuto, la famosa attrice Behnaz Jafari abbandona il set e insieme Jafar Panahi si mette in viaggio per raggiungere la ragazza. Il film è stato premiato al Festival di Cannes. Guarda la scheda del film