Mostre Genova Mercoledì 15 gennaio 2014

Antiqua 2014 tra Fiera di Genova e Museo dell'Accademia Ligustica di Belle Arti

Genova - Quest’anno Antiqua raddoppia: come sempre il padiglione Blu della Fiera di Genova ospiterà la mostra mercato d’arte antica, ma alcuni oggetti, ritenuti di particolare pregio dagli esperti, saranno esposti e contestualizzati nelle sale del Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti, che ospitano il meglio della pittura genovese.

Una fine selection che comprende oltre una ventina di pezzi, tra cui alcune terracotte del IV secolo a.C., tele di Pennasilico e Varni, xilografie del Seicento e un crocifisso in argento con il punzone Torretta.

Per il ventesimo anniversario di Antiqua, la Fiera di Genova, di concerto con GenovaStand Eventi e con il Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti, dà vita alla prima operazione in Italia di fusione tra un'esposizione di antiquariato e un'istituzione didattica e culturale. Quella che è a tutti gli effetti una manifestazione di stampo commerciale, più che in passato, stavolta metterà in mostra anche il suo aspetto culturale.

Attraverso dei pannelli, accanto agli oggetti di antiquariato esposti in Fiera, sarà allestito un percorso museale che illustrerà aspetti e curiosità nascoste dei capolavori conservati nel museo, nell’intento di invogliare i visitatori a fare tappa anche in centro.

Antiqua sarà ulteriormente arricchita dalla presenza degli allievi dell’Accademia Ligustica, che terranno all’interno della Fiera un laboratorio di decorazione di arredi e di facciata.

Quale suggello definitivo della collaborazione, il biglietto d’ingresso alla mostra mercato sarà valido anche per l’ingresso al museo negli stessi giorni.

«Spesso i nostri padiglioni sono percepiti dai potenziali visitatori come un luogo distante logisticamente», ha osservato Sara Armella, presidente della Fiera, «con il biglietto unico speriamo di riuscire nell’intento di far conoscere a chi viene da fuori i tanti cantieri culturali presenti in città».

Antiqua si rivolge ai professionisti del settore che vogliano trovare nuovi pezzi da inserire nelle proprie collezioni, ai privati che intendano acquistare pezzi di prestigio e a chiunque sia curioso di scoprire le storie che si nascondono dietro gli oggetti d'antiquariato.

Sessanta espositori da tutta Italia offriranno al pubblico un viaggio tra mobili, sculture e gioielli. Moltissimi i dipinti, con una scelta che parte dal Seicento per arrivare a una vasta selezione di tele della scuola ligure del Novecento.

Tra le anticipazioni da segnalare, una collezione di bronzetti rinascimentali di manifattura veneta, un monumentale candelabro realizzato da Andrea da Brescia e un rarissimo e inedito Cristo nudo in bronzo argentato di manifattura toscana, scampato ai divieti post-conciliari. Tra i dipinti annunciati, una Sosta di viandanti all’acqua acetosa di Teodoro Filippo De Liagno detto Filippo Napoletano.

Giulio Sommariva, conservatore del Museo dell’Accademia, ci ha tenuto a ricordare che, a differenza degli altri musei cittadini, che crescono attorno alle donazioni familiari, il Museo dell’Accademia nasce dalla generosità di una miriade di collezionisti: «Proprio nell’intento di ricollegare il collezionismo al museo, si è scelto di esporre una selezione di oggetti antichi di pregio in Accademia»; e ha aggiunto: «I criteri che ne hanno determinato la scelta sono stati la qualità e la presenza di un legame con le opere pittoriche esposte».

Altro aspetto rilevante messo in luce da Sommariva è il doppio sguardo al passato e al futuro che da sempre contraddistingue l’Accademia, come dimostra il tondo con l’effigie del dio Giano Bifronte, assunto fin dal Medioevo a simbolo di Genova. Proprio in quest'ottica si è scelto di far posto anche ai giovani, gli artisti di domani.

Infine, un suggerimento ottimistico per aggirare la crisi economica, argomento immancabile, è giunto dalla presidente Armella: «La soluzione è fare squadra. Tra Fiera e Accademia si tratta di una sorta di primo appuntamento che, se dovesse funzionare, potrebbe portare anche a un fidanzamento».

Potrebbe interessarti anche: , Io, Valerio. Il mio tempo. Nel 70° della tragedia di Superga a Vado Ligure la mostra dedicata a Valerio Bacigalupo , Giorgio De Chirico torna a Genova, la mostra al Ducale: foto, orari e percorso , The Art of the Brick Genova: opere d'arte fatte con i Lego: foto e percorso , Progetto Paganini Rockstar chiude con 45 mila presenze: tutti i numeri , The Art of the Brick a Genova: la mostra dei Lego. Date, orari e biglietti

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.